Principato di Ansbach

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Principato di Ansbach o Brandeburgo-Ansbach fu un principato del Sacro Romano Impero, sviluppatosi attorno alla città bavarese di Ansbach. La casata regnante era quella degli Hohenzollern, che qui avevano sede col grado di margravi e di principi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Principato di Brandeburgo-Ansbach (1791)

Il principato venne fondato alla morte del Burgravio Federico V di Norimberga il 21 gennaio 1398, quando le sue terre vennero divise tra i suoi due figli. Il più giovane di essi, Federico VI, ricevette Ansbach ed il maggiore, Giovanni III, ricevette Bayreuth. Alla morte di Giovanni III, l'11 giugno 1420, i due principati vennero riuniti sotto il controllo di Federico VI, che divenne Principe Elettore col nome di Federico I nel 1415.

Alla morte di Federico I, il 21 settembre 1440, i suoi territori vennero divisi tra i suoi figli; Giovanni ricevette Bayreuth (Brandeburgo-Kulmbach), Federico ricevette il Brandeburgo e Alberto ricevette Ansbach. Ansbach venne mantenuta da un ramo cadetto della Casa di Hohenzollern, e i suoi reggenti presero così il nome di Margravi di Brandeburgo-Ansbach.

Il 2 dicembre 1791, il Principe e Margravio di Ansbach, Cristiano Federico, che succedette anche al trono di Bayreuth, vendette la sovranità sui suoi principati al Re Federico Guglielmo II di Prussia, e Ansbach venne formalmente annessa dallo stato prussiano il 28 gennaio 1792.

Principi e Margravi di Ansbach[modifica | modifica wikitesto]

nel 1791 il Principato viene venduto alla Prussia

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]