Juan Subercaseaux Errázuriz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Juan Subercaseaux Errázuriz
arcivescovo della Chiesa cattolica
ArchbishopPallium PioM.svg
Nato 26 agosto 1896
Ordinato presbitero 3 aprile 1920
Consacrato vescovo 28 aprile 1935 dall'arcivescovo Ettore Felici
Elevato arcivescovo 8 gennaio 1940
Deceduto 9 agosto 1942

Juan Subercaseaux Errázuriz (Santiago del Cile, 26 agosto 1896Regione di Coquimbo, 9 agosto 1942) è stato un arcivescovo cattolico cileno.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Juan Subercaseaux Errázuriz nacque il 26 agosto 1896 a Santiago del Cile. Era figlio di Ramon Subercaseaux Vicuña, diplomatico, ambasciatore del Cile presso la Santa Sede per più di due decadi e sig.ra Amalia Errázuriz Urmeneta, autrice del libro "Roma dell'anima". Il giovane Juan, educato ai valori della fede in una famiglia profondamente cattolica, e impegnata sul piano ecclesiale e sociale, ebbe come direttore spirituale il famoso padre cileno e parroco di "San Miguel", Miguel León Prado. Frequenta la prestigiosa scuola gesuita San Ignacio, di Santiago e da qui entra direttamente al Seminario Maggiore di Santiago per proseguire gli studi. È stato ordinato sacerdote in Santiago il 3 aprile 1920 e prosegue gli studi di Filosofia e Teologia a Roma, inizialmente presso la Pontificia Università Gregoriana e dopo, successivamente presso il Pontificio Collegio Pio Latino Americano di Roma e presso l'Accademia dei Nobili (attuale Pontificia Accademia Ecclesiastica), dove ha ottenuto il dottorato in filosofia e in teologia.

Eletto vescovo della diocesi di Linares, Cile, il 23 febbraio 1935 e consacrato il 28 aprile 1935 dal nunzio apostolico in Cile, arcivescovo Ettore Felici. Promosso arcivescovo di La Serena l'8 gennaio 1940, in cui entrò solennemente il 9 aprile 1940. Gli venne conferito l'Ordine della Corona d'Italia. È deceduto tragicamente in un incidente stradale nella Provincia de Coquimbo (attuale regione di Coquimbo), Cile, il 9 agosto 1942.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.