India portoghese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
India Portoghese
India Portoghese – Bandiera India Portoghese - Stemma
(dettagli) (dettagli)
India Portoghese - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Estado Português da Índia
Nome ufficiale Estado da Índia
Lingue ufficiali Portoghese
Lingue parlate Konkani, Gujarati, Marathi, Malayalam, altre
Capitale Nova Goa
Altre capitali Cochin fino al 1530
Dipendente da Flag Portugal (1830).svg Impero Portoghese
Politica
Forma di Stato Vicereame
Forma di governo Colonia e territorio d'oltremare dell'Impero Portoghese
Nascita 15 agosto 1505 con Manuele I del Portogallo
Causa sbarco dei Portoghesi in India e caduta del Sultanato di Bijapur
Fine 19 dicembre 1961
Causa invasione indiana di Goa, Sultanato del Bahmani e Unione con l'India
Territorio e popolazione
Bacino geografico India occidentale
Territorio originale costa dell'Oceano Indiano
Economia
Valuta Rupia portoghese indiana e Escudo portoghese indiano
Evoluzione storica
Preceduto da Sultanato di Bijapur
Succeduto da Flag of India.svg India

La colonia dell'India Portoghese (in portoghese: INDIA Portuguesa), ufficialmente lo Stato dell'India (in portoghese: Estado da Índia), noto anche come lo Stato portoghese dell'India, è stata una piccola colonia dell'Impero Portoghese esistita tra il 1500 e il 1961. Aveva anche una sua inquisizione (vedi inquisizione di Goa). Cessò di esistere quando l'India, al rifiuto di António de Oliveira Salazar di concedergli, dopo Diu e Daman, anche Goa, invase quest'ultima (vedi Invasione indiana di Goa).

Lo Stato dell'India portoghese è stato fondato nel 1505 come un vicereame del Regno del Portogallo, sei anni dopo la scoperta di una rotta marittima tra il Portogallo e l'India, per servire come il plenipotenziario organo di governo di una serie di fortezze portoghesi e colonie d'oltremare. Il primo viceré fu Francisco de Almeida, che stabilì il suo quartier generale a Cochin (Cochim, Kochi). I successivi governatori Portoghesi non erano sempre di rango vicereale. Dopo il 1510, la capitale del vicereame portoghese è stata trasferita a Goa. Fino al XVIII secolo, il governatore portoghese di Goa ha autorità su tutti i possedimenti portoghesi nell'Oceano Indiano, dall'Africa del Sud al Sud-est asiatico. Nel 1752 il Mozambico portoghese ha avuto il suo proprio governo separato e nel 1844 il governo portoghese dell'India ha cessato di amministrare il territorio di Macao, Solor e Timor portoghese, e la sua autorità era limitata al possedimenti coloniali della costa del Malabar dell'India.

Al momento della indipendenza dalla Gran Bretagna nel 1947, l'India portoghese comprendeva una serie di enclavi sulla costa occidentale dell'India, tra cui la stessa Goa, nonché le enclavi costiere di Daman (portoghese: Damão) e Diu, e le enclavi di Dadra e Nagar Haveli, che si trovano nell'entroterra di Daman. I territori dell'India portoghese a volte sono stati indicati collettivamente come Goa. Il Portogallo ha perso queste ultime due enclavi nel 1954 e, infine, le altre tre nel dicembre del 1961, quando sono state prese dall'India con una azione militare (anche se il Portogallo ha riconosciuto la sovranità indiana solo nel 1975, dopo la Rivoluzione dei garofani e la caduta del regime dell'Estado Novo).
Da allora, il Portogallo ha ripristinato le relazioni diplomatiche con l'India, a partire dal riconoscimento della sovranità indiana sull'antico Stato portoghese dell'India. Tuttavia, ai suoi abitanti che lo desideravano, è stata data la possibilità di mantenere la cittadinanza portoghese, limitata nel 2006 solo per i nati sotto il regime portoghese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Territori dell'Impero Portoghese e altre potenze europee in India.
La conquista di Cochin da parte dei Portoghesi - di Rijckloff van Goens nel 1663. Atlante di van der Hagen, 1682.

Il primo contatto portoghese col India è avvenuto il 20 maggio del 1498, quando Vasco da Gama getta l'ancora a Calicut. Dopo alcune controversie con i commercianti arabi che detenevano il monopolio delle spezie attraverso percorsi via terra, Vasco da Gama riesce ad ottenere di una ambigua lettera di concessione dei diritti commerciali dallo Zamorin, il governatore locale di Calicut, ma deve uscire in nave in mare senza preavviso, dopo che il Zamorin ha insistito che egli ha venduto tutti i suoi beni come garanzia. Vasco da Gama mantiene i suoi beni, ma lascia il paese, lasciando sul posto alcuni portoghesi con l'ordine di stabilire un porto commerciale.

Nel 1510, l'ammiraglio Afonso de Albuquerque sconfigge i sultani di Bijapur, in una disputa sulla sovranità territoriale in favore di un governatore locale, Timayya, che porta all'insediamento dei portoghesi a Velha Goa. Goa divenne così il centro del governo indiano e la residenza del viceré o governatori dell'India.

Nel frattempo, i portoghesi hanno conquistato molti territori del Sultanato di Gujarat: Daman (occupato nel 1531, formalmente ceduto nel 1539 ), Salsette (Salcete), Bombay (ora Mumbai) e Vasai (occupata nel 1534) e Diu (ceduto nel 1535). Questi beni sono diventati la "Província do Norte" dell'Estado da Índia, che si estende su 100 km di costa da Daman a Chaul. La provincia era governata dalla fortezza di Chaul. Le stesse costituivano i primi territori coloniali o Velhas Conquistas.
Mumbai sarebbe stata ceduta all'Impero britannico nel 1661 come dote per il matrimonio tra l'Infanta Donna Caterina di Braganza, principessa di Beira, e il re Carlo II d'Inghilterra. Tra il 1713 e il 1788, la superficie di Goa triplica con l'incorporazione delle Novas Conquistas. Tuttavia sono molti i centri che nella prima metà del secolo sono conquistati dai Maratti. La maggior parte della "Provincia del Nord" fu perduta progressivamente fino al 1739. Il Portogallo ha preso possesso di Dadra e Nagar Haveli nel 1779. Intorno alla metà del secolo i possedimenti indiani (Estado da India) compongono un Viceregno che ha per capitale Goa (1510) a cui dipendono direttamente i centri di Panjim ,Angediva, Divar, Benasterim. Gli altri governatorati sono costituiti da:

  • Diu
  • Mangalore con le dipendenze di Mormugan, Onore, Satgaon, Batticaloa, Hougli, S. Thomè de Meliapur (fino al 1749)
  • Damão con S. Gens, Serra de Asseerim, Agassaim, F.te Manora, Daboul, Parel, Vadala, Vorli, Mazagan e il Nagar Aveli dal 1780
  • Salsette con Trapor, Sirgan, Mahim, Bassein, Chaoul, F.te Caranja, Quelme, Danu, Thane, Bandora, Asserim, completaente conquistata dai Maratti tra il 1737 ed il 1740
  • isola di Timor, porzione dell'isola indonesiana (1702) con capoluogo a Lifau e le dipendenze di Solor, Larantuka, Cupan e Dili, Panane e Bardez
  • isola di Flores nel Mare della Sonda
  • Macao (Cidade do Santo Nome de Deus de Macao)

Vi dipendono inoltre la Capitanìa General do Moçambique (Mozambico fino al 1752 con i governatorati di Mozambico, Quelimane, Tete, Quiloa, Nova Sofala, Sena, Querimbe e isole di Cabo Delgado ed io governo militare di Forte Jesus a Mombasa (1628-1783), la fattoria commerciale a Mascate.

Nel 1843 la capitale viene trasferita a Panaji, poi ribattezzato "Nova Goa", quando divenne ufficialmente la sede amministrativa del governo dell'India portoghese, sostituendo la città di Goa (ora vecchia Goa), anche se il Viceré ha vissuto lì dal 1º dicembre del 1759. Prima di trasferirsi in città, il viceré ha fatto rimodellare la fortezza di Yusuf Adil Shah (Adil Khan o Hidalcão per i portoghesi), trasformandolo in un palazzo.

Componenti nel 1947[modifica | modifica wikitesto]

Tre enclave:

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]