Pyramiden

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 78°41′N 16°24′E / 78.683333°N 16.4°E78.683333; 16.4

bussola Disambiguazione – Se stai cercando il libro di Henning Mankell, vedi Piramide (raccolta).
Pyramiden nel 2005
La via principale con costruzioni in stile siberiano, 2005
La piazza centrale con il centro sportivo e la statua dedicata a Lenin, 2005

Pyramiden (in russo Пирамида) è una comunità russa situata nell'isola norvegese di Spitsbergen nelle Svalbard ed è attualmente una città fantasma.

La città si affaccia sulla baia di Adolfbukta, ad est dell'isola, in questa baia c'è il fronte del ghiacciaio di Nordenskjøldbree.

Il nome deriva dalla caratteristica forma piramidale della montagna alle spalle delle città.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Fondata nel 1910 da minatori svedesi, nel 1927 fu venduta all'Unione Sovietica, dalla quale fu utilizzata (pur essendo territorio norvegese) in virtù del Trattato delle Svalbard fino al 1991. Poi fu utilizzata dalla Russia postcomunista, sopravvivendo grazie allo sfruttamento dei giacimenti carboniferi e al turismo nei mesi estivi.

Lo stabilimento è stato abbandonato nel 1998, le case e le infrastrutture sono ancora intatte. Di Pyramiden si è occupata una puntata del programma televisivo di History Channel, La Terra dopo l'uomo (Life After People). Durante tale trasmissione è stato detto che, a causa del basso tasso di decadimento in un clima gelido, gli edifici principali della città sarebbero ancora intregri dopo 400 anni anche senza l'uomo. Molto probabilmente potrebbe essere l'ultima città a deteriorarsi sulla terra.

Pyramiden è attualmente in fase di nuovo sviluppo da parte dei russi, per accogliere i turisti. 5-6 persone sono attualmente stazionarie per migliorare le strutture ed è stato riaperto un hotel nel 2011.[1]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Back in Pyramiden, Svalbard – RUIN MEMORIES