Delitto di Novi Ligure

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il delitto di Novi Ligure fu un caso di cronaca nera particolarmente noto, avvenuto il 21 febbraio 2001 a Novi Ligure in via Salvo D'Acquisto, 12 nel quartiere del Lodolino[1].

Il delitto[modifica | modifica sorgente]

Intorno alle ore 19:50 di quel giorno, Erika De Nardo (Novi Ligure, 28 aprile 1984), che all'epoca aveva soltanto 16 anni, con il concorso dell'allora fidanzatino Mauro "Omar" Favaro (Novi Ligure, 15 maggio 1983) di 17 anni, uccise premeditatamente a colpi di coltello da cucina la madre Susanna "Susy" Cassini (Novi Ligure, 15 settembre 1959), contabile di 41 anni e, forse perché diventato un testimone scomodo, il fratello undicenne Gianluca De Nardo (Novi Ligure, 27 novembre 1989)[2]. Secondo l'accusa, i due giovani avrebbero progettato di uccidere anche il padre della ragazza, Francesco De Nardo (Maida, 19 giugno 1956), ingegnere e dirigente della Pernigotti, di allora 44 anni, ma avrebbero poi desistito perché Omar, che si era anche ferito ad una mano nel corso del duplice delitto, era ormai stanco e aveva deciso di andarsene, dicendo ad Erika "Se vuoi, uccidilo tu"[3].

Secondo le sentenze, pur nell'«apparente assenza di un comprensibile movente», l'ideazione dei delitti è da ascrivere a Erika, da cui era «certamente partita l'idea», anche se in finale «il ruolo di Omar fu concretamente molto rilevante e sostanzialmente paritario»[4]. Erika e Omar hanno premeditato i delitti con «un progetto lucido, aberrante, che si fissa e che poco per volta diventa un concreto traguardo da raggiungere, un traguardo utilitaristico». Avevano «un'idea fissa», ma questa idea fissa non «diminuisce né annulla la capacità di intendere e di volere». Chi uccide «gli altri e magari se stesso nella convinzione di eliminare un ostacolo all'affermarsi di un progetto importante» coltiva un'idea fissa, ma non sarà ritenuto incapace di intendere: non lo sono «né i terroristi, né i kamikaze». Scrivono ancora i giudici: "due omicidi che per efferatezza, per il contesto, per la personalità degli autori e per l'apparente assenza di un comprensibile movente si pongono come uno degli episodi più drammaticamente inquietanti della storia giudiziaria del nostro paese"[5].

La dinamica[modifica | modifica sorgente]

La dinamica del delitto che viene presentata è quella desumibile dagli atti processuali e in particolare dalle ricostruzioni fornite dal RIS dei Carabinieri, in quanto dopo "l'accerchiamento" posto in essere dagli inquirenti nei confronti dei due sospettati, la loro linea di difesa è stata sostanzialmente incentrata nell'accusarsi vicendevolmente. È da notare tuttavia che mentre le dichiarazioni di Omar sono state maggiormente suffragate dalle ricostruzioni oggettive (per esempio risulterà vero che la ferita riportata da lui è da attribuirsi ad un morso di Gianluca come sostenuto da egli stesso, mentre Erika ha sempre affermato che la ferita fu dovuta all'uso del coltello) e da un maggiore e immediato ravvedimento sulla gravità di ciò che era stato commesso (pur minimizzando il proprio ruolo, ma certamente non negandolo in toto)[6], la versione riportata da Erika è stata sempre e solo chiaramente mendace, avendo dichiarato la stessa che Omar fu il solo ad agire[7]. I due imputati non hanno comunque mai chiaramente spiegato lo svolgimento dei fatti[6].

Susy Cassini rincasa insieme al figlio Gianluca intorno alle 19.30. Suona il campanello ed Erika apre la porta. Insieme vanno in cucina e tra madre e figlia comincia probabilmente l'ennesima discussione dovuta ai brutti voti scolastici della ragazza che studiava all'Istituto San Giorgio - dopo due anni molto deludenti al liceo scientifico - ed ai timori della madre sulle possibili cattive frequentazioni della figlia. Poi arriva la prima coltellata. Soltanto a questo punto la giovane si infila i guanti. Omar che era in casa, nascosto nel bagno del pianterreno dove aveva già indossato i guanti, accorre a dar manforte ad Erika. I due ragazzi riescono ad aggredire Susy alle spalle: uno dei due le tappa la bocca con una mano, l'altro comincia a menare fendenti con il coltello. Anche l'altro comincia a colpire. La donna si dibatte, tenta di sfuggire alla furia omicida dei due, e va a sbattere contro il tavolo della cucina, che per la violenza dell'urto si spezza in due. Il sangue schizza e macchia i vestiti mentre i due fidanzatini continuano ad accoltellarla finché non respira più. Saranno in tutto 40 le coltellate inflitte alla donna[8]. Omar affermò che prima di morire Susy Cassini avrebbe gridato alla figlia "Erika, ti perdono", implorandola di risparmiare il fratello[9].

Nel frattempo il trambusto generatosi ha attirato Gianluca (il fratellino di Erika) che dal piano superiore dove stava preparandosi a fare il bagno (era appena tornato da una partita di pallacanestro dopo aver corso e sudato) è sceso al pian terreno dove ha assistito atterrito all'omicidio della madre[10]. Gianluca viene colpito una prima volta al piano terra dalla sorella, come dimostrato da uno schizzo di sangue del bambino rinvenuto sul cavo del telefono della cucina. Dopodiché Erika convince il fratello a seguirla al piano superiore cercando di calmarlo. Gocce di sangue della giovane vittima vengono rinvenute anche sulle scale che conducono al primo piano, segno che Gianluca è risalito al piano superiore quando era già stato ferito. I piedi dei due assassini lasciano tracce sulle scale, c'è sangue anche sul muro, il segno delle mani dei due che si appoggiano per agevolare la corsa (indice secondo i giudici di una manifesta furia omicida). Piccole gocce cadono dai coltelli. Erika porta il fratellino in bagno con la scusa di aiutarlo a lavarsi e medicargli la ferita, ma Gianluca, in preda al panico, fugge e cerca rifugio nella camera di Erika ed è qui che riceve ulteriori coltellate[11].

Nel frattempo, per evitare che i vicini udissero grida, Erika alza al massimo il volume dello stereo, sulla cui manopola vengono rilevate altre tracce ematiche[10]. Nei piani dei due assassini probabilmente non vi era l'eliminazione di Gianluca, ma la sua presenza imprevista sulla scena del crimine e la sua reazione ne hanno fatto uno scomodo testimone. Forse dopo un veloce conciliabolo viene presa la decisione di eliminarlo. Nel frattempo Gianluca con le poche forze rimaste scappa e cerca rifugio nel bagno. È la fine. Inizialmente, Erika cerca di fargli bere del topicida (resti di una polvere azzurra poi risultata essere un topicida furono rinvenuti vicino alla vasca da bagno, nel pianerottolo del piano superiore, e nelle scale), poi lo butta nell'acqua della vasca e tenta di affogarlo. I fidanzati, forse perché presi dal panico non riescono però nel loro tentativo di affogare Gianluca (che si difende disperatamente riuscendo anche a ferire Omar mordendolo nella zona della prima piega interdigitale della mano destra procurandogli una ferita sanguinante), ma avendo con sé ancora uno dei coltelli usati per uccidere Susy, ricominciano a colpirlo[11]. La furia dei due giovani diventa bestiale. Colpiscono di nuovo e serviranno in tutto ben 57 coltellate, per farlo smettere di agitarsi dopo almeno un quarto d'ora d'agonia[8].

I due ragazzi tornano al piano terra. Sul sangue che imbratta le scale sono rimaste impresse le impronte dei piedi che ripercorrono la stessa strada in discesa. E accanto altre goccioline cadute dai coltelli. “Piccole macchie rotonde - puntualizza un investigatore - tipiche dello sgocciolamento”. Tra i due scoppia una discussione circa l'opportunità di aspettare il rientro del padre della ragazza per uccidere anche lui. Erika insiste ma Omar sostiene di essere troppo stanco e le replica: "Se vuoi, uccidilo da sola". Dopodiché i ragazzi cercano di lavare il sangue, ma non ci riescono. Lavano comunque le armi per nascondere le impronte[11]. Un coltello lo chiudono in un sacchetto insieme a un paio di guanti. L'altro resta nella casa, sul pavimento della cucina. Alle 20.50 si dividono. Omar esce dalla porta principale. Un testimone lo nota perché ha i pantaloni sporchi di sangue. “È andato via in motorino”, racconta il giorno dopo ai carabinieri. Erika passa invece dal garage. I suoi piedi lasciano le impronte sul pavimento e anche in questo caso gli esami confermano: sono le tracce lasciate da una persona che non corre, ma cammina. Dopo aver inferto, insieme al fidanzato, 97 coltellate a madre e fratello[12].

Le indagini[modifica | modifica sorgente]

Dopo il delitto e l'arrivo delle forze dell'ordine, Erika De Nardo, allora studentessa al terzo anno presso un istituto tecnico per geometri, narrò, con vistosi errori e contraddizioni, di una rapina ad opera di extracomunitari finita in tragedia, fornendo una descrizione di due malviventi che a suo dire ne sarebbero stati responsabili[13]: ciò generò manifestazioni di protesta contro gli immigrati in tutta Italia[14], Novi Ligure compresa[15]. Un giovane albanese ritenuto somigliante all'identikit fornito dalla ragazza venne prontamente rintracciato, ma l'alibi fu riscontrato essere valido[14].

L'ipotesi di una rapina degenerata parve quasi immediatamente perdere consistenza. Nessuna porta o finestra della casa mostrava segni di forzatura ed i due cani da guardia della famiglia non avevano abbaiato. I vicini di casa non avevano notato rumori insoliti, le armi con cui erano state assalite e uccise le vittime appartenevano alla famiglia (si trattava di due coltelli facenti parte del servizio da cucina) e sembrava improbabile che una rapina, che oltretutto non aveva nemmeno avuto luogo, dal momento che nessun oggetto di valore era stato sottratto, potesse essere il movente di tanta ferocia. Fu possibile capire con certezza chi fossero i veri autori del delitto in base a registrazioni ambientali[6].

Lasciati soli nell'anticamera della locale caserma dei Carabinieri nella quale erano installate microspie e telecamere nascoste, tra il 22 ed il 23 febbraio, i due omicidi allora adolescenti, occupati a scambiarsi effusioni e scherzare tra loro, "confessarono" involontariamente l'esecuzione, parlandone tra loro, confrontandosi sugli identikit che la ragazza avrebbe dovuto disegnare per la polizia (ad un certo punto si sentì Omar rimproverare la fidanzata perché aveva tracciato un volto troppo somigliante a lui: "'Non vorrai mica che ci freghiamo da soli, sarebbe il massimo!") e, sembra, ipotizzando un tentativo di fuga in caso su di loro si fossero addensati i sospetti[16].

Una telecamera inquadrò Erika che mimava il gesto della coltellata mentre mormorava "gliel'ho dato qui" e chiedeva al fidanzatino: "Ti sei divertito vero a ucciderli?" mentre Omar la strattonava sbottando "vieni qui, assassina" e rinfacciandole "tu non sai, non è un gioco questo... sono morte due persone è una roba da ergastolo". Poco prima la ragazza aveva commentato "Adesso possiamo andare in giro come una coppia vera" e raccomandato ad Omar di vestirsi bene ai funerali delle loro vittime, previsti per il giorno successivo; funerali ai quali, peraltro, la giovane non poté partecipare, trovandosi già in carcere[17].

