Ospedale Luigi Sacco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Azienda Ospedaliera "Luigi Sacco", Polo Universitario
Stato Italia Italia
Località 20157 Milano (MI)
Indirizzo via Giovan Battista Grassi, 74 (area nord-ovest di Milano)
Fondazione 1927
Direttore generale Dr. Pasquale Cannatelli
Direttore sanitario Dr. Ezio Goggi
Direttore amministrativo Dr. Francesco Laurelli
Sito web http://www.hsacco.it

L'Azienda ospedaliera "Luigi Sacco", Polo Universitario, conosciuto anche come Ospedale Vialba, è una tra le più importanti strutture ospedaliere di Milano.

Ha un bacino d’utenza di circa 345.000 persone. Annualmente i ricoveri in regime ordinario sono circa 17.000, quelli in day hospital circa 7.500, mentre le prestazioni ambulatoriali si aggirano attorno ai 2 milioni. Il Pronto soccorso accoglie ogni anno circa 52.000 pazienti e vengono effettuati circa 8.500 interventi. La presenza di alcuni centri di eccellenza è in grado di attrarre un numero notevole di pazienti extraregionali, pari al 10 per cento dei ricoveri ordinari.

Dati principali: 507 posti letto per ricoveri ordinari; 20 posti letto cure subacute, 31 posti letto per Day Hospital e Day Surgery, 16 sale operatorie.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La necessità di arginare la diffusione della tubercolosi, in forte ripresa al termine del primo conflitto mondiale, indusse il Comune di Milano ad iniziare nel 1927 la costruzione del Sanatorio di Vialba, uno dei primi tisicomi di pianura sorti in Italia. La nascita di un ospedale cittadino per cronici, completava la capacità ricettive di un sistema di accoglienza che comprendeva a livello territoriale anche i sanatori di Garbagnate Milanese, Cuasso al Monte, Legnano, Ornago e Prasomaso.

Inaugurato il 28 ottobre 1931, il Sanatorio di Vialba (gestito dall'INPS) è rimasto tale sino a quando fu convertito nel 1971 in Ospedale Generale Provinciale per effetto della riforma ospedaliera del 1968.

Dal 1974 l'Ospedale, intitolato al medico ed igienista lombardo Luigi Sacco (Varese 1769 - Milano 1836), diventò anche Polo Universitario dell'Università degli Studi di Milano e attualmente accoglie l'intero corso di laurea in medicina e chirurgia e in scienze infermieristiche.

Nel 1975 l'Ospedale Agostino Bassi e l'Ospedale ANEA (Associazione nazionale enti assistenziali), furono accorpati con il Sacco, a seguito della soppressione degli istituti di ricovero monospecialistici prevista dal Piano ospedaliero regionale lombardo 1974-1978.

Il passaggio dal vecchio al nuovo assetto istituzionale iniziato con la legge n. 132, del 1968, proseguito con la riforma sanitaria del 23 dicembre 1978, n. 833 - istitutiva del Servizio Sanitario Nazionale - culminava nel 1995 con il conferimento della qualifica di Azienda Ospedaliera in attuazione del decreto legislativo n. 502 del 30 dicembre 1992.

Tubercolosi, AIDS e cancro, patologie cliniche e, nello stesso tempo, malattie sociali, hanno condizionato profondamente la storia passata e recente di Vialba nella sua evoluzione da sanatorio ad azienda ospedaliera, influenzandone le dinamiche storiche e i riflessi in campo scientifico-assistenziale.

L'Ospedale "Luigi Sacco" oggi è centro di riferimento per le emergenze epidemiologiche (SARS e bioterrorismo) e per importanti patologie infettive (quali, ad esempio, l’HIV/AIDS), oltre che per altre varie malattie di natura oncologica, cardiologica, ecc., e rappresenta una delle realtà ospedaliere milanesi più conosciute a livello nazionale.

Negli ultimi anni l’Ospedale è cresciuto anche nelle aree della reumatologia, gastroenterologia, oculistica, pediatria, riabilitazione (con la creazione di un Dipartimento Interaziendale di Riabilitazione assieme alle Aziende Ospedaliere di Niguarda, ICP, Gaetano Pini e ASL Milano) e nella diagnosi e cura delle malattie psichiatriche. Il suo polo cardiologico e cardiochirurgico è tra i più apprezzati della città di Milano. Il Sacco, infine, è all’avanguardia nel campo della farmacologia clinica e nella ricerca biomedica, in particolare nel settore delle nanotecnologie e nello studio della genetica molecolare.

Università degli Studi di Milano[modifica | modifica sorgente]

Il Polo didattico di Vialba ospita uno dei tre corsi di laurea in Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Milano. Dalla sua istituzione il Polo si è contraddistinto per l’innovazione didattica e la stretta integrazione con l’Ospedale Sacco, grazie alla quale gli allievi del corso di Introduzione alla Medicina possono sperimentare l’attività nei reparti clinici fin dal primo anno.

All’interno della struttura si svolgono anche le lezioni del corso di laurea triennale in Scienze Infermieristiche. Il Polo di Vialba offre inoltre la possibilità di frequentare il corso di Tecnica della riabilitazione psichiatrica e quello di Logopedia. Presso l’ateneo sono presenti alcune Scuole di specializzazione: Chirurgia dell’apparato digerente ed endoscopia digestiva chirurgica I e II; Chirurgia generale; Malattie infettive; Medicina tropicale; Medicina del lavoro; Oftalmologia II; Pediatria II.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • M. De Filippis, L'Ospedale "Luigi Sacco" nella Milano del Novecento, Milano, Franco Angeli, 2003, ISBN 884645152X.
  • G. Cosmacini, M. De Filippis; P. Sanseverino, La Peste Bianca. Milano e la lotta antitubercolare (1882-1945), Milano, Franco Angeli, 2004, ISBN 8846455053.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]