Killer Kowalski

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Wladek Kowalski
Kowalski (sulla sinistra) mentre allena John Quinlan
Kowalski (sulla sinistra) mentre allena John Quinlan
Nome Edward Władysław Spulnik
Ring name Hercules Kowalski
Killer Kowalski
The Masked Destroyer
The Masked Executioner
Tarzan Kowalski
The Polish Apollo
Wladek Kowalski
Nazionalità Canada Canada
Nascita Windsor, Ontario
13 ottobre 1926
Morte Malden, Massachusetts
30 agosto 2008
Altezza dichiarata 201 cm
Peso dichiarato 130 kg
Allenatore Lou Thesz[1]
Debutto 1947
Ritiro 1977
Progetto Wrestling

Edward Władysław Spulnik, noto con lo pseudonimo Wladek (Walter) "Killer" Kowalski (Windsor, 13 ottobre 1926Malden, 30 agosto 2008), è stato un wrestler canadese.

Kowalski ha combattuto per molte federazioni durante la sua carriera, tra cui l'allora WWF. Ha vinto il WWF Tag Team Championship con Big John Studd. È stato anche un sostenitore del vegetarismo[2]. Si è ritirato nel 1977. Ha allenato molti wrestler che poi sarebbero diventati professionisti, tra cui Triple H e Damien Sandow.

Carriera professionale[modifica | modifica wikitesto]

Numerose sono le storie circa le origini da wrestler di Spulnik. La più ricorrente racconta che mentre frequentava la University of Detroit (altre fonti indicano invece l'Assumption College di Windsor, Ontario), gli arrivò la voce che esisteva l'opportunità di guadagnare bene facendo del wrestling.[3] Poiché era dotato di un fisico imponente, decise di provare ed iniziò a frequentare una scuola di lotta dove allenarsi.[4] Il primo pseudonimo che utilizzò sul ring fu Tarzan Kowalski,[5] ma veniva spesso chiamato anche Hercules Kowalski, Killer Kowalski e persino The Polish Apollo, secondo quanto riportato nei giornali del periodo 1950–51. Durante il periodo della guerra fredda cambiò il nome in Wladek Kowalski, in modo che sembrasse più minaccioso.[6] Dal 1947 al 1977 lottò in varie federazioni, incluse National Wrestling Alliance (NWA) e American Wrestling Association (AWA) interpretando quasi sempre il ruolo del "cattivo".

L'ascesa di Kowalski fu veloce. Il 29 novembre del 1948, affrontò per il titolo il campione mondiale NWA Orville Brown, anche se non riuscì a fare suo l'alloro. Ad impressionare il pubblico erano le sue dimensioni fisiche fuori dal normale per l'epoca (2 metri di altezza), e la sorprendente velocità sul ring per un uomo della sua stazza. Lottava prevalentemente come "heel", tranne che durante i suoi confronti con Buddy Rogers, che era anche più "odiato" di lui. Nei suoi match con Rogers, Kowalski adottò un approccio più serio e meno scorretto. Fuori dal ring, tuttavia, Kowalski era considerato dagli addetti ai lavori una persona molto educata e gentile.

Incidenti[modifica | modifica wikitesto]

Il 15 ottobre 1952, nel corso di un match contro Yukon Eric svoltosi a Montreal, Kowalski strappò via un orecchio all'avversario mentre eseguiva un knee drop. In realtà, l'orecchio di Eric era già malandato dai tanti incontri combattuti nel corso degli anni, e l'episodio fu un incidente, ma tuttavia fortificò l'immagine di crudele ed efferato "monster heel" di Kowalski. Egli si recò a trovare il suo avversario in ospedale, e i due si misero a ridere insieme del fatto. Quando però la notizia della sua visita fu riportata dai giornali, i giornalisti scrissero che Kowalski si era presentato all'ospedale per sbeffeggiare la sua vittima e non per ridere con lui ma di lui.[7] L'incidente diede il via a numerosi violenti match tra i due.

La fama da cattivo di Kowalski guadagnò ulteriore notorietà a seguito di un altro incidente accaduto a Boston nel giugno 1958 in un match contro Pat O'Connor. L'arbitro speciale della contesa era l'ex campione di boxe Jack Dempsey, che ricevette un calcio allo stomaco da Kowalski talmente forte che dovette essere portato all'ospedale. Dempsey non accusò Kowalski, ed entrambi dissero che si era trattato di un incidente, ma la famigerata reputazione del wrestler si cementificò sempre più.[8] Nel 1967, nel corso di un talk show sulla televisione australiana, il conduttore Don Lane fece arrabbiare Kowalski durante un'intervista apparentemente amichevole e fu da lui colpito con la sua mossa "Kowalski Claw".[9]

Nel dicembre 1972, Kowalski divenne il primo wrestler a riuscire a schienare André the Giant in Nord America, in quella che venne definita la "Battle of the Giants". Nel 1963, in Giappone, Kowalski aveva già fatto lo stesso con Giant Baba.

World Wide Wrestling Federation[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni sessanta e settanta, Killer Kowalski divenne il principale antagonista di Bruno Sammartino nella World Wide Wrestling Federation, senza però mai riuscire a strappare il titolo mondiale a "The Italian Strongman". In WWWF Kowalski formò un tag team con Gorilla Monsoon e prese Red Berry come manager della coppia; Monsoon e Kowalski vinsero lo U.S. Tag Team Title sconfiggendo Skull Murphy & Brute Bernard; cedendolo poi ai Tolos Brothers nel dicembre 1963. L'11 maggio 1976, Kowalski vinse il WWF World Tag Team Championship in coppia con Big John Studd. Entrambi gli uomini indossavano delle maschere nere e il loro tag team si chiamava The Executioners. Tuttavia, furono privati delle cinture, a seguito dell'interferenza di un terzo Executioner durante una difesa del titolo contro Chief Jay Strongbow & Billy White Wolf, e non riuscirono più a riconquistarle.

Ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Kowalski si ritirò nel 1977, poco dopo aprì una scuola di wrestling a Malden in Massachusetts. Molti wrestler che poi diventarono famosi si allenarono li, tra cui Perry Saturn, Chyna e Triple H. Inoltre Kowalski ha allenato anche A-Train, Kofi Kingston, e Kenny Dikstra.

È entrato nella Hall of Fame del wrestling il 14 giugno 2007.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Da sempre scapolo impenitente, il 19 giugno 2006 si sposò per la prima volta con Theresa Ferrioli. Kowalski, che aveva all'epoca 79 anni, scherzò sul fatto che si era deciso a sposare la Ferrioli, 78 anni, solo dopo che lei gli aveva rivelato "di essere incinta".[10][11]

Divenne vegetariano alla fine degli anni sessanta e dichiarò di essere l'unico in tutto il wrestling professionistico.[12] Non beveva latte e alcolici, e non fumava. Si rifiutava persino di salire in macchina con chi fumava in auto, e detestava la puzza di fumo.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

L'8 agosto 2008, Kowalski ebbe un attacco di cuore molto forte. Decise di non operarsi perché non ne valeva la pena ed era troppo tardi. È morto il 30 agosto dello stesso anno.

Nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

Mosse finali
Manager
  • Red Berry (negli Executioners)

Titoli e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • International Wrestling Federation
  • Montreal Athletic Commission
    • MAC World/International Heavyweight Championship (13)[21]
  • NWA San Francisco
    • NWA Pacific Coast Heavyweight Championship (San Francisco version) (1)[26]
    • NWA Pacific Coast Tag Team Championship (San Francisco version) (1) - con Hans Herman[27]
  • United States Wrestling Federation
    • USWF Tag Team Championship - con Ox Baker

1Sconfigge Duke Keomuka e Danny Hodge in un handicap match.
2Lotta con il ring name Masked Destroyer quando vince il titolo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Killer Kowalski's Hall of Fame profile, World Wrestling Entertainment. URL consultato il 5 aprile 2011.
  2. ^ A Vegetarian Travel Guide exclusive interview with the world-famous wrestler... Walter "Killer" Kowalski
  3. ^ Kevin Paul Dupont, A Lifetime of Learning, The Boston Globe, 8 ottobre 1990, p. 47.
  4. ^ Nancy Marrapese, A Quiet Life, Wild Memories for Killer, The Boston Globe, 29 settembre 1991, p. NW13.
  5. ^ Thane Burnett, Confessions of a Killer, Toronto Sun, 24 gennaio 2005, p. 34.
  6. ^ Milan Simonich, Being a wrestling villain was a rewarding career, The Globe and Mail, 13 novembre 1998, p. S7.
  7. ^ Milan Simonich, Ring of legends: Killer Kowalski and other big names come to town to wrestle up support for charity in Pittsburgh Post-Gazette, Block Communications, 12 novembre 1998. URL consultato il 31 agosto 2008.
  8. ^ Mauler Mauled, Los Angeles Times, 3 agosto 1958, p. C6.
  9. ^ Sacha Molitorisz, Scream test in The Sydney Morning Herald, Fairfax Media, 5 gennaio 2004. URL consultato il 10 agosto 2008.
  10. ^ Cal Fussman, What I've Learned: Killer Kowalski in Esquire, Hearst Corporation, 3 agosto 2007. URL consultato il 31 agosto 2008.
  11. ^ Joe Fitzgerald, Grappling With Mortality, Boston Herald, 28 luglio 2008, p. 2.
  12. ^ Barry Harris, A Vegetarian Travel Guide exclusive interview with the world-famous wrestler...Walter "Killer" Kowalski su vegetarianusa.com. URL consultato il 15 marzo 2015.
  13. ^ Killer Kowalski's OWOW profile, Online World of Wrestling. URL consultato il 5 aprile 2011.
  14. ^ ACC/Big Time Wrestling World Heavyweight Title history At wrestling-titles.com.
  15. ^ Kowalski gets top CAC award, slam.canoe.ca. URL consultato il 12 settembre 2008.
  16. ^ NWA Central States Heavyweight Title history At wrestling-titles.com.
  17. ^ NWA Central States Tag Team Title history At wrestling-titles.com.
  18. ^ Iowa Tag Team Title history At wrestling-titles.com.
  19. ^ NWA Southern Heavyweight Title (Florida) history At wrestling-titles.com.
  20. ^ a b Royal Duncan & Gary Will, Wrestling Title Histories, 4th, Archeus Communications, 2000, ISBN 0-9698161-5-4.
  21. ^ World/International Heavyweight Title (Montreal) history At wrestling-titles.com.
  22. ^ NWA United States Heavyweight Title (Hawaii version) history At wrestling-titles.com.
  23. ^ NWA Pacific Coast Tag Team Title (Vancouver version) history At wrestling-titles.com.
  24. ^ NWA Americas Heavyweight Title history At wrestling-titles.com.
  25. ^ NWA Americas Tag Team Title history At wrestling-titles.com.
  26. ^ NWA Pacific Coast Heavyweight Title (San Francisco) history At wrestling-titles.com.
  27. ^ NWA Pacific Coast Tag Team Title (San Francisco) history At wrestling-titles.com.
  28. ^ Pro-Wrestling Illustrated Tag-Team of the Year, wwe-zone.com. URL consultato il 12 settembre 2008.
  29. ^ Professional Wrestling Hall of Fame and Museum Inductees At wrestling-titles.com.
  30. ^ Texas Brass Knuckles Title history At wrestling-titles.com.
  31. ^ Texas Tag Team Title history At wrestling-titles.com.
  32. ^ NWA Canadian Heavyweight Title (Calgary) history At wrestling-titles.com.
  33. ^ Stampede International Tag Team Title history At wrestling-titles.com.
  34. ^ IWA World Heavyweight Title (Australia) history At wrestling-titles.com.
  35. ^ IWA World Tag Team Title (Australia) history At wrestling-titles.com.
  36. ^ United States Tag Team Title (Capitol/WWWF) history At wrestling-titles.com.
  37. ^ WWF/WWE Hall of Fame Inductees At wrestling-titles.com.
  38. ^ Wrestling Observer Hall Of Fame 1996 Inductees, wwe-zone.com. URL consultato il 12 settembre 2008.