Mortal Kombat Mythologies: Sub-Zero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mortal Kombat Mythologies: Sub-Zero
MKM-s-z.png
Sviluppo Avalanche Software
Pubblicazione Midway
Data di pubblicazione 31 agosto, 1997 (NA) 2 dicembre, 1998 (UE)
Genere Piattaforme
Modalità di gioco Singolo giocatore
Piattaforma Nintendo 64, PlayStation

Mortal Kombat Mythologies: Sub-Zero è un videogioco derivato dall'universo della serie di picchiaduro Mortal Kombat. È un platform uscito nel 1997, realizzato per PlayStation e Nintendo 64. È incentrato su Sub-Zero, il quale si deve avventurare in un viaggio per evitare che Quan Chi riporti alla luce l'amuleto di Shinnok, che ha il potere di liberarlo e riportarlo al comando del regno. I filmati sono stati interamente girati da attori in carne ed ossa.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Molto tempo prima del torneo Mortal Kombat, il Lin Kuei fu incaricato dallo stregone Quan Chi di rubare la mappa degli elementi da un tempio Shaolin. Il Gran Maestro del clan inviò il suo migliore assassino, Bi-Han, nome in codice "Sub-Zero" a completare la missione. Combattendo contro le guardie del tempio, Sub-Zero raggiunse la mappa e affrontò il leader del clan rivale Shirai Ryu, Hanzo Hasashi, nome in codice "Scorpion", che era stato inviato da Quan Chi per lo stesso motivo. Sub-Zero vinse lo scontro e uccise Scorpion strappandogli la spina dorsale, ignorando la richiesta di pietà che l'avversario gli aveva mosso un istante prima; subito dopo fuggì dal tempio con la mappa. Tornato al rifugio del Lin Kuei, Sub-Zero consegnò la mappa a Quan Chi, che nel frattempo aveva eliminato tutti i membri dello Shirai Ryu, compresi la moglie e il figlio di Scorpion, come pagamento per i servigi del Lin Kuei. Lo stregone rivelò inoltre che aveva inviato Scorpion al tempio per prevenire un eventuale fallimento di Sub-Zero. Come ultimo incarico, Quan Chi chiese a Bi-Han di lasciare la mappa nel Tempio degli elementi, dove si trovava un amuleto di valore inestimabile.

Sub-Zero raggiunse il tempio, superò tutti gli ostacoli e sconfisse gli dei del vento, della terra, dell'acqua e del fuoco che proteggevano l'amuleto. Proprio quando il guerriero aveva completato l'incarico, Quan Chi prese l'amuleto, rivelando che si trattava in realtà della fonte del potere di un dio Anziano decaduto chiamato Shinnok. Lo stregone fuggì attraverso un portale e il dio del tuono Raiden si materializzò davanti a Sub-Zero, ordinandogli di rimediare all'errore commesso recandosi nel Netherrealm per recuperare l'amuleto.

Sub-Zero entrò nel Netherrealm e fu immediatamente rinchiuso nelle Prigioni delle Anime dalle guardie di Quan Chi. Qui ebbe un breve dialogo con il suo vecchio nemico Scorpion, tornato sotto forma di spettro. Scorpion accusò Sub-Zero di essere il responsabile del massacro del suo clan e i due ingaggiarono nuovamente un combattimento. Nonostante Scorpion non potesse essere ucciso in quanto spettro, fu sconfitto di nuovo da Sub-Zero e si ritirò. Sub-Zero scappò dalle Prigioni e affrontò le tre migliori guerriere di Quan Chi: Kia, Jataaka e Sareena. Uccise Kia e Jataaka, ma risparmiò Sareena. Usando i loro cristalli, si teletrasportò nella fortezza di Quan Chi. Lo stregone offrì al guerriero di unirsi alla Fratellanza dell'Ombra, il gruppo di guerrieri fedeli a Shinnok, rivelandogli che era riuscito ad entrare nel Netherrealm a causa della malvagità che aveva corrotto la sua anima durante la sua attività di assassino: se lo spirito di Bi-Han non fosse stato malvagio, non sarebbe potuto esistere nel regno degli inferi. Sub-Zero però rifiutò l'offerta e, con l'inaspettato aiuto di Sareena, sconfisse Quan Chi. La demone pregò Sub-Zero di portarla via dal Netherrealm, ma fu attaccata alle spalle da Shinnok, ora potenziato dal suo amuleto. Usando l'astuzia, Sub-Zero recuperò l'amuleto da Shinnok, che si trasformò in un demone gigante. Usando l'amuleto per amplificare i suoi poteri, Sub-Zero sconfisse quell'essere e scappò attraverso un portale creato da Raiden; subito dopo consegnò l'amuleto al dio del tuono. Quando Bi-Han chiese a Raiden di confermare le parole di Quan Chi, il dio rispose che lo stregone aveva detto la verità, aggiungendo però che solo Sub-Zero aveva il potere di cambiare se stesso e il suo destino.

La sequenza finale si svolge nel rifugio del Lin Kuei. Sub-Zero fu nuovamente incaricato da un altro stregone, Shang Tsung, di partecipare in una competizione di arti marziali a nome suo. Il torneo si chiamava Mortal Kombat...

Avversari[modifica | modifica wikitesto]

Scorpion. È il leader del clan Shirai Ryu. Verrà sconfitto da Sub-Zero nel tempio Shaolin. Al termine dello scontro, il giocatore potrà scegliere se eseguire una fatality, uccidendolo, o risparmiargli la vita. Scegliendo di ucciderlo, lo si dovrà affrontare nuovamente nelle Prigioni delle Anime. La versione non-morta di Scorpion è più potente rispetto a quella umana.

Fujin, il dio del vento. È uno dei quattro dei elementali posti a guardia dell'amuleto di Shinnok ed è il primo ad essere sconfitto da Sub-Zero.

Enjin, Dio della terra. È il secondo dio che sorveglia l'amuleto. Grazie alla sua mole elevata, è in grado di pestare il suolo, facendo crollare rocce dall'alto.

Niam Tsu. Dio dell'acqua. È il terzo dei quattro guardiani. Ha l'abilità di emettere getti e onde d'acqua.

Dio del fuoco È stato scelto da Raiden come quarto e ultimo guardiano dell'amuleto di Shinnok. A causa della sua natura, non può essere congelato da Sub-Zero.

Jataaka non è tra i personaggi selezionabili. Viene creata da Quan Chi assieme alle sorelle Sareena e Kia, con lo scopo di servirlo e proteggerlo a costo della loro stessa vita. È priva di qualsiasi emozione umana ed estremamente fedele al suo signore. Appare come una giovane donna mulatta con una capigliatura molto simile a quella di Sindel ed indossa, come le sue sorelle, un audace costume porpora e nero.

Kia è anch'ella in possesso di uno dei tre cristalli che permettono di teletrasportarsi nella fortezza di Quan Chi. È la più debole delle tre sorelle, ma è veloce quanto Jakaata. Ha la pelle bianca e lunghi capelli neri, con dei tatuaggi sulle braccia, all'altezza delle spalle.

Sareena è la terza delle avversarie. È sorella di Jakaata e Kia ed è servitrice di Quan Chi. È più potente e veloce delle due sorelle. Ha la pelle bianca ed i capelli neri, con uno strano tatuaggio sull'occhio. Nonostante venga battuta da Sub Zero, esso la lascia in vita. Sareena poi aiuta il Lin Kuei ad uccidere Quan Chi più avanti, ma subito dopo aver chiesto a Sub Zero di portarla con sé, viene uccisa da Shinnok. È l'unica delle tre sorelle che poi ricomparirà in due capitoli di MK come personaggio giocabile.

Quan Chi è il penultimo boss. Sarà sconfitto da Sub-Zero con l'aiuto di Sareena.

Shinnok è il boss finale. Sub-Zero riuscirà a sconfiggerlo sottraendogli l'amuleto.