Il ragazzo selvaggio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il ragazzo selvaggio
Il ragazzo selvaggio.png
Truffaut in una scena del film
Titolo originale L'enfant sauvage
Paese di produzione Francia
Anno 1970
Durata 83 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia François Truffaut
Soggetto da Jean Itard, Memoire et rapport sur Victor de l'Aveyron
Interpreti e personaggi
Premi

Il ragazzo selvaggio (L'enfant sauvage) è un film del 1970 diretto e interpretato da François Truffaut.

Il film, che segna la prima di una serie di collaborazioni tra Truffaut e il grande direttore della fotografia cubano Néstor Almendros, fu girato dal luglio al settembre 1969 in Auvergne e a Parigi, e fu proiettato in pubblico la prima volta il 26 febbraio 1970. Il film è realisticamente ispirato a una storia accaduta e raccontata da Jean Itard, che ebbe un forte impatto nella nascita della cosiddetta "pedagogia speciale".

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1800, nel dipartimento francese dell’Aveyron, dei cacciatori trovano e catturano in una foresta un bambino. Nudo e dall'aspetto sudicio, viene accolto in un piccolo villaggio destando l’interesse e la curiosità degli abitanti. La sua condotta si rivela ben presto incompatibile con il vivere del paese: egli graffia e morde chi gli si avvicina, non comunica se non con ringhi e ruggiti. Il caso accende e delude la curiosità di Parigi, che richiede il ragazzo nell’Istituto per Sordomuti, sotto l’osservazione di psichiatri e psicologi. Il medico Itard, rifiutando la tesi dei colleghi che reputano il bambino un ritardato mentale irrecuperabile, decide di approfondire lo studio tentando un’educazione. Il bambino viene così condotto a casa del medico che inizierà a prendersene cura cercando un possibile reinserimento del selvaggio nella vita sociale. Così, insieme alla governante Madame Guérin, ogni azione diviene motivo di apprendimento, con le rispettive ricompense e punizioni. Pochi i progressi del ragazzo: la parola “lait” (latte) la pronunciava soltanto nel momento in cui, dopo richieste attraverso urla e crisi convulse, aveva ottenuto ciò che voleva (il latte), senza stabilire per questo una effettiva comunicazione. È proprio durante una prova di apprendimento dei suoni delle vocali che il bambino viene chiamato Victor, per il suo strano modo di girarsi nel momento in cui sentiva “oh”. I progressi di Victor si riassumono nella comprensione di piccole domande abbinate a dei compiti come “portami dell’acqua”. È forte il timore, da parte del medico, di una possibile fuga del ragazzo, dal momento in cui si legge in lui un’irrefrenabile voglia di libertà; la Luna lo rasserena quando è alta in cielo, e niente gli dà più sollievo che bere dell’acqua osservando pacificamente la foresta innanzi a lui.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]