Luciano Garofano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luciano Garofano
Luciano Garofano al Festival della Versiliana (luglio 2010)
Luciano Garofano al Festival della Versiliana (luglio 2010)
5 maggio 1953 - vivente
Nato a Roma
Dati militari
Paese servito Italia Italia
Forza armata Arma dei Carabinieri
Anni di servizio 1978 - 2009
Grado Generale di brigata
Comandante di sezione di Parma del R.I.S.
Altro lavoro professore universitario

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

Luciano Garofano (Roma, 5 maggio 1953) è un biologo italiano, generale in congedo dell'Arma dei Carabinieri.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Laureatosi nell'anno accademico 1975-1976 in Biologia all'Università degli Studi di Roma La Sapienza si è successivamente specializzato all'Università degli Studi di Napoli Federico II in tossicologia forense, nell'anno accademico 1992-1993.

Nel 1978 si arruola nell'Arma dei Carabinieri e fino al 1988 comanda la Sezione Chimico-Biologica del Centro Carabinieri Investigazioni Scientifiche di Roma. Dall'1988 al 1995 è comandante della Sezione Biologia dello stesso centro.

Nel 1992 si è occupato anche delle indagini sulla strage di Capaci.

Dal 1995 fino al 2009 è comandante del R.I.S. di Parma (Reparto Carabinieri Investigazioni Scientifiche), chiamato sulla scena di molti casi giudiziari avvenuti negli ultimi decenni nel nord Italia (strage di Erba, il serial killer Bilancia, caso Cogne, ecc.).

Carriera accademica[modifica | modifica sorgente]

Insegna tecniche delle investigazioni scientifiche presso la facoltà di giurisprudenza dell'Università del Salento.

Dal 2011 al 2013 è stato direttore scientifico e docente del master universitario "Tecniche di indagine, della sicurezza e criminologia" istituito presso l'Università degli Studi Niccolò Cusano. Il master è stato attivato con la collaborazione dell'Accademia italiana di scienze forensi presieduta dallo stesso Garofano[1].

Attività politica[modifica | modifica sorgente]

Alle elezioni europee del 2009 si è candidato nella lista Mpa-La Destra-Pensionati-Alleanza di Centro nella circoscrizione Nord-Orientale senza essere eletto.

In seguito alla sua candidatura e alla mancata elezione, il Comando Generale dell'Arma dei Carabinieri, in base alla legge, ha richiesto il trasferimento al Racis di Roma.

Dopo un primo ricorso accolto al TAR dell'Emilia-Romagna, in seguito all'opposizione del Comando Generale dell'Arma dei Carabinieri il Consiglio di Stato ha poi ritenuto legittimo il trasferimento.

Da qui la decisione di lasciare il R.I.S. e l'Arma dei Carabinieri.

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Dal 2010 è conduttore del programma televisivo L'altra metà del crimine in onda su LA7d.

Fa parte dello staff della trasmissione televisiva Quarto grado (condotta da Gianluigi Nuzzi) in onda su Rete4[2].

Controversie[modifica | modifica sorgente]

Nel novembre 2009 viene coinvolto in un'indagine della Procura di Parma che lo vede indagato per peculato e truffa ai danni dello stato, un'indagine avviata in seguito all'esposto dell'avvocato Carlo Taormina. Garofano ha negato di essersi dimesso a causa di queste indagini.[3]A febbraio 2013 tutte le accuse nei suoi confronti vengono archiviate.[4]

Altre informazioni[modifica | modifica sorgente]

Risiede a Parma.

È membro della Fondazione Italia USA.

È autore di varie pubblicazioni, in alcune delle quali vengono illustrati nuovi mezzi di indagine scientifica.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Il ragazzo con il berretto da marinaio, ABE 1991
  • Delitti imperfetti, Il Saggiatore 2004
  • Delitti imperfetti. Sei casi per il Ris di Parma, Tropea 2004
  • Delitti imperfetti. Atto II. Nuovi casi per il RIS di Parma, Tropea 2005
  • Delitti imperfetti. Atto I & atto II, Tropea 2006
  • Delitti e misteri del passato, Rizzoli 2008
  • Il processo imperfetto, Rizzoli 2009
  • Assassini per caso, Rizzoli 2010

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Dal lavoro del suo reparto è stata tratta anche la serie televisiva R.I.S. - Delitti imperfetti, prodotta da Mediaset nel 2004, arrivata alla quinta stagione del 2009.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 27 dicembre 2004.
Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale Ordine al merito della Repubblica Italiana
— Roma, 2 giugno 2007
Cavaliere I cl. S.A.I. Ordine Costantiniano di San Giorgio (Parma) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere I cl. S.A.I. Ordine Costantiniano di San Giorgio (Parma)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Accademia Italiana di Scienze Forensi e Università degli Studi Niccolò Cusano - Master
  2. ^ Ultimenotizieflash - Quarto grado anticipazioni
  3. ^ Ris, il colonnello Garofano lascia l'Arma, Gazzetta di Parma, 15 novembre 2009. URL consultato il 18 luglio 2010.
  4. ^ Ris e consulenze: archiviate le accuse contro Garofano, Gazzetta di Parma, 19 febbraio 2013. URL consultato il 29 maggio 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]