Michael Bublé (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Michael Bublé

Artista Michael Bublé
Tipo album Cover
Pubblicazione 11 febbraio 2003
Durata 48 min : 51 s
Dischi 1
Tracce 13
Genere Jazz
Etichetta Reprise Records
Produttore David Foster e Humberto Gatica
Note Uscito anche in una versione contenente un disco aggiuntivo, con 5 cover di canzoni di Natale
Certificazioni
Dischi d'oro Germania Germania[8]
(Vendite: 100.000)
Spagna Spagna[9]
(Vendite: 50.000)
Dischi di platino Italia Italia (4)[1]
(Vendite: 350.000)[2]

Stati Uniti Stati Uniti[3]
(Vendite: 1.000.000)
Canada Canada (4)[4]
(Vendite: 400.000)
Regno Unito Regno Unito[5]
(Vendite: 600.000)
Australia Australia[6]
(Vendite: 490.000)

Nuova Zelanda Nuova Zelanda (2)[7]
(Vendite: 30.000)
Michael Bublé - cronologia
Album precedente
(2002)
Album successivo
(2003)

Michael Bublé è il primo album pubblicato per una major dall'omonimo cantante canadese.

L'album è stato pubblicato l'11 febbraio 2003[10] dall'etichetta Reprise Records e contiene una serie di reinterpretazioni di grandi standard della musica jazz, oltre a cover di brani di artisti come i Queen, George Michael e Van Morrison.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

  1. Fever – 3:51 (Eddie Cooley, John Davenport)
  2. Moondance – 4:13 (Van Morrison)
  3. Kissing a Fool – 4:34 (George Michael)
  4. For Once in My Life – 2:32 (Ron Miller, Orlando Murden)
  5. How Can You Mend a Broken Heart – 3:54 (Barry, Robin Gibb)
  6. Summer Wind – 2:54 (Heinz Meier, Johnny Mercer, Hans Bradtke)
  7. You'll Never Find Another Love Like Mine – 4:04 (Kenneth Gamble, Leon Huff)
  8. Crazy Little Thing Called Love – 3:09 (Freddie Mercury)
  9. Put Your Head on My Shoulder – 4:26 (Paul Anka)
  10. Sway – 3:08 (Norman Gimbel, Pablo Beltran Ruiz)
  11. The Way You Look Tonight – 4:37 (Jerome Kern, Dorothy Fields)
  12. Come Fly With Me – 3:30 (Sammy Cahn, James Van Heusen)
  13. That's All – 3:59 (Alan Brandt, Bob Haymes)

Durata totale: 48:51

Classifiche[modifica | modifica sorgente]

Classifica Posizione
massima
Australia[11] 1
Belgio (Fiandre)[11] 40
Danimarca[11] 24
Francia[11] 66
Irlanda[12] 8
Italia[11] 2
Messico[11] 70
Nuova Zelanda[11] 1
Paesi Bassi[11] 32
Polonia[12] 11
Regno Unito[13] 6
Spagna[11] 13
Stati Uniti[14] 47
Svezia[11] 28
Svizzera[11] 53

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Bublè torna: "Sono spaventato", Tgcom, 20 aprile 2007. URL consultato il 30 gennaio 2011.
  2. ^ Gabriele Guerra, Michael Bublé. L'invasione dei crooner, www.freequency.it, 11 febbraio 2005. URL consultato il 30 gennaio 2011.
  3. ^ (EN) Gold & Platinum - Search Results, RIAA. URL consultato il 30 gennaio 2011.
  4. ^ (EN) Gold & Platinum Certification - March 2006, CRIA. URL consultato il 30 gennaio 2011.
  5. ^ (EN) Certified Awards Search, British Phonographic Industry. URL consultato il 30 gennaio 2011.
  6. ^ (EN) ARIA Charts - Accreditations - 2006 Albums, ARIA Charts. URL consultato il 30 gennaio 2011.
  7. ^ (EN) Top 40 Albums - Monday 31 May 2004, RIANZ. URL consultato il 29 gennaio 2011.
  8. ^ (DE) Gold-/Platin-Datenbank, www.musikindustrie.de. URL consultato il 30 gennaio 2011.
  9. ^ (ES) Top 100 Albumes - Lista de los titulos mas vendidos del 23.08.04 al 29.08.04 (PDF), AFYVE. URL consultato il 23 luglio 2011.
  10. ^ Michael Bublé - Discografia, www.michaelbuble.com. URL consultato il 30 gennaio 2011.
  11. ^ a b c d e f g h i j k Michael Bublé - Michael Bublé, italiancharts.com. URL consultato il 30 gennaio 2011.
  12. ^ a b (EN) Michael Bublé - Michael Buble - Music Charts, aCharts.us. URL consultato il 30 gennaio 2011.
  13. ^ (EN) Chart Stats - Michael Buble - Michael Buble, www.chartstats.com. URL consultato il 30 gennaio 2011 (archiviato dall'url originale il 24 luglio 2012).
  14. ^ (EN) Michael Bublé/Let It Snow - Michael Bublé - Charts & Awards, All Music Guide. URL consultato il 30 gennaio 2011.
jazz Portale Jazz: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di jazz