Monclassico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Monclassico
comune
Monclassico – Stemma
Monclassico – Veduta
Dati amministrativi
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Trentino CoA.svg Trento
Sindaco Carlo Ravelli (lista civica) dal 9/5/2005
Territorio
Coordinate 46°20′00″N 10°53′00″E / 46.333333°N 10.883333°E46.333333; 10.883333 (Monclassico)Coordinate: 46°20′00″N 10°53′00″E / 46.333333°N 10.883333°E46.333333; 10.883333 (Monclassico)
Altitudine 782 m s.l.m.
Superficie 8 km²
Abitanti 872[1] (31-12-2010)
Densità 109 ab./km²
Frazioni Presson
Comuni confinanti Cles, Croviana, Dimaro, Malè
Altre informazioni
Cod. postale 38020
Prefisso 0463
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 022121
Cod. catastale F341
Targa TN
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona F, 3 592 GG[2]
Nome abitanti monclasseghi
Patrono san Vigilio
Giorno festivo 26 giugno
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Monclassico
Sito istituzionale

Monclassico (Moclàsech in ladino solandro[3][4]) è un comune italiano di 855 abitanti della provincia di Trento, situato in Val di Sole; comprende anche la frazione di Presson.

Monclassico, tipico paesino di montagna, dista pochi chilometri da Madonna di Campiglio e da Folgarida e Marilleva.

Il 5 maggio 2003 è stato raggiunto dalla Ferrovia Trento-Malè-Marilleva.

Il Comune di Monclassico fa parte della Comunità della Val di Sole e gran parte del suo territorio ricade nel Parco Naturale Adamello-Brenta.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nei documenti Monclassico viene nominato per la prima volta nel 1178, mentre per Presson la prima citazione è di pochi anni successiva, del 1182. Il Comune di Monclassico, altitudine 782 m, 62 km da Trento, comprende l'abitato di Monclassico e la frazione Presson. Il paese è disteso sul conoide formato dal rio che scende dallo Spiz de Montes, e parte su pendio, in posizione aperta verso mezzogiorno, di fronte agli estremi contrafforti del Gruppo del Brenta. È l'ultimo comune della Valle di Sole dove si eserciti con successo la frutticoltura, per la maggioranza mele. Discretamente sviluppati sono l'industria, il turismo, il commercio e la lavorazione del legname.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[5]

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Eventi[modifica | modifica sorgente]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Architettura religiosa[modifica | modifica sorgente]

La Chiesa di San Vigilio.
Chiesa dedicata alla Beata Vergine Maria del Monte Carmelo in Presson.

Persone legate a Monclassico[modifica | modifica sorgente]

Monclassico ha dato i natali a:

  • Domenico Solai - scultore seicentesco.
  • Francesco Marchetti - pittore seicentesco.
  • Giovanni Francesco Marchetti - pittore ed incisore (1668-1694).
  • Callisto Corradini - frate francescano e cantore (1662-1725).
  • Giovanni Antonio Berera - incisore, pittore e costruttore di violini (1711-1797).
  • Francesco Antonio Berera - maestro di cappella del Duomo di Trento, tenore e compositore (1737-1813).
  • don Bortolameo Bottea - fondatore scuola elementare e benefattore (1765-1840).
  • don Tommaso Vigilio Bottea - storiografo (1819-1895).
  • Saverio Meneghini - direttore scuola agraria (1845-....).
  • avv. Silvestro Valenti - storiografo (1865-1916).
  • Livio Conta - pittore e scultore (1939).

