Jay Strongbow

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Joe Scarpa
Nome Joseph Luke Scarpa
Ring name Chief Jay Strongbow
"Joltin'" Joe Scarpa
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Nascita Filadelfia
4 ottobre 1928
Morte
3 aprile 2012
Altezza dichiarata 183 cm
Peso dichiarato 120 kg
Allenatore Don Eagle
Debutto 15 gennaio 1947
Ritiro 1985
Progetto Wrestling

Joseph Luke Scarpa, noto con lo pseudonimo Chief Jay Strongbow (Filadelfia, 4 ottobre 19283 aprile 2012), è stato un wrestler statunitense. Scarpa sul ring interpretava la gimmick dell'indiano nativo americano, con tanto di copricapo piumato e ascia da guerra.[1]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

National Wrestling Alliance (1947–1970)[modifica | modifica sorgente]

La carriera di Strongbow ebbe inizio nel 1947 combattendo con il nome "Joltin" Joe Scarpa.[2] Scarpa divenne molto popolare in Georgia e Florida nelle zone coperte dalla National Wrestling Alliance durante gli anni cinquanta e sessanta, aggiudicandosi svariati titoli in qualità di beniamino del pubblico.[2]

World Wide Wrestling Federation (1970–1977)[modifica | modifica sorgente]

Nel 1970, Scarpa iniziò a lavorare per Vincent J. McMahon nella World Wide Wrestling Federation utilizzando il ring name "Chief" Jay Strongbow, un capo tribù indiano.[1][3] In WWWF ebbe diversi feud con wrestler quali "The Golden Greek" Spiros Arion, "Handsome" Jimmy Valiant, e "Superstar" Billy Graham, sfiorando la conquista del titolo WWWF World Heavyweight Championship. Un memorabile match contro "Iron" Mike McCord vide Strongbow applicare la sua presa per addormentare su McCord. Ma Lou Albano, manager di McCord, interferì colpendo Strongbow sulla fronte con un oggetto. McCord venne squalificato, ma Strongbow rimase infortunato dal colpo ricevuto da Albano. Strongbow risolse la contesa vendicandosi davanti a una folla da tutto esaurito al Madison Square Garden, sconfiggendo sonoramente Captain Lou Albano.

Nel 1975, ebbe inizio un altro feud con Spiros Arion. Arion, popolare ed apparentemente imbattibile face, ritornò in WWWF dopo una lunga attesa facendo coppia con Strongbow. Arion tradì Strongbow, distruggendo il suo copricapo indiano mentre egli, impotente, osservava imprigionato tra le corde del ring. Diventato uno dei "cattivi", Arion sconfisse Strongbow in diversi match che li videro affrontarsi per poi sfidare Bruno Sammartino per il titolo mondiale.

Strongbow vinse il suo primo WWWF World Tag Team Championship il 22 maggio 1972 in coppia con Sonny King.[4] I due sconfissero Baron Mikel Scicluna & King Curtis Iaukea.[4] Strongbow & King detennero le cinture di campioni di coppia per un mese prima di perderle contro Mr. Fuji & Professor Toru Tanaka il 27 giugno.[4]

Quattro anni e mezzo dopo, il 7 dicembre 1976, Strongbow vinse il suo secondo WWWF World Tag Team Championship, questa volta insieme a Billy White Wolf.[4] Il team vinse i titoli nel corso di un torneo a tre, sconfiggendo The Executioners e Nikolai Volkoff & Tor Kamata.[4] Il loro regno durò fino all'agosto 1977 quando le cinture furono rese vacanti a causa di un infortunio rimediato da White Wolf per mano di Ken Patera, che gli impedì di difendere il titolo.[1]

Big Time Wrestling (1977)[modifica | modifica sorgente]

Strongbow lottò anche nella Big Time Wrestling di The Sheik a Detroit. Qui ebbe una faida memorabile con "Bulldog" Don Kent, che culminò in uno "Shark Cage Match" nel 1977. Strongbow e Kent lottarono all'interno di una piccola gabbia per squali, dove il primo ad uscire sarebbe stato dichiarato vincitore. Grazie a un piccolo aiuto da parte di Mark Lewin, Strongbow riuscì a fuggire dalla gabbia vittorioso.

World Wrestling Federation (1979–1983)[modifica | modifica sorgente]

Nel 1979, fu la volta di una faida con Greg "The Hammer" Valentine, che spezzò una gamba a Strongbow. I due wrestler si affrontarono diverse volte in WWF, incluso un violento "Indian Strap Match" svoltosi al Madison Square Garden il 30 luglio 1979.[1]

Nel 1982, Strongbow formò un tag team con il fratello (kayfabe) Jules Strongbow.[1] Il 28 giugno i fratelli Strongbow vinsero i titoli di coppia battendo Mr. Fuji & Mr. Saito a New York City.[4] Durante il match, l'arbitro speciale Ivan Putski effettuò il conteggio di tre vincente, ma non vide il piede di Fuji appoggiato sulle corde. Il 13 luglio durante una puntata di Championship Wrestling, gli Strongbow persero le cinture riconsegnandole a Fuji & Saito,[1] ma il 26 ottobre, gli Strongbows risconfissero Fuji & Saito vincendo il secondo WWF Tag Team Championship.[4] L'8 marzo 1983, a Championship Wrestling, i fratelli Strongbow persero i titoli contro i Wild Samoans (Afa & Sika).[1] Dopo aver fallito la riconquista dei titoli, la coppia si sciolse.

Ritiro (1985–1994)[modifica | modifica sorgente]

Strongbow si ritirò nel 1985, ma di tanto in tanto fece qualche comparsata sul ring, come in occasione di una celebre Legends Battle Royal a East Rutherford, nel New Jersey, nel 1987. Dopo il ritiro, Strongbow divenne un road agent per la WWF.[1] Inoltre prese parte nel 1994 a una storyline nella quale faceva da mentore a Tatanka.[5] Strongbow fu introdotto nella WWF Hall of Fame da Tatanka nel 1994.[1] L'ultima presenza di Strongbow in WWE si ebbe in occasione di una breve apparizione a Monday Night Raw il 17 novembre 2008, quando Stephanie McMahon lo introdusse al pubblico di Atlanta.[2][6]

Morte[modifica | modifica sorgente]

Scarpa cadde in casa alla fine del 2011 e fu ricoverato in ospedale. Non si riprese mai dalla caduta e morì il 3 aprile 2012 all'età di 83 anni.[5]

Nel wrestling[modifica | modifica sorgente]

Mosse finali[modifica | modifica sorgente]

Mosse[modifica | modifica sorgente]

Titoli e riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

  • (2009)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i Chief Jay Strongbow's WWE Hall of Fame Profile, World Wrestling Entertainment. URL consultato il 29 marzo 2011.
  2. ^ a b c Wrestler Profiles: Chief -->Jay Strongbow, Online World of Wrestling. URL consultato il 18 giugno 2009.
  3. ^ Slotnik, Daniel E. Joe Scarpa, Who Gained Wrestling Fame as Chief Jay Strongbow, Dies The New York Times (5 aprile 2012).
  4. ^ a b c d e f g World Tag Team Championship official title history, World Wrestling Entertainment. URL consultato il 18 giugno 2009.
  5. ^ a b Greg Oliver, Chief Jay Strongbow dies in Slam! Wrestling, Canadian Online Explorer, 3 aprile 2012. URL consultato il 3 aprile 2012.
  6. ^ Brian Elliott, Raw: Lumberjacks bring predictable chaos in Slam! Wrestling, Canadian Online Explorer, 18 novembre 2008. URL consultato il 3 aprile 2012.