Il principe ranocchio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Il principe ranocchio (disambigua).
Il ranocchio chiede il permesso di entrare nel castello - illustrazione di Walter Crane, 1874

Il principe ranocchio o Il re ranocchio (in tedesco Der Froschkönig) è una fiaba tradizionale europea, nota soprattutto nella versione pubblicata dai fratelli Grimm.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nella fiaba, una principessa fa suo malgrado amicizia con un ranocchio, che si scopre essere un principe tramutato da un incantesimo malvagio. Nelle versioni moderne, l'incantesimo viene spezzato da un bacio dato dalla principessa al ranocchio; nella fiaba di Grimm, ciò accade quando la principessa lancia la rana contro il muro in un atto di disgusto. In altre versioni ancora, è sufficiente che la rana passi la notte sul cuscino della principessa. Talvolta la rana viene citata come rospo. In genere, la principessa incontra il ranocchio mentre sta cercando una palla d'oro che le è caduta in uno stagno.

Lo schema della fiaba è un classico, citato nella classificazione Aarne-Thompson come "tipo 440".

Analisi di Jung[modifica | modifica wikitesto]

La fiaba rappresenta un ottimo esempio per l'analisi letteraria jungiana. Secondo Carl Gustav Jung, essa rappresenta il processo d'iniziazione della psiche di una giovane donna. L'ego è la principessa; in quanto vergine, essa percepisce i compagni maschili come animali. La palla d'oro rappresenta il , perduto nell'inconsapevolezza (lo stagno). Mentre la donna cerca il proprio sé incontra l'uomo/rana. La rana desidera l'intimità con la donna (che nelle diverse varianti è rappresentata dal fatto di bere dal suo bicchiere e mangiare dal suo piatto, dormire sul suo cuscino, o baciarla). Inizialmente disgustata, la vergine arriva a riconoscere inconsciamente la mascolinità e questa scoperta la porta a percepire la rana come un uomo desiderabile. La principessa ora è una donna matura pronta per il matrimonio.

Versione Disney[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009, uscì al cinema la versione Disney della fiaba, chiamata "La principessa e il ranocchio" (The Princess and the Frog). Nonostante sia ispirata alla nota fiaba, questa versione presenta numerose differenze. La storia si svolge infatti nel New Orleans nell'epoca d'oro del Jazz e i personaggi sono tutti di colore. Viene introdotto, oltre ad altri personaggi minori, il personaggio del Dottor Facilier, lo stregone voodoo antagonista della pellicola, responsabile della trasformazione del principe (chiamato Naveen) in un ranocchio. Inoltre, quando la principessa (Tiana) bacia il ranocchio, egli non ritorna umano, ma è la stessa donna che diventa rana anche lei (Nel film non è una vera principessa, quindi l'incantesimo si ritorce anche su di lei). I due anfibi dovranno quindi cercare di tornare umani e rompere l'incantesimo di Facilier. È interessante notare che il principe si reca da Tiana, scambiandola per una principessa, per baciarla e tornare umano proprio perché aveva letto la fiaba originale, e pensava che avrebbe funzionato anche in quell'occasione.

La fiaba nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

La fiaba è estremamente popolare e l'espressione "baciare un ranocchio" viene usata comunemente con una quantità di significati metaforici. In genere, la trasformazione da ranocchio a principe viene paragonata al cambiamento di una persona che scopre il vero amore. Numerosissime sono anche le varianti parodistiche, in cui la storia viene rovesciata; il Principe Ranocchio del romanzo Streghe all'estero di Terry Pratchett, per esempio, è una rana trasformata in umano da un incantesimo.

Adattamenti[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura