John Nunn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
John Nunn

John Denis Martin Nunn (Londra, 25 aprile 1955) è uno scacchista e compositore di scacchi inglese, Grande Maestro.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

John Nunn ha iniziato a giocare a scacchi all'età di quattro anni, seguendo gli insegnamenti del padre. Sin da giovane si è dimostrato talentuoso. All'età di nove anni ha vinto il campionato di Londra under-12. Nel 1967 ha vinto il campionato britannico under-14 e a quattordici anni il campionato di Londra under-18.

Ha ottenuto il dottorato in matematica all'Università di Oxford nel 1978, con una tesi dedicata agli spazi-H finiti. È rimasto nell'università come insegnante fino al 1981, quando ha deciso di diventare un giocatore di scacchi professionista.

È stato per lungo tempo[Quando?] uno dei più forti scacchisti inglesi. Nella lista Elo del mese di gennaio 1985 ha raggiunto il nono posto nel mondo.

Si è ritirato dal gioco attivo nell'agosto 2006. Dal 2008 si occupa della compilazione di tablebases per programmi scacchistici. È considerato il maggior esperto mondiale in questo campo.

Nunn è stato anche un compositore di studi di prim'ordine, con oltre 300 suoi studi compresi nel database di riferimento di Harold van der Heijden. Ha vinto due volte, nel 2004 e nel 2007, il Campionato del mondo di soluzione studi e problemi.

In carriera ha pubblicato diversi libri dedicati agli scacchi. È sposato con Petra Fink-Nunn, una giocatrice di scacchi tedesca col titolo di Maestro FIDE femminile. Hanno un figlio, Michael.

Principali risultati[modifica | modifica sorgente]

  • Vince a Groninga il campionato europeo juniores (under-20) 1974/75.
  • Nel 1978 vince il torneo Tungsram di Budapest e ottiene il titolo di Grande Maestro.
  • Nel 1980 vince a Brighton il campionato britannico (dopo spareggio con William Hartston, 3,5 - 2,5).
  • Ha vinto tre volte il torneo di Hastings: nel 1993/94 (pari con Ulf Andersson), nel 1993/94 e nel 1996/97 (pari con Mark Hebden e Eduardas Rozentalis).
  • Ha vinto il torneo Hoogovens di Wijk aan Zee tre volte: nel 1982 (pari con Balashov), nel 1990 e nel 1991.
    La sua partita con Beljavskij al torneo di Wijk aan Zee del 1985 è stata valutata la migliore dell' Informatore n. 39.
  • Ha vinto due volte il torneo di Biel: nel 1982 (pari con Florin Gheorghiu) e nel 1983 (pari con Tony Miles).
  • Nel 1989 è arrivato 6º nella "Coppa del Mondo" (vinta da Kasparov davanti a Karpov), una serie di tornei ai quali erano ammessi i migliori 25 giocatori del mondo.

Olimpiadi[modifica | modifica sorgente]

Dal 1976 al 1994 ha partecipato a dieci Olimpiadi degli scacchi per l'Inghilterra, con l'ottimo risultato complessivo di +48 –14 =37 (67,2 %).

Ha ottenuto due medaglie d'oro individuali nelle Olimpiadi di Salonicco 1984 (miglior risultato in 2a scacchiera, +9 –0 =2, e miglior prestazione Elo) e una medaglia d'argento individuale nelle Olimpiadi di Salonicco 1988.

Alle olimpiadi di Salonicco 1984 ha vinto anche una medaglia d'oro per la soluzione di studi e problemi, diventando l'unico giocatore a vincere tre ori individuali in una sola olimpiade.

La sua migliore prestazione nei cicli di qualificazione per il campionato del mondo è stata nel 1987, quando si classificò = 3° con
Lajos Portisch nell'Interzonale di Szirák, ma poi perse il match di spareggio con Portisch per l'accesso al torneo dei candidati.

Uno studio di John Nunn[modifica | modifica sorgente]

John Nunn
Concorso Due Alfieri, 1983
a b c d e f g h
8
Chessboard480.svg
h8 cavallo del nero
h7 pedone del bianco
b6 re del nero
b5 pedone del bianco
e5 re del bianco
b4 pedone del nero
8
7 7
6 6
5 5
4 4
3 3
2 2
1 1
a b c d e f g h
Il Bianco muove e patta












Soluzione:[1]





Opere pubblicate[modifica | modifica sorgente]

Nunn è considerato uno dei migliori autori di libri di scacchi. Ha pubblicato tra l'altro Secrets of Grandmaster Chess, che ha vinto il premio "Book of the Year" della federazione inglese nel 1988, e John Nunn's Best Games, che ha vinto lo stesso premio nel 1995. In Italia hanno avuto molto successo i suoi manuali Capire gli scacchi mossa dopo mossa (Caissa Editrice, ISBN 978-88-88756-51-6) e il seguito Capire gli scacchi mossa dopo mossa 2, che ha vinto il premio Zichichi come miglior libro di scacchi del 2008.

Altre opere:

  • 101 Brilliant Chess Miniatures, Gambit Publications, 2000.
  • Beating the Sicilian 3 (con Joe Gallagher), Henry Holt & Co., 1995.
  • The Complete Najdorf 6.Bg5, International Chess Enterprises, 1997.
  • Endgame Challenge, Gambit Publications, 2002.
  • Grandmaster Chess Move by Move, Gambit Publications, 2005.
  • John Nunn's Best Games, Batsford, 2001.
  • John Nunn's Chess Puzzle Book, Gambit Publications, 1999.
  • Learn Chess, Gambit Publications, 2000.
  • Learn Chess Tactics , Gambit Publications, 2004.
  • Mammoth Book of the World's Greatest Chess Games (con Graham Burgess e John Emms), Carroll & Graf, 2004.
  • Nunn's Chess Openings (con Gallagher, Emms e Graham Burgess), Everyman Chess, 1999.
  • Secrets of Grandmaster Chess, International Chess Enterprises, 1997.
  • Secrets of Practical Chess, Gambit Publications, 1998.
  • Secrets of Minor-Piece Endings, Rowman Littlefield, 2001.
  • Secrets of Pawnless Endings, Gambit Publications, 1994-2002.
  • Secrets of Rook Endings, Gambit Publications, 1992-1999.
  • Solving in Style, Gambit Publications, 1995-2002.
  • Tactical Chess Endings, Batsford, 2003.
  • Understanding Chess Move by Move, Gambit Publications, 2001.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Falsa soluzione:  1. Rf6? b3 2. Rg7 b2 3. Rxh8 b1=D 4.Rg7 - il Bianco perde col seguente seguito: 4 ...Dg1+ 5. Rf7 Dd4 6. Rg8 Dg4+ 7. Rf7 Df5+ 8. Rg7 Dg5+ 9.Rf7 Dh6 10. Rg8 Dg6+ 11. Rh8 Rc5! 12. b6 Df7 13. b7 Df8 matto. Soluzione:1. Rd4!  con l'idea non di avvicinarsi al pedone, ma di perdere un tempo tornando poi in e5.  1. ...Rxb5 2. Re5! b3 3. Rf6 b2 4. Rg7 b1=D 5. Rxh8, con finale di patta teorica di Donna contro pedone in settima traversa.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Controllo di autorità VIAF: 69823369 LCCN: n82234137