Mortal Kombat: Special Forces

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mortal Kombat: Special Forces
Jaxspfo.png
Jax nell'intro di Mk: Special Forces
Sviluppo Midway Games
Pubblicazione Midway Games
Serie Mortal Kombat
Data di pubblicazione Stati Uniti 30 giugno 2000

Europa 29 settembre 2000

Genere Picchiaduro a scorrimento
Modalità di gioco Singolo giocatore
Piattaforma PlayStation

Mortal Kombat: Special Forces è un videogioco della serie Mortal Kombat, pubblicato da Midway nel 2000 per Playstation. È considerato, anche dagli stessi fan, il peggior titolo in assoluto dell'intera serie.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco narra dell'ultima missione dell'agente delle forze Speciali Jax Briggs, ritratto in una missione per fermare Kano e altri quattro membri del clan Dragone Nero liberati da un carcere di massima sicurezza (Tasia, Tremor, No-Face e Jarek) per rubare un potente manufatto, l'Occhio Di Shitian. Il vero potere della artefatto non vengono svelati a tutti, anche se è dimostrato che, alla fine, uno artefatto ha il potere è di aprire ad altri portali reami. Quando Jax utilizza il teletrasporto e torna sulla Terra, Kano è sconfitto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mortal Kombat Special Forces, gamespot.com. URL consultato il 27/04/08.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi