Regno Wei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
History of China
Storia della Cina
MITOLOGICA
Tre Augusti e Cinque Imperatori
ANTICA
Dinastia Xia c. 2100 – c. 1600 a.C.
Dinastia Shang c. 1600 – c. 1046 a.C.
Dinastia Zhou c. 1045 – 256 a.C.
 Dinastia Zhou occidentale
 Dinastia Zhou orientale
   Periodo delle primavere e degli autunni
   Periodo dei regni combattenti
IMPERIALE
Dinastia Qin 221–206 a.C.
Dinastia Han 206 a.C. – 220 d.C.
  Dinastia Han occidentale
  Dinastia Xin
  Dinastia Han orientale
Tre Regni 220–280
  Wei, Shu e Wu
Dinastia Jìn 265–420
  Jin occidentale Sedici regni
304–439
  Jin orientale
Dinastie del Nord e del Sud
420–589
Dinastia Sui 581–618
Dinastia Tang 618–907
  (Wu Zetian 690–705)
5 dinastie
e 10 regni

907–960
Dinastia Liao
907–1125
Dinastia Song
960–1279
  Song del Nord W. Xia
  Song del Sud Dinastia Jīn
Dinastia Yuan 1271–1368
Dinastia Ming 1368–1644
Dinastia Qing 1644–1911
MODERNA
Repubblica di Cina 1912–1949
Repubblica popolare
cinese

1949–presente
Repubblica di Cina
(Taiwan)

1949–presente


Il Regno Wei (o Cào Wei, 220-265) fu uno dei regimi che controllarono la Cina durante i Tre Regni.


Le origini[modifica | modifica wikitesto]

I Tre Regni, con Wei (in alto) nel III secolo d.C.

Nell'anno 184 d.C. la Cina fu sconvolta da una rivolta di natura religiosa, nota come l' "Insurrezione dei Turbanti Gialli". Il regno, fino ad allora sotto la dinastia Han, vacillò. Da questo caos emersero grandi condottieri, tra cui Cao Cao (cinese: 曹操, pinyin: Cáo Cāo) fondatore della dinastia Wei e i due cugini Xihaou Dun e Xihaou Yuan, che si riunirono per difendere il paese e la dinastia imperiale da questa ribellione.

Dopo la sconfitta riportata dai "turbanti gialli" e la morte del loro leader, Zhang Jiao per malattia, vi fu un momento di tregua per la Cina. Il caos scoppiò di nuovo nel 190. Il consigliere dell'imperatore Dhong Zhuo prese il potere e proclamò la tirannia, ma uno dei pochi uomini ancora fedeli all'imperatore, Yuan Shao, assieme ad altri condottieri, fra cui Cao Cao, diede vita a una coalizione per contrastare il tiranno.

Lo scontro principale si svolse nella battaglia del cancello di Hu Lao: non si sa molto su come si svolse lo scontro a cui parteciparono grandi condottieri (tra cui Lu Bu, Guan Yu, Sun Jian e Cao Cao), ma alla fine Dong Zhuo fu costretto alla ritirata. Fu poi assassinato dal figlio adottivo Lu Bu e dall'ancella Diao Chan.

Wei riuscì intanto ad annettersi anche il territorio nei pressi di Chang Han. E così, il sogno di Cao Cao di unificare la Cina sotto la sua dinastia sembrò prendere piede. Nel 200, le mire espansionistiche di Cao Cao sulla piana centrale andarono a urtare con quelle di Yuan Shao. Lo scontro decisivo si ebbe nella battaglia di Guandu (200), dove Yuan Shao assalì le forze di Cao Cao, subendo però gravi perdite. Si ritirò (probabilmente a Bei Ping) e morì di malattia.

La piana centrale era ora sotto il dominio di Cao Cao, che controllava tutta la parte settentrionale della Cina, che però non comprendeva il deserto del Gobi. Proprio mentre il regno di Wei stava per essere riconosciuto ufficialmente dalla dinastia Han, Cao Cao morì di malattia (220).

Sul trono di Wei salì il figlio di Cao Cao, Cao Pi (pronunciato Tsao Pi), che fu il primo imperatore di Wei, e dal fidato consigliere Sima Yi. Il regno durò a lungo e fu prospero.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Durante il declino della dinastia Han, la parte settentrionale della Cina passò sotto il controllo di Cao Cao, segretario imperiale dell’ultimo imperatore Han. Nel 213, ricevette il nome di ‘’Wei Gong’’ (Duca di Wei) e annesse dieci città al suo territorio. Questa area venne chiamata ‘’Stato di Wei’’. A quel tempo, la parte meridionale della Cina era già divisa in due aree controllate da due signori della guerra (il Regno di Shu e il Regno di Wu). Nel 216, Cao Cao fu promosso ‘’Wei Wang’’ (Principe/Re degli Wei).

Nel 220, Cao Cao morì e suo figlio Cao Pi gli succedette al titolo di ‘’Wei Wang’’ E divenne segretario imperiale. L’anno dopo, Cao Pi afferrò il trono imperiale e affermò di aver fondato la ‘’Dinastia Wei’’, ma Liu Bei del Regno di Shu immediatamente contestò la sua ascesa al trono, e Sun Quan del Regno Wu seguì il suo esempio nel 222.

Il Regno Wei conquistò il Regno di Shu nel 263. Poco dopo, nel 265, la ‘’Dinastia Wei’’ venne rovesciata dall’ultimo segretario imperiale, Sima Yan, nipote di Sima Yi, che fondò la ‘’Dinastia Jin’’.

La capitale del Regno Wei fu posta a Luoyang.

Figure importanti[modifica | modifica wikitesto]

Figure importanti del Regno Wei furono:

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]