Shao Kahn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Shao Kahn
Shao Kahn in Mortal Kombat IX
Shao Kahn in Mortal Kombat IX
Universo Mortal Kombat
Lingua orig. Inglese
Autori
Studio Midway Games
1ª app. 1993
1ª app. in Mortal Kombat II
Interpretato da
Voci orig.
Voci italiane
Specie Dio
Sesso Maschio
Luogo di nascita Outworld
Abilità
  • Khapsagay
  • Tai Tzu
  • Lui He
Parenti

L'IMPERATORE Shao Kahn è un personaggio della serie di videogiochi Mortal Kombat. il suo allineamento e' 'Super Malvagio'.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Shao Kahn era al servizio del Dragon King Onaga, l'imperatore dell'Outworld, che fece il più grande impero che nessuno avesse mai realizzato. Ma prima che il sogno d'immortalità di Onaga potesse essere realizzato, Shao Kahn lo aveva avvelenato e prese il suo posto nell'Outworld. Egli prese altri regni conquistandoli o sfidando i campioni a Mortal Kombat.

Shao Kahn organizzò un torneo Mortal Kombat contro i campioni di Edenia, e lui ed i suoi guerrieri vinsero il torneo, invadendo così Edenia. Shao Kahn, allora, uccise Re Jerrod, poi prese Sindel come sua moglie, e questo causò la presa di Kitana come sua figlia. Ma Sindel, per il troppo dolore per la morte del marito si uccise, ma Shao Kahn mantenne la sua anima nell'Outworld, impedendo la sua transizione nell'aldilà.

Molti anni dopo, Shao Kahn sceglie l'Earthrealm come suo nuovo obiettivo. Per ottenere il regno, deve vincere, grazie a Reptile, Shang Tsung e Goro, 10 tornei Mortal Kombat di fila. Mentre Shang Tsung osservava i guerrieri combattere, Goro travolgeva i guerrieri dell'Earthrealm, battendo addirittura il grande Kung Lao e vincendo il torneo per 9 volte di fila. Ma al decimo torneo, Liu Kang, scelto dalla scuola Shaolin, batte Goro e poi Shang Tsung. Lo stregone, allora, chiede all'imperatore di risparmiargli la vita e di organizzare un altro torneo. Shao Kahn concede questo e ridà la giovinezza allo stregone. Con la cattura di Kano e di Sonya Blade, e la rabbia di Liu Kang a causa dell'assassinio dei suoi compagni per mano dell'armata Tarkata, l'imperatore spera che i guerrieri dell'Earthrealm possano cadere in trappola. Ma anche qui, Liu Kang trionfa, nonostante la potenza di Kahn e grazie alla determinazione di Kang. Rifiutando la sconfitta, Kahn manda le sue armate per uccidere i guerrieri dell'Earthrealm, ma riusciranno ad uccidere solo Johnny Cage, mentre Liu Kang, Jax Briggs, che aveva recuperato Sonya, Kitana, Raiden, Jade e Kung Lao fuggono, ma anche Kano riuscirà a fuggire.

Fortunatamente, Shang Tsung ha un piano: resuscitare la regina Sindel. Il piano riesce, ma come conseguenza, l'Earthrealm pare essersi essere sottomessa all'Outworld; infatti milioni di persone muoiono e le loro anime vengono strappate via dallo stregone. Rimangono quindi, come guerrieri prescelti, Liu Kang, Kung Lao, Kitana, Jade, Raiden, Sonya, Jax, Nightwolf, Stryker e Kabal. Ma Raiden non può intervenire a causa dei poteri di Kahn che hanno completamente distrutto i suoi. Shao Kahn si prepara ancora una volta alla conquista della terra e manda le sue truppe sterminatrici a distruggere i guerrieri sopravvissuti. Nella battaglia finale, Kung Lao cerca di sconfiggerlo, ma è lui a essere sconfitto dall'imperatore, che gli manda una magia, quasi uccidendolo, ma Liu Kang riesce a sconfiggere Kahn e a far ritornare la Terra come prima, ma anche Edenia subisce la stessa sorte dopo la sconfitta di Shao Kahn, perciò Kitana e Jade, dopo aver sconfitto Sheeva, fanno ritornare Sindel dalla parte dei buoni e il loro reame al loro originale stato. Kahn, allora fa ritirare le sue truppe nell'Outworld. Ma molti dei suoi generali abbandonano l'imperatore.

Durante la debolezza di Kahn, gli Edeniani contrattano con gli Shokan, ed anni dopo approfittano di questo per attaccare l'Outworld. Ma grazie a Noob Saibot che stordisce Goro, ed alla potenza di Kano, che l'imperatore manda gli Edeniani nei guai. Ma l'Alleanza Mortale formata da Shang Tsung e Quan Chi fa abbassare la guardia a Kahn per poi ucciderlo, per poi tentare e riuscire a uccidere Liu Kang. Ma quello che Chi e Tsung avevano ucciso non era altro che un clone, mentre quello reale, con i suoi pochi poteri rimasti, ridà l'energia a Goro, ed insieme tornano alleati.

Dopo la sconfitta di Onaga, Kahn ritorna re dell'Outworld. Fa poi un'alleanza con Quan Chi, Shang Tsung e Onaga per distruggere Blaze e riottenere i suoi poteri divini. Nel suo finale in Mortal Kombat: Armageddon, egli sconfigge Blaze e riacquista i suoi poteri divini, poi con le sue armate distrugge tutto ciò che resta degli altri guerrieri, riuscendo a conquistare tutti gli altri reami, ma ciò lo porta alla pazzia, perché non ha ormai più nulla da conquistare.

