Reload (Tom Jones)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Reload
Artista Tom Jones
Tipo album Studio
Pubblicazione 1999
Durata 62 min : 36 s
Dischi 1
Tracce 17
Genere Rock
Pop
Etichetta Gut/V2
Note informazioni aggiuntive
Certificazioni
Dischi d'oro Canada Canada[1]
(Vendite: 50.000+)
Francia Francia[2]
(Vendite: 100.000+)
Dischi di platino Australia Australia (2)[3]
(Vendite: 140.000+)
Austria Austria[4]
(Vendite: 50.000+)
Germania Germania[5]
(Vendite: 500.000+)
Italia Italia (2)[6]
(Vendite: 200.000+)
Svizzera Svizzera[7]
(Vendite: 50.000+)
Svezia Svezia[8]
(Vendite: 80.000+)
Regno Unito Regno Unito (4)[9]
(Vendite: 1.200.000+)
Tom Jones - cronologia
Album successivo
(2002)

Reload è il titolo di un album discografico del 1999 del cantante gallese Tom Jones.

L'album è composto da 15 cover e 2 canzoni inedite (Sex Bomb e Looking Out My Windows), tutte eseguite in duetto con altri artisti. L'album è stato il più venduto della discografia di Tom Jones e ha raggiunto il primo posto nelle classifiche britanniche nel 1999 e nel 2000.[senza fonte] In tutto il mondo, ha venduto più di 2,3 milioni di copie.[10]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Burning Down the House - con The Cardigans - (David Byrne, Tina Weymouth, Chris Frantz, Jerry Harrison)
  2. Mama Told Me Not to Come - con gli Stereophonics - (Randy Newman)
  3. Are You Gonna Go My Way - con Robbie Williams - (Lenny Kravitz, Craig Ross)
  4. All Mine - con The Divine Comedy - (Geoff Barrow, Beth Gibbons, Adrian Utley)
  5. Sunny Afternoon - con gli Space - (Ray Davies)
  6. I'm Left, You're Right, She's Gone - con James Dean Bradfield - (Stan Kesler, William E. Taylor)
  7. Sex Bomb - con Mousse T - (Mousse T, Errol Rennalls)
  8. You Need Love Like I Do - con Heather Small (Norman Whitfield, Barrett Strong)
  9. Looking Out My Window - con il James Taylor Quartet - (Tom Jones)
  10. Sometimes We Cry - con i Van Morrison (dall'album The Healing Game)
  11. Lust for Life - con The Pretenders - (testo di Iggy Pop, musica di David Bowie)
  12. Little Green Bag - con i Barenaked Ladies (dei George Baker Selection)
  13. Ain't That a Lot of Love - con i Simply Red - (Willa Dean Parker, Homer Banks)
  14. She Drives Me Crazy - con Zucchero - (originale dei Fine Young Cannibals)
  15. Never Tear Us Apart - con Natalie Imbruglia - (originale degli INXS)
  16. Baby, It's Cold Outside - con Cerys Matthews dei Catatonia - (Frank Loesser)
  17. Motherless Child - con i Portishead (canzone tradizionale)

Un'edizione speciale include i remix di Sex Bomb e You Need Love Like I Do come tracce bonus.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Canadian album certifications – Tom Jones – Reload, Music Canada. URL consultato il 29 agosto 2014.
  2. ^ (FR) French album certifications – Tom Jones – Reload, Syndicat National de l'Édition Phonographique. URL consultato il 29 agosto 2014.
  3. ^ (EN) ARIA Charts – Accreditations – 2000 Albums, ARIA. URL consultato il 29 agosto 2014.
  4. ^ (DE) IFPI Austria - Verband der Österreichischen Musikwirtschaft, IFPI. URL consultato il 29 agosto 2014.
  5. ^ (DE) Gold-/Platin-Datenbank (Tom Jones; 'Reload'), BMVI. URL consultato il 29 agosto 2014.
  6. ^ Musica: Tom Jones, il nuovo singolo in radio da domani, Adnkronos, 5 settembre 2002. URL consultato il 29 agosto 2014.
  7. ^ (DE) The Official Swiss Charts and Music Community: Awards (Tom Jones; 'Reload') in swisscharts.com. URL consultato il 29 agosto 2014.
  8. ^ (SV) Guld- och Platinacertifikat − År 2000, IFPI. URL consultato il 29 agosto 2014.
  9. ^ (EN) British album certifications – Tom Jones – Reload, BPI. URL consultato il 29 agosto 2014.
  10. ^ Vedi le certificazioni

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica