Isole Paracel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Coordinate: 16°30′N 112°00′E / 16.5°N 112°E16.5; 112

Isole Paracel
Isole Paracel - Localizzazione
Territorio a status conteso
Motivo del contenzioso Contese fra:
Cina Cina
Vietnam Vietnam
Taiwan Taiwan
Situazione de facto Cina Amministrate dalla Cina dal 1974
Informazioni generali
Area 5,9 km²
Continente Asia

Le isole Paracel (in cinese 西沙群岛 Xīshā Qúndǎo, in vietnamita Quần đảo Hoàng Sa) sono un gruppo di scogli e atolli nel mar Cinese Meridionale tra il Vietnam e le Filippine.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1932, i francesi dichiararono le isole annesse all'Indocina francese, e costruirono una stazione meteorologica nell'isola di Pattle: il possesso continuò fino a quando furono definitivamente annesse al Vietnam. La Cina amministra una parte delle isole Paracel dal 1974, quando l'esercito cinese occupò le isole occidentali. Le isole sono rivendicate inoltre dalla Repubblica di Cina e dal Vietnam.

Risorse[modifica | modifica sorgente]

Le isole sono soggette a frequenti tifoni e caratterizzate da un clima tropicale. Nei pressi delle acque territoriali delle Paracel sono stati rilevati giacimenti sottomarini di petrolio e gas naturale che hanno attirato sul piccolo arcipelago l'interesse delle nazioni vicine. Per dare supporto materiale alle sue pretese territoriali, la Cina ha costruito strutture portuali e un aeroporto nell'isola di Woody Island, e la lunghezza della pista permette di far operare i moderni aerei multiruolo ad alte prestazioni, aventi un raggio di azione che copre sia le isole Spratly, altro territorio conteso, che il territorio nazionale delle Filippine[1]. Economicamente le isole sono inoltre interessanti per la pescosità delle loro acque.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Over the Spratly Islands, China has air superiority | China Military Power Mashup

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]