Rafael Sánchez Mazas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Rafael Sánchez Mazas (Coria, 18 febbraio 1894Madrid, 18 ottobre 1966) è stato uno scrittore e politico spagnolo, fu ideologo della Falange spagnola e ministro del secondo governo franchista.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Iniziò la sua attività come giornalista e fu inviato a Roma negli anni '20 per il giornale tradizionalista ABC, durante i quali si sposò con un'italiana, Liliana Ferlosio[1]. Al ritorno in Spagna fece amicizia con José Antonio Primo de Rivera e il 29 ottobre 1933 fu tra i fondatori della Falange spagnola[2], dove entrò nella Giunta direttiva. Fu tra gli autori dell'inno Cara al sol, e inventò lo slogan "Arriba España!".

Arrestato all'inizio della guerra civile spagnola dai repubblicani, riuscì a fuggire a Burgos. Ripreso, il 30 gennaio 1939 gli spararono in una fucilazione di massa a Gerona ma, ferito, fu creduto morto e si salvò. Lo scrittore Javier Cercas ha pubblicato nel 2001 Soldati di Salamina" (Soldados de Salamina) tratto dalla sua storia nel corso della guerra civile spagnola[3] e l'omonimo film di David Trueba[4].

Fu ministro senza portafoglio nel secondo governo di Francisco Franco, dall'agosto 1939 all'agosto 1940. Nel 1951 fu presidente del museo del Prado e nel 1966 fu eletto membro della Real Academia Española.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • 1915 Pequeñas memorias de Tarín
  • 1917 Quince sonetos para quince esculturas de Moisés de Huerta
  • 1934 Oración por los muertos de la Falange
  • 1951 La vida nueva de Pedrito de Andía
  • 1952 Cuatro lances de boda
  • 1956 Las Aguas de Arbeloa y otras cuestiones
  • 1971 Sonetos de un verano antiguo y otros poemas (postumo)
  • 1990 Poesías (post.)
  • 1996 Rosa Krüger

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.hermandaddelvalle.org/article.php?sid=5539
  2. ^ Rafael Sanchez Mazas nell’Enciclopedia Treccani
  3. ^ http://www.stradanove.net/news/testi/vips-02a/vapic0502020.html
  4. ^ Soldados de Salamina_David Trueba (it) - Film

Controllo di autorità VIAF: 50628984