Michael Lewis (scrittore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Michael Lewis

Michael Lewis (New Orleans, 15 ottobre 1960) è un saggista e giornalista statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio di un avvocato, scrive e lavora per il New York Times. Vive a Parigi insieme alla moglie Tabitha Soren. Cresciuto a New Orleans ha una laurea e un master in economia, conseguita alla London School of Economy.

Dopo l’università lavora alla Salomon Brothers di New York, una delle banche più famose del mondo. Scopre che il mondo della borsa e degli affari, a quel tempo glorificato, altro non è che un mondo pieno di lupi pronti a sbranare ingenue pecore (i piccoli investitori), su questo argomento esce il suo primo libro Liar's Poker (1989), di successo internazionale.

Diventa in seguito giornalista a tempo pieno per il settimanale inglese The Spectator, per poi passare alla prestigiosa rivista The New Republic. Dall’estate del 1998 al gennaio del 2000 insegna giornalismo a Berkley.

Il suo secondo libro è The New New Thing che parte dalla storia di Jim Clark (uno dei fondatori di Netscape assieme a Marc Andreessen) e racconta l’etica degli imprenditori della Silicon Valley. Il titolo prende in giro l’ossessione dell’industria tecnologica di capire in anticipo quale sia il prodotto e il settore su cui investire. Viene il suo terzo libro: Next, il futuro è già avvenuto.

Nel 2006 racconta la storia di Michael Oher nel libro The Blind Side: Evolution of a Game, da cui nel 2009 è stato tratto il film intitolato The Blind Side e interpretato da Sandra Bullock. Nel 2011, dal suo Moneyball: The Art of Winning an Unfair Game, è stato tratto il film L'arte di vincere.

Controllo di autorità VIAF: 36966655 LCCN: n88200544