Mortal Kombat: Armageddon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mortal Kombat: Armageddon
Mkarmegeddon.jpg
Logo di Mortal Kombat Armageddon
Sviluppo Midway Games
Pubblicazione Midway Games
Serie Mortal Kombat
Data di pubblicazione 2006
Genere Picchiaduro a incontri, Picchiaduro a scorrimento
Modalità di gioco Giocatore singolo, multigiocatore
Piattaforma PlayStation 2, Xbox, Wii

Mortal Kombat Armageddon è il settimo capitolo della saga di videogiochi Mortal Kombat firmata Midway, pubblicato nel 2006 per PlayStation 2, Xbox e Wii.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Si sta svolgendo la drammatica battaglia finale tra bene e male, che coinvolge tutti i personaggi apparsi nei precedenti Mortal Kombat. Gli anziani dei, temendo che la violenza della battaglia possa mettere a rischio le sorti dei reami, erigono una piramide nel campo di battaglia, che i guerrieri scalano guidati dalla loro stessa sete di sangue. In cima li attende Blaze, creatura di fuoco, un tempo dalle sembianze quasi umane, ora gigantesco e mostruoso, che se sconfitto riverserà i suoi immensi poteri sul guerriero che lo ucciderà e che avrà così modo di porre fine alla guerra, facendo vincere finalmente il bene o il male.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco annovera ben 63 personaggi, tutti quelli apparsi nei precedenti titoli, compreso un personaggio femminile (Khameleon) giocabile solo sulla console Wii, più un paio di personaggi nuovi. In più c'è la possibilità di creare anche un proprio personaggio grazie alla modalità kreate-a-fighter ed utilizzarlo per i combattimenti.

La modalità classica[modifica | modifica wikitesto]

Nella modalità Kombat c'è tutto ciò che appartiene a Mortal Kombat. Si sceglie un personaggio dalla lunga lista dei selezionabili e si inizia a combattere vari incontri scalando la piramide degli avversari fino a giungere al boss finale, Blaze. Ogni personaggio ha un suo stile di lotta che può essere intervallato dall'utilizzo di un'arma, diversa per ogni combattente. In più, alla fine di ogni combattimento come è tradizione (tipica di MK) si può finire l'avversario con la terribile e sanguinosa fatality, che solo in quest'ultimo capitolo, dà la libertà al giocatore di crearsela da sola grazie ad una modalità apposita. Le arene sono piene di trabochetti e trappole interattive (muri che si rompono, cambi di livelli, la possibilità di cadere al di fuori del ring e sfracellarsi su punzoni taglienti durante l'incontro o essere schiacciati da presse o corrodersi in una cascata di acido). Ad ogni vittoria il gioco assegna delle monete (koins) con le quali potersi comprare accessori vari per crearsi il proprio personaggio. Il kreate-a-fighter infatti dà la possibilità ad ogni giocatore di crearsi dal nulla un personaggio scegliendo il sesso, l'altezza, il colore di occhi e capelli, i vari vestiti, armi e lunghezza di baffi e capelli e lo stile di lotta dalle centinaia di selezionabili, oltre che inventarsi una breve biografia. Il personaggio creato potrà essere poi utilizzato in tutte le modalità (a parte il kombat motori e Konquista)

Sottogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Oltre al classico picchiaduro ad incontri, vera anima del gioco, Mortal Kombat Armageddon racchiude anche dei sottogiochi: Motor Kombat (Kombat Motori in Italia) è un gioco di corse arcade in stile Kart Racing dove in una buffa corsa di auto si può correre e sparare con i veicoli di 10 personaggi storici di MK ridisegnati in stile super deformed e raccogliere durante il tragitto varie armi e power-up per eliminare gli avversari e vincere la gara. Esso supporta anche il multigiocatore online.

Konquest Mode è l'avventura a scorrimento, ormai sempre presente negli ultimi capitoli della serie e soprattutto in Mortal Kombat: Shaolin Monks, nella quale si possono scoprire diverse modalità nascoste come disegni preparatori, filmati, accessori per il kreate-a-fighter, costumi alternativi e personaggi nascosti, grazie ad un picchiaduro a scorrimento e impersonando l'eroe Taven nel suo lungo cammino verso la preparazione fisica e spirituale.

Console[modifica | modifica wikitesto]

Mortal Kombat Armageddon è uscito alla fine di ottobre 2006 per le console PlayStation 2 e X-Box in 2 versioni: la normal e la Premium Edition. Quest'ultima, in edizione limitata e solo per il mercato americano, contiene un secondo DVD con interviste, disegni preparatori, la storia di Mortal Kombat, interviste a Ed Boon ed il gioco Ultimate Mortal Kombat 3 del 1996. La versione X-Box del gioco è disponibile soltanto nei territori NTSC e non in quelli PAL per mancanza di successo in Europa[senza fonte]. A giugno 2007 il gioco è uscito anche per Wii.

Differenze PlayStation 2/Wii[modifica | modifica wikitesto]

  • La versione wii manca di gioco online.
  • La versione wii ha fino a 4 giocatori (La PlayStation 2 ne ha solamente 2) per la modalità Kombat Motori.
  • La versione wii usa i sensori per due mosse che nella versione PlayStation 2 necessitavano di una combinazione di due tasti.
  • La versione wii manca di un effetto grafico nella modalità Komquista per i portali.
  • La versione PlayStation 2 parte col predefinito di sangue "MAX", invece la versione wii parte con "zero"
  • La versione PlayStation 2 manca del cursore nei menu.
  • La versione wii ha Khamaleon come personaggio extra, ma è completamente diverso da Khamaleon extra del Mortal Kombat Trilogy

I personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Mortal Kombat Armageddon vanta ben 63 personaggi selezionabili (escluso il personaggio che è possibile creare), superando gli altri diretti concorrenti del genere picchiaduro.

Personaggi "Motor Kombat"[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]