Il circolo della fortuna e della felicità (romanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il circolo della fortuna e della felicità
Titolo originale The Joy Luck Club
Autore Amy Tan
1ª ed. originale 1989
1ª ed. italiana 2001
Genere Romanzo
Lingua originale inglese
Ambientazione Stati Uniti d'America (California, San Francisco)
Protagonisti Jing-mei Woo
Coprotagonisti An-Mei Hsu, Lindo Jong, Ying-ying St. Claire, Rose Hsu Jordan, Waverly Jong, Lena St. Claire
Altri personaggi Le gemelle, parenti di An-Mei, Wu-Tsing, la seconda moglie, Huang Tyan-yu,

Il circolo della fortuna e della felicità (1989) è un romanzo di successo di Amy Tan. La storia racconta di quattro famiglie cinesi americane immigrate a San Francisco, California, che creano un circolo denominato circolo della fortuna e della felicità durante le festività, mentre mangiano buon cibo e giocano al vecchio gioco cinese del mahjong. Lo stesso libro è strutturato in un modo quasi simile ad una partita di mahjong, contiene infatti quattro parti divise in altrettante sezioni, in modo da creare 16 capitoli. Le tre madri e quattro figlie (una delle madri, Suyuan Woo, muore prima dell'apertura del romanzo) si raccontano le storie delle loro vite in forma di vignetta. Ogni parte è precedeuta da una parabola legata al gioco.

Nel 1993, il regista Wayne Wang ha diretto un adattamento cinematografico del libro, anch'esso intitolato Il circolo della fortuna e della felicità. Gli attori principali erano Ming-Na, Lauren Tom, Tamlyn Tomita, France Nuyen, Rosalind Chao, Kieu Chinh, Tsai Chin, Lisa Lu e Vivian Wu. La sceneggiatura è stata scritta dalla stessa Amy Tan, insieme allo sceneggiatore Ronald Bass. Infine, il romanzo è stato adattato da Susan Kim anche in uno spettacolo teatrale, che ha debuttato al Pan Asian Repertory Theatre di New York.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Madri[modifica | modifica wikitesto]

  • Suyuan Woo
Durante la seconda guerra mondiale, Suyuan vive a Guilin mentre suo marito è ufficiale dell'esercito a Chungking (Chongqing). Nasce così il circolo della fortuna e della felicità, tra lei e le sue tre amiche, per far fronte alle brutture della guerra. Nonostante ci sia sempre poco da mangiare, le quattro fanno finta che sia festa e parlano delle loro speranze per il futuro. Il giorno dell'invasione giapponese, Suyuan lascia la propria casa portandosi dietro solamente una borsa di vestiti, una borsa di cibo e le sue due figlie, gemelle.
Durante il lungo cammino, Suyuan contrae una seria dissenteria, tanto che crede di stare per morire. Credendo che una madre morta ridurrà di molto le possibilità di salvezza delle gemelle, le lascia sotto un albero spoglio insieme a tutti i suoi averi. Scrive inoltre un bigliettino, chiedendo a chiunque le troverà di prendersi cura di loro e di contattare il padre. Dopodiché Suyuan riparte, aspettando da un giorno all'altro la morte. Tuttavia, viene salvata da un camion di passaggio e viene a sapere che suo marito è morto. Passa del tempo e la donna si risposa, emigra negli Stati Uniti, forma un altro circolo della fortuna e della felicità insieme ad altre tre donne che aveva conosciuto in chiesa, e infine dà alla luce un'altra bambina. Tuttavia il pensiero di aver abbandonato le sue gemelle la assale sempre, e non la abbandonerà fino alla fine della sua vita. Dopo molti anni, Suyuan viene a sapere che le sue figli furono adottate, ma muore di aneurisma al cervello prima di avere l'occasione di incontrarle. Sarà sua figlia nata in America, Jing-mei, che esaudirà il desiderio della madre di vedere le sorellastre riunite.
Il personaggio di Suyuan muore prima che il romanzo abbia inizio, quindi la sua storia viene raccontata dalla stessa Jing-mei, basandosi sulla conoscenza delle storie di sua madre, sugli aneddoti raccontategli dal padre e su ciò che gli altri membri del circolo le raccontano.