In Mortal Kombat vs DC Universe, con in fatti svolti dopo Mortal Kombat 3, Shao Kahn si dispera per la sua sconfitta da parte di Liu Kang. Quan Chi cerca di confortarlo, ma Raiden getta Kahn nel portale e prende Chi per portarlo agli Elder Gods. Questo fatto è però contemporaneo a quello di DC, in cui Superman sconfigge Darkseid e poi lo manda nel portale, poi arresta Lex Luthor. A causa di ciò, Shao Kahn e Darkseid si uniranno inconsapevolmente in Dark Kahn. Ma Superman e Raiden uniranno le loro forze e batteranno Dark Kahn, che si dividerà nei due titani: Kahn verrà esiliato nella Zona Fantasma, anche se riuscirà a liberarsi, mentre Darkseid nel Netherrealm.

In Mortal Kombat IX (che riprende il suo finale di Mortal Kombat: Armageddon), Kahn sconfigge Raiden, che prima di morire riesce ad inviare un messaggio al suo duale del passato. Esso contiene i suoi ricordi (donando all'altro Raiden la possibilità di conoscere in anticipo gli avvenimenti in modo da cambiarli) e un messaggio:

« Deve vincere! »

.

La storia riprende dagli eventi del primo capitolo: Liu Kang vince il Mortal Kombat e Shang Tsung, per salvarsi la vita, consiglia a Kahn di indire un nuovo torneo nell'Outworld. Kung Lao, però, sconfiggendo prima i due stregoni Quan Chi e Shang Tsung e poi il guerriero Shokan Kintaro, riesce a trionfare, salvano l'Earthrealm. Shao Kahn, furioso, lo uccide sotto gli occhi di Raiden e Liu Kang; Kang si avventerà cieco di rabbia contro di lui, uccidendolo e vendicando il suo amico. I guerrieri della Terra fanno quindi il loro ritorno a casa.

In realtà Kang lo ha semplicemente ridotto in fin di vita; grazie ai poteri di Quan Chi, Shao Kahn si riprende velocemente, desideroso di uccidere Shang Tsung. Lo stregone, per salvarsi ancora una volta propone di far resuscitare Sindel in modo che possa aprire i cancelli dimensionali della Terra e permetterne la fusione con l'Outworld. Kahn accetterà la proposta di Tsung, ma solo per ucciderlo poco dopo: lo stregone troverà infatti la morte per mano sua, che ne consumerà il corpo e ne convoglierà l'anima in Sindel per ringiovanirla e renderla più forte.

L'invasione dell'Earthrealm per mano delle sue armate è devastante, e gli Dei Anziani non possono intervenire: l'attacco alla Terra infatti è concesso, purché non siano uniti i regni. Ma l'imperatore è così assetato di potere da credere di poterla annettere senza che i "vermi sdentati" (così li descrive all'inizio del gioco) possano o tentino di fermarlo. Raiden finalmente capisce che il messaggio Deve vincere si riferiva proprio a Shao Kahn; cessa ogni resistenza contro di lui, confermandogli la resa dell'Earthrealm e la sua conquista: Ma proprio così, Raiden viene salvato dagli Dei Anziani che lo rinvigoriscono, anche perché, conquistando la terra, Shao Kahn aveva rotto le regole, e con le sue nuove forze lo sconfigge. Kahn muore definitivamente per mano degli Dei, che si rappresentano sotto forma degli spiriti. I suoi unici resti sono quelli della maschera che portava sempre addosso, che verrà raccolta da Quan Chi.

Scheda riassuntiva[modifica | modifica sorgente]

  • Alleati: Goro, Baraka, Reiko, Kintaro, Sheeva, Motaro, Shinnok, Mileena, Daegon, Sektor, Noob Saibot, Tanya, Moloch, Drahmin, Kano, Kabal, Jarek Shang Tsung
  • Avversari: Onaga, Sindel, Raiden, Liu Kang, Kung Lao, Jade, Sub Zero, Kitana, Khameleon, Taven, Ashrah, Kai, Ermac, Sareena, Bo' Rai Cho, Nightwolf, Johnny Cage, Sonya Blade, Jax, Li Mei, Cyrax, Kenshi, Fujin, , Reptile, Vorpax, Kreeya, Kiri,
  • Armi: Wrath Hammer

Apparizioni[modifica | modifica sorgente]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Dichiarava la vittoria di un personaggio in Mortal Kombat II, Mortal Kombat 3, Ultimate Mortal Kombat 3 e Mortal Kombat Trilogy. Quando combatteva in prima persona, ed era vincitore di un round, si limitava a ridere o ridicolizzare il proprio avversario, se sconfitto non si udiva nessun tipo di voce. Solo in Mortal Kombat Trilogy, anche se sconfitto dichiarava la vittoria del proprio avversario, in caso di vittoria propria si udiva silenzio.
  • In Mortal Kombat II e Mortal Kombat: Shaolin Monks aveva un bastone che però non aveva mai usato.
  • Nonostante nella serie non abbia mai avuto un'Animality, in Mortal Kombat - Distruzione totale si trasformava in un'Idra a tre teste.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Videogiochi