The New Republic

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The New Republic
Stato Stati Uniti d'America
Lingua Inglese
Periodicità quindicinale
Genere rivista
Fondatore Herbert Croly, Willard D. Straight e Dorothy Payne Whitney
Fondazione 1914
Sede Washington
Tiratura 53.485 (2009)
Direttore Gabriel Snyder
ISSN 0028-6583
Sito web tnr.com
 

The New Republic è una rivista americana liberal di politica e cultura pubblicata ininterrottamente a partire dal 1914. Settimanale per la maggior parte della sua storia, la rivista è attualmente pubblicata una ventina di volte all'anno, con una tiratura approssimata di 50.000 copie.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

The New Republic fu fondato nel 1914 da Willard D. Straight, sua moglie Dorothy e Herbert Croly (saggista e teorico politico). I fondatori, di idee progressiste[1], si ispirarono al “nuovo nazionalismo” di Alexander Hamilton (1755-1804).

La società editrice fu chiamata Herbert Croly and Co. Lo stesso Croly fu il direttore responsabile. Il primo numero uscì il 7 novembre, al prezzo di 10 centesimi di dollaro.

Nel 1974 la proprietà del giornale fu rilevata da Martin Peretz (che assunse anche la direzione).

Nel 2000 la diffusione era di 100.000 copie, la rivista usciva circa 20 volte l'anno. La sezione letteraria, guidata sin dal 1983 da Leon Wieseltier, era considerata quella di maggiore pregio.[1]
Negli anni successivi la diffusione ha cominciato a scendere, fino a toccare 40.000 copie.[1]

Nel 2012 il New Republic è stato acquisito da Chris Hughes (giovane cofondatore di Facebook). Il nuovo proprietario ha cambiato sia il direttore che il responsabile della sezione Cultura ed ha avviato un piano di rilancio. Prevede la transizione verso un nuovo mezzo d'informazione integrato verticalmente, tra versione cartacea e edizione online.[2]

Direttori[modifica | modifica wikitesto]

  • Herbert Croly (1914–1930)
  • Bruce Bliven (1930–1946)
  • Henry A. Wallace (1946–1948)
  • Michael Straight (1948–1956)
  • Gilbert A. Harrison (1956–1975)
  • Martin Peretz (1975–1979)
  • Michael Kinsley (1979–1981)
  • Hendrik Hertzberg (1981–1985)
  • Michael Kinsley (1985–1989)
  • Hendrik Hertzberg (1989–1991)
  • Andrew Sullivan (1991–1996)
  • Michael Kelly (1996–1997)
  • Charles Lane (1997–1999)
  • Peter Beinart (1999–2006)
  • Franklin Foer (2006–2010)
  • Richard Just (2010–2012)
  • Franklin Foer (2012–2014)
  • Gabriel Snyder (2014– in carica)

Firme[modifica | modifica wikitesto]

Dagli anni novanta del XX secolo ad oggi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Paola Peduzzi, Il bello di essere liberali in Il Foglio, 12 novembre 2014. URL consultato il 21/12/2014.
  2. ^ Mattia Ferraresi, Hughes rottama l'antico New Republic per fare la svolta digitale in Il Foglio, 6 dicembre 2014.