Luigi Ridolfi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo politico, imprenditore e dirigente sportivo, vedi Luigi Ridolfi Vay da Verrazzano.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Infobox militare}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.

Luigi Ridolfi (Forlì, 11 aprile 1894Taliedo, 2 agosto 1919) è stato un aviatore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Luigi nacque a Pievequinta, frazione di Forlì, da Matteo Ridolfi e Giuseppina Rossi. Dopo aver frequentato le scuole di Arti e Mestieri, si arruolò nel genio militare.

Stimolato dalle notizie delle imprese aeree della nascente aviazione, fra cui la trasvolata delle Alpi da parte di Geo Chavez, decise di passare nell'aeronautica. Ottenne il brevetto di pilota aviatore il 2 agosto 1915.

Nel 1917, in piena prima guerra mondiale, cominciò la sua carriera da pilota bombardiere su aerei Caproni. Con più di 6000 voli e 65 azioni di bombardamento in otto mesi di guerra, stabilì un primato assoluto per la sua epoca, tanto da meritare il premio Bombardieri del cielo organizzato dalla rivista Il Secolo illustrato.

Durante la guerra, ottenne diverse medaglie, tra cui la Medaglia d'oro al valor militare e quella d'argento e la Croix de guerre concessa dal Re del Belgio.

Finito il conflitto, Ridolfi passò all'aviazione civile come pilota collaudatore alla Caproni. Volò anche, come pilota, su varie linee interne: Milano-Roma, Roma-Napoli, Milano-Torino, Milano-Venezia. Luigi Ridolfi era abile anche nel volo acrobatico, aveva infatti eseguito vari spettacoli a Forlì. La morte avvenne il 2 agosto 1919 a Taliedo, quartiere alla periferia di Milano, durante un volo. Sull'aereo era presente anche il giornalista forlivese Tullo Morgagni. Il corpo è sepolto nel Cimitero Monumentale di Forlì, dove si può vedere un suo busto, opera di Bernardino Boifava.

A Luigi Ridolfi è oggi dedicata una strada di Forlì, la scuola elementare di Pievequinta, la frazione di Forlì dove era nato, e l'Aeroporto di Forlì.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Medaglia d'oro al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor militare
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor militare
Croce di guerra al valor militare concessa dal Re del Belgio - nastrino per uniforme ordinaria Croce di guerra al valor militare concessa dal Re del Belgio

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]