Marche (Francia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Localizzazione della Marche
Bandiera della Marche
D'azurro seminato di gigli d'oro, alla banda rossa caricata di tre leoni d'argento

La Marche (in occitano la Marcha [lɒ ˈmartsɔ]) è un'antica provincia francese, corrispondente alla parte settentrionale dell'odierno Limosino. Nella sua storia questo territorio ha costituito un'entità autonoma dal punto di vista amministrativo, all'interno della quale si distinguevano la Haute-Marche (approssimativamente corrispondente all'odierno dipartimento della Creuse), e la Basse-Marche (all'incirca l'attuale arrondissement di Bellac, dipartimento dell'Alta Vienne ed alcuni comuni del dipartimento della Vienne e della Charente).

Sorta di « territorio cuscinetto » (da cui il suo nome) tra i possedimenti dei conti del Poitou, dei duchi d'Aquitania, e quelli del re di Francia, la contea della Marche nacque presumibilmente tra 955 e 958. Posta sotto l'autorità di Bosone I il Vecchio[1], figlio di Sulpice, signore di Charroux (l'antica Carrofum) nell'odierna Vienne, riuniva due territori fino ad allora distinti: uno attorno a Le Dorat (Basse Marche) nella Haute-Vienne, l'altro intorno a Guéret (Haute Marche) nella Creuse, per formare una stretta entità estesa su circa ottanta chilometri.

La contea della Marche era delimitata da:

Guéret, Bellegarde, Bourganeuf e Bellac sono state sedi di Généralité (circoscrizioni finanziarie) ; le prime due sotto la généralité di Moulins, le altre sotto quella di Limoges.

La successione dei conti della Marche fino al XIV secolo è spesso di difficile determinazione, data la mancanza di documenti certi. La contea fu, tranne alcuni appanaggi, definitivamente riunita al Regno di Francia intorno al 1531.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Genealogia di Bosone il Vecchio sul sito Medieval Lands

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Francia Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Francia