Verso le ore 19 del 23 febbraio 2001 i due vennero definitivamente posti in stato di fermo e quindi condotti nel carcere minorile "Ferrante Aporti" di Torino[6]. Di qui in poi, Erika e Omar si rinfacceranno a vicenda la responsabilità di quanto avvenuto, smentiti però dai rilievi del RIS di Parma, che ricostruì che entrambi avevano partecipato in egual misura agli omicidi. In seguito ad un tentativo di contattare l'ex fidanzatino per concordare una versione che tentasse di scagionarli, Erika De Nardo venne trasferita al carcere minorile "Cesare Beccaria" di Milano. Pare inoltre che la ragazza fosse oggetto di ostilità da parte delle altre detenute, per lo più recluse per reati minori e insofferenti per le attenzioni riservate alla De Nardo.

Nel corso delle indagini emerse una certa conflittualità tra Erika e la madre: litigi causati dallo scarso rendimento scolastico della ragazza e dal fatto che Susy Cassini disapprovava la relazione della figlia con Omar, e temeva che i due giovani facessero uso di stupefacenti (circostanza confermata, anche se fu escluso che la coppia fosse in stato di alterazione provocato dall'uso di droga la sera del delitto o che la loro situazione fosse riconducibile ad una tossicodipendenza vera e propria)[18].

I processi[modifica | modifica sorgente]

Il 14 dicembre 2001 Erika De Nardo e Omar Favaro vennero condannati dal Tribunale per i Minorenni di Torino rispettivamente a 16 e 14 anni di reclusione[19]. In seguito, le condanne sono state confermate, prima dalla Corte d'Appello di Torino il 30 maggio 2002 e poi, in via definitiva, dalla Corte di Cassazione il 9 aprile 2003[20].

L'eco mediatica[modifica | modifica sorgente]

L'attenzione dei media è tornata sui protagonisti della vicenda anche dopo la conclusione del processo. Durante la detenzione, Erika intraprese una fitta corrispondenza con un musicista veronese, tal Mario Gugole, presentato dalla stampa come "il nuovo fidanzato di Erika"[21]. Il giovane rilasciò diverse interviste e partecipò ad alcuni salotti televisivi, suscitando viva disapprovazione[22].

Nel maggio 2006, suscitò polemiche un'uscita di Erika dal carcere per qualche ora, nel quadro di un programma di recupero dei detenuti, durante una partita di pallavolo. La pubblicità all'evento da parte di televisione e giornali venne da più osservatori ritenuta eccessiva e fuorviante. Nell'ottobre 2008 morì in un incidente stradale il "fidanzato" per corrispondenza di Erika, Mario Gugole, alimentando fantasie superstiziose su una presunta "maledizione" legata alla giovane[23][24].

Il 3 marzo 2010 Omar è uscito di prigione, avendo anche beneficiato dell'indulto e di sconti per la buona condotta. Il giovane ha dichiarato di essere intenzionato a concludere gli studi e di non voler più pensare ad Erika verso la quale non porterebbe alcun rancore[25].

Il 5 dicembre 2011 è stata disposta la scarcerazione di Erika, la quale, dopo aver conseguito la Laurea in Filosofia nell'aprile del 2009, ha dichiarato di volersi rifare una vita costruendosi anche una famiglia.[26] Il giorno successivo la De Nardo ha lasciato la Comunità Exodus di Lonato (BS) di don Antonio Mazzi ed è ritornata una persona libera. A settembre 2012 vive sempre in una casa di proprietà a Lonato e ha espresso il desiderio di andare ad insegnare in una scuola del Madagascar[27].

Nel gennaio 2013 Erika è stata intervistata da diversi quotidiani, lamentando di non riuscire a trovare lavoro perché tutti la riconoscono e la ricollegano al massacro di dodici anni prima, ottenendo l'offerta di un impiego a tempo indeterminato come segretaria in una industria edile a Rieti, fatto che ha alimentato polemiche. A partire dal settembre 2013, la giovane lavora in un negozio di dischi e strumenti musicali nei pressi di Lonato, appartenente ad un musicista della zona presentato dai mass media come il suo nuovo compagno.

Influenze nella cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

A questo fatto di cronaca sono ispirate le canzoni di Fabri Fibra "Venerdì 17", "Cuore di latta" e in parte "Questa vita", la canzone dei Subsonica "Gente tranquilla" (contenuta in Amorematico), la canzone dei Truceboys Il dramma, la canzone "300 Days To Consciousness" dei Motherstone contenuta in "Biolence" del 2008 e lo spettacolo teatrale "Le mani forti".

Omar ed Erika vengono citati nel brano S.E.N.I.C.A.R. di Marracash e nel brano "hip hop bang bang" dei Club Dogo.

Il numero 404 del fumetto Alan Ford dal titolo Enrika colpisce ancora è sempre ispirato a questa vicenda.

Erika e Omar vengono citati nella canzone "Killer Star" di Immanuel Casto

Trasmissioni tv dedicate al delitto di Novi Ligure[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ A sangue caldo
  2. ^ Erika De Nardo libera da domani, LaPresse.it, 5 dicembre 2011
  3. ^ Erika De Nardo è libera (le prime foto). Natale con papà. Ma prima scrive a Omar, Oggi.it, 6 dicembre 2001
  4. ^ «Erika e Omar non sono pentiti, restino in carcere», Il Corriere della Sera, 31 luglio 2002
  5. ^ "Erika e Omar in carcere finché non capiranno l'orrore", La Repubblica, 30 luglio 2002
  6. ^ a b c d Puntata di History Channel intitolata Il delitto di Novi Ligure: Erika Omar; la si può vedere integralmente qui
  7. ^ «È stato un agguato, così Omar ha ucciso mamma», Il Corriere della Sera, 26 febbraio 2001
  8. ^ a b Assumereste Erika De Nardo? Io sì, Il Messaggero, 14 gennaio 2013
  9. ^ «La madre disse: Erika ti perdono, salva tuo fratello», Il Corriere della Sera, 23 ottobre 2001
  10. ^ a b P. De Pasquali, Figli che uccidono. Da Doretta Graneris a Erika & Omar, Rubbettino, Soveria Mannelli, 2002, p. 138
  11. ^ a b c «Il massacro, poi lavarono i coltelli» Novi Ligure, la ricostruzione degli investigatori. Erika e Omar non premeditarono il delitto, Il Corriere della Sera, 27 maggio 2001
  12. ^ Erika e Omar: 97 coltellate. Gli “assassini di Novi Ligure”... e la chiamano normalità
  13. ^ Inizialmente anche i giornali diffusero questa tesi: si veda ad esempio l'articolo Madre e figlio uccisi dai banditi, uscito su La Stampa del 22 febbraio 2001
  14. ^ a b Delitto di Novi Ligure, Erika è libera dopo quasi 11 anni, SKY TG24, 4 dicembre 2001
  15. ^ Le fiaccolate di Novi Ligure, IlPost.it, 21 febbraio 2001
  16. ^ Novi Ligure, 21 febbraio 2001. I protagonisti: Erika De Nardo e Omar Favaro da Il Giornale del Friuli, 4 marzo 2010
  17. ^ Claudio Giacchino "Doretta & Erika", ed. Marsilio, 2007
  18. ^ Una ragazzina gelosa e ribelle e dietro l'ombra della droga, La Repubblica.
  19. ^ Sentenza del GUP
  20. ^ Cronologia della vicenda giudiziaria
  21. ^ Ecco il fidanzato segreto di Erika. "Ci amiamo e lei vuole un figlio", La Repubblica.
  22. ^ Il «fidanzato» appare ancora in tv. E da Vespa gli ospiti lo attaccano, Corriere della Sera.
  23. ^ Novi, Erika De Nardo: la 'maledizione' continua, voceditalia.it.
  24. ^ Verziano, la prima laureata è Erika, quibrescia.it.
  25. ^ Delitto di Novi Ligure, Omar esce dal carcere: «Ora voglio stare tranquillo», corriere.it.
  26. ^ Erika De Nardo, che uccise la madre ed il fratellino a Novi Ligure, sarà libera tra un anno e pensa già ad un bambino :: VIP
  27. ^ Massacro di Novi Ligure, Erika è una persona libera

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]