Economia[modifica | modifica sorgente]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica sorgente]

Ferrovie[modifica | modifica sorgente]

Monclassico è attraversato dalla Ferrovia Trento-Malè-Marilleva e serve il comune con la Stazione di Monclassico e con quella a servizio della frazione di Presson con la Stazione di Dimaro-Presson.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
16 maggio 1954 23 dicembre 1960 Ettore Giaconi lista civica Sindaco [6]
23 dicembre 1960 10 dicembre 1962 Michele Mezzena lista civica Sindaco [7]
10 dicembre 1962 15 maggio 1965 Michele Mezzena lista civica Sindaco [7]
15 maggio 1965 6 maggio 1966 Luigi Boni "Ciocio" lista civica Sindaco [7]
27 luglio 1966 7 luglio 1969 Danilo Gasperini Commissario prefettizio [8]
7 luglio 1969 17 aprile 1971 Pia Borga Tomasi lista civica Sindaco [9]
17 aprile 1971 15 luglio 1976 Pia Borga Tomasi lista civica Sindaco [9]
15 luglio 1976 14 maggio 2000 Franco Biasi lista civica Sindaco [10]
14 maggio 2000 9 maggio 2005 Carlo Ravelli lista civica Sindaco [8]
9 maggio 2005 in carica Carlo Ravelli lista civica Sindaco [11]

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

  • Qui si trovano altre fotografie riguardanti il comune di Monclassico.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli Etnici e dei Toponimi Italiani, Bologna, ed. Pàtron, 1981.
  4. ^ Quaresima, Enrico (1964; rist. 1991). Vocabolario anaunico e solandro. Firenze: Leo S. Olschki. ISBN 8822207548
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ Lascia la carica in seguito a dimissioni nel corso della seconda legislatura.
  7. ^ a b c Lascia la carica in seguito a dimissioni.
  8. ^ a b Lascia la carica per convocazione comizi elettorali.
  9. ^ a b Lascia la carica per scadenza mandato.
  10. ^ Lascia la carica per scadenza mandato (dopo 5 legislature).
  11. ^ Seconda legislatura.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Quirino Bezzi, La Valle di Sole, ed. Scuola Grafica Artigianelli, Trento 1965, pp. 302.
  • Fortunato Turrini, Monclassico e Presson, ed. Centro Studi per la Val di Sole, Malé (TN) 1995, pp. 388. Contiene le edizioni delle carte di regola di Monclassico del 1495 (pp. 85–101), di Presson del 1586, tradotta dall'originale latino (pp. 109–136), di Monclassico del 1703 (pp. 138–148).
  • Fortunato Turrini, 1995 Schedatura di toponimi storici tratti da fonti inedite: documenti presenti nell’archivio parrocchiale di Monclassico (Toponimi: 388 - Ettaro: 873).
  • Fortunato Turrini, Personaggi insigni di Monclassico e Presson, in La Val, Trento, 1993, n. 3, pagg. 6-7.
  • Silvestro Valenti, Statuti del Comune di Monclassico, Antolini, Tione (TN), 1899, pp. 11, B.C.T. Misc T c 2293, B.C.R. EO 281.20-21.
  • Silvestro Valenti, Il Monte Sadron nella Valle di Sole: notizie raccolte dal dr. Silvestro Valenti., Antolini, Tione (TN). 1901. 82, [1] p., 23 cm, bross. Buono. Rarissima pubblicazione, stampata a Tione a beneficio dei bambini poveri scrofolosi del Trentino. L'opera è stata ristampata nel 1980 dall'unversità di Camerino ed ormai anche l'anastatica è introvabile. (CBT.)
  • Silvestro Valenti, Il Monte Sadròn nella Valle di Sole: notizie raccolte., Università di Camerino, Camerino. 1980. [IV], 82 p., 23 cm, bross. Buono.
  • Alberto Mosca, Elisa Podetti e Cintio Alberto, Il silenzioso rintocco delle ore a Monclassico e Presson, Nitida Immagine Cles (TN), 2006.
  • Cooperativa Koinè (a cura di), Inventario dell'archivio storico della parrocchia di Monclassico (1605-1953) c/o Biblioteca dell’Archivio Storico della Città di Bolzano.
  • Ennio Lappi, Silvestro Valenti - una vita per la storia un cuore per la patria, ed. Centro Studi per la Val di Sole, Malé (TN) 2006, pp. 200.
  • Patrick Burnside, El escape de Hitler, http://www.hitlers-escape.com/capitulosintroa10.htm (Contiene un'intervista a Don Cornelio Sicher - Parroco di Monclassico dal 1942 al 1970 -).

Mappa[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]