Janeth Jepkosgei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Janeth Jepkosgei
Janeth Jepkosgei 2010 Memorial Van damme.jpg
Janeth Jepkosgei al Memorial Van Damme 2010.
Dati biografici
Nome Janeth Jepkosgei Busienei
Nazionalità Kenya Kenya
Altezza 167 cm
Peso 47 kg
Atletica leggera Atletica leggera
Dati agonistici
Specialità 800 metri piani
Record
800 m 1'56"04 (2007)
800 m indoor 2'12"04 (2010)
1.000 m 2'37"98 (2002)
1.500 m 4'02"32 (2011)
Miglio 4'28"72 (2008)
Società Kenya Police
Carriera
Nazionale
1999 - Kenya Kenya
Palmarès
Giochi olimpici 0 1 0
Mondiali 1 1 1
Campionati africani 1 2 0
Giochi del Commonwealth 1 0 0
Mondiali juniores 1 0 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate all'11 agosto 2012

Janeth Jepkosgei Busienei (Keiyo, 13 dicembre 1983) è un'atleta keniota, specialista degli 800 metri piani, disciplina nella quale è stata campionessa del mondo ad Osaka 2007.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

All'inizio della propria carriera sportiva Janeth gareggia principalmente nei 400 metri ostacoli. Nel 1999, non essendo previsti i 400 m ostacoli ai trials kenioti, validi come selezione per i Mondiali allievi di Bydgoszcz, Polonia, decide di gareggiare negli 800 metri piani; conclude la gara al secondo posto venendo così selezionata per l'evento. A Bydgoszcz non riesce però ad approdare alla finale.[1]

Nel 2001, sotto la guida dell'ex medaglia d'oro olimpica Paul Ereng, vince la medaglia d'argento negli 800 metri ai Campionati africani juniores e l'anno successivo, ai Mondiali juniores di Kingston, conquista l'oro.[1] Nel 2004 e 2005 vince i trials kenioti negli 800 m, utili rispettivamente come selezione per Giochi olimpici e Mondiali, ma non avendo raggiunto il tempo minimo A non viene selezionata dalla propria nazionale per partecipare alle rassegne.[1]

Nel 2006 si mette in luce vincendo due ori ai Giochi del Commonwealth e ai Campionati africani. A fine stagione viene insignita del premio come miglior sportiva keniota del 2006.[2]

Ai Mondiali di Osaka del 2007 ottiene la sua più prestigiosa vittoria, conquistando l'oro negli 800 m con il tempo di 1'56"04, nuovo record nazionale keniota e miglior prestazione mondiale stagionale. Con questa vittoria Janeth diventa la prima donna keniota a conquistare un oro mondiale nel mezzofondo veloce.

Ai Giochi olimpici del 2008 a Pechino conclude la finale degli 800 m al secondo posto, battuta dalla diciannovenne connazionale Pamela Jelimo che, dopo aver dominato tutta la stagione sugli 800 m, si impone anche ai Giochi olimpici migliorando il precedente primato nezionale della Jepkosgei.

Nel 2009 a Berlino, durante i Mondiali, conquista una nuova medaglia sugli 800 m, questa volta d'argento. Janeth, che conclude la prova con il tempo di 1'57"90, viene preceduta dalla sola Caster Semenya.

Attualmente è allenata da Claudio Berardelli e il suo manager è Federico Rosa.[2]

Progressione[modifica | modifica sorgente]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
2002 Mondiali juniores Giamaica Kingston 800 metri Oro Oro 2'00"80
2006 Giochi del
Commonwealth
Australia Melbourne 800 metri Oro Oro 1'57"88
Campionati africani Mauritius Bambous 800 metri Oro Oro 2'00"64
2007 Mondiali Giappone Osaka 800 metri Oro Oro 1'56"04 Record mondiale stagionale
2008 Giochi olimpici Cina Pechino 800 metri Argento Argento 1'56"07
2009 Mondiali Germania Berlino 800 metri Argento Argento 1'57"90 Record personale stagionale
2010 Campionati africani Kenya Nairobi 800 metri Argento Argento 2'00"50
4×400 metri Argento Argento 3'35"12
2011 Mondiali Corea del Sud Daegu 800 metri Bronzo Bronzo 1'57"42 Record personale stagionale
2012 Giochi olimpici Regno Unito Londra 800 metri 2'00"19

Coppe e meeting internazionali[modifica | modifica sorgente]

2006

2007

2008

2010

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) David Powell, Jepkosgei's Beijing target - first Kenyan women's middle distance Olympic gold, IAAF.org, 23 ottobre 2007.
  2. ^ a b (EN) Focus on Athletes - Janeth Jepkosgei, IAAF.org, 1º settembre 2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]