  • An-Mei Hsu
Durante l'infanzia, An-Mei viene cresciuta dai nonni e dai parenti poiché sua madre, vedova, soprende la famiglia diventando concubina di un ricco uomo di mezza età dopo la morte del marito. Questo gesto diventa una fonte di conflitto per la giove An-Mei, poiché i suoi zii e le sue zie vengono profondamente offesi dal comportamento disonorevole di sua madre. Essi provano a convincere An-Mei che non è adatta a vivere con la disgraziata madre, alla quale ora è vietato entrare nella casa della famiglia. La madre di An-Mei, tuttavia, ancora desidera essere parte della vita della figlia. Dopo la morte della nonna, An-Mei si trasferisce definitivamente a vivere con la madre, nella casa del nuovo marito Wu-Tsing.
An-Mei scopre che la madre è stata forzata a diventare la concubina di Wu-Tsing attraverso le manipolazioni della Seconda Moglie, la favorita. Questa donna aveva pianificato che la madre di An-Mei, ancora in lutto per la morte del marito, venisse stuprata da Wu-Tsing. I segni lasciati dalla violenza non lasciarono scelta alla donna, che fu costretta a sposare Wu-Tsing ed a diventare la sua quarta moglie, un grado bassissimo. Più tardi, la madre di An-Mei perde anche il suo bambino appena nato, che le viene rubato dalla seconda moglie per farlo divenire suo ed assicurarle un posto di potere nella casa. La seconda moglie tenta anche di vincere la fiducia di An-Mei appena la ragazzina arriva nella tenuta, regalandole una collana di "perle" che poi si rivelano di vetro, quando la madre ne calpesta una rompendola.
Wu-Tsing è un uomo altamente superstizioso, e la seconda moglie approfitta di questo suo punto debole facendo un falso tentativo di suicidio, minacciandolo di perseguitarlo sotto forma di fantasma se non le avesse dato carta bianca su tutte le decisioni familiari. Secondo la tradizione cinese, l'anima di una persona torna sulla terra dopo tre giorni per saldare i conti in sospeso con coloro che sono rimasti in vita. Wu-Tsing, in questo modo, avrebbe avuto paura di affrontare una moglie arrabbiata o disdegnata. Dopo il finto tentativo di suicidio della seconda moglie, che voleva evitare che An-Mei e sua madre avessero a disposizione una propria casetta personale, la madre di An-Mei si suicida realmente. La donna ha furbamente pianificato il tempo della sua morte, in modo che la sua anima tornasse il primo giorno del capodanno cinese, un giorno che serve per tradizione a saldare tutti i debiti, altrimenti il debitore avrà grandi sfortune per tutto l'anno a venire. Spaventato da quest'idea, Wu-Tsing promette di trattare i figli della sua quarta moglie, compresa An-Mei, come sangue del suo sangue e come se fossero i figli di una prima moglie. Quando la seconda moglie tenta di falsificare anche la promessa dell'uomo, An-Mei rompe tutte le finte perle della collana che la seconda moglie le aveva regalato, per mostrare alla donna che era ben consapevole di tutti i suoi inganni, simboleggiando anche il suo potere su di lei. La seconda moglie, così, comincia ad aver paura della ragazzina e si rende conto di tutto il cattivo karma che ha accumulato con gli anni.
Più tardi, An-Mei riesce ad emigrare negli Stati Uniti, dove col tempo ha sette figli, quattro maschi e tre femmine. Il figlio più giovane, Bing, annega all'età di quattro anni.
  • Lindo Jong
Lindo è una donna dalla volontà di ferro, tratto caratteriale che la figlia Waverly attribuisce al suo segno zodiacale cinese, quello del cavallo. Quando Lindo ha solo 12 anni, a causa delle macchinazioni dell'organizzatore di matrimoni del villaggio viene costretta a trasferirsi a casa dei vicini insieme al figlio minore di questi ultimi, Huang Tyan-yu. Dopo alcuni anni in cui i suoceri la addestrano a diventare una casalinga perfetta, all'età di 16 anni viene fatta sposare con Tyan-yu. Presto Lindo realizza che il marito è solo un bambino, e non ha nessun interesse sessuale per lei. Inizia quindi a prendersene cura come se fosse un suo fratello, tuttavia la crudele suocera non aspetta altro che Lindo le partorisca un nipotino. Inizia così a privare Lindo dei suoi spazi e di tutte le attività giornaliere, ordinandole presto di rimanere a letto a riposo finché non fosse in grado di concepire e partorire un figlio.
Determinata a scappare da questa situazione, la ragazza inizia ad osservare attentamente tutto ciò che succede nella tenuta. Riesce così a concepire un brillante piano per fuggire dai doveri matrimoniali, senza tuttavia dover disonorare se stessa o la sua famiglia. Riesce a convincere la famiglia di suo marito che quest'ultimo era in realtà destinato a sposare un'altra donna, attualmente incinta del suo "figlio spirituale", e che l'attuale matrimonio di Tyan-yu avrebbe portato solo disgrazie alla famiglia. In realtà, la ragazza presa ad esempio era solo una servetta di famiglia, incinta davvero ma abbandonata dal suo amante.
Liberatasi dallo scomodo matrimonio, Lindo decide di emigrare in America, dove sposa un uomo cinese-americano di nome Tin Jong, con il quale ha tre figli: i maschi Winston e Vincent, e la femmina Waverly.
Con il tempo, Lindo si pente di aver perso così tanto la sua identità cinese, avendo vissuto per tanto tempo negli Stati Uniti. Durante un viaggio in Cina, infatti, viene trattata come una turista straniera e non come cinese d'origine. Tuttavia, è turbata dal fatto che l'educazione totalmente americana di Waverly sia stata la causa dell'erezione di una barriera tra di loro.
  • Ying-Ying "Betty" St. Clair
Sin da quando era bambina, la famiglia benestante e conservatrice di Ying-Ying le ha inculcato l'idea che una ragazza cinese deve essere docile e gentile, caratteristiche che si scontrano ampiamente con il carattere della ragazzina, appartenente al segno cinese della tigre. Crescendo a Wuxi, così, Ying-Ying inizia a sviluppare una personalità passiva, reprimendo tutti i suoi sfoghi e sentimenti. Una volta in età da matrimonio, sposa un uomo carismatico di nome Lin Xiao, che lei stessa non ama, ma crede che le sia stato portato dal destino. Presto il marito si svela crudele, abusa di lei ed ha delle relazioni extraconiugali fin troppo palesi. Quando Ying-Ying scopre di essere incinta, si sottopone ad un aborto e decide di andare a vivere in una città più piccola, insieme ad alcuni parenti.
Dopo 10 anni, la donna si trasferisce a Shanghai, dove inizia a lavorare in un negozio di abbigliamento e incontra un uomo americano di nome Clifford St. Clair. Quest'ultimo si innamora di lei, ma Ying-Ying si sente costretta a non mostrare nessuna delle sue emozioni dopo il primo matrimonio. Clifford la corteggia per ben quattro anni, quando infine Ying-Ying acconsente a sposarlo perché scopre che Lin Xiao è morto. Tuttavia, la donna permette al nuovo uomo di prendere il controllo di quasi qualsiasi aspetto della propria vita, egli infatti traduce in inglese ciò che lei dice, ma moderando e cambiando alcuni significati, e le cambia anche il nome in Betty. Dopo essersi trasferita a San Francisco insieme a Clifford, Ying-Ying dà alla luce la figlia, Lena. Quando quest'ultima ha 10 anni, la madre è incinta per la terza volta, ma il bambino soffre di anencefalia e presto muore.
Ying-Ying si spaventa molto quando si accorge che Lena, appartenente come la madre al segno cinese della tigre, ha ereditato o emulato il suo comportamento passivo, e si è invischiata in un matrimonio senza amore nel quale il marito la controlla. Si decide quindi a fare appello alle qualità più determinate della natura della tigre, e racconta alla figlia tutta la sua storia cinese, nella speranza che Lena sia capace di imparare dagli errori della madre e di liberarsi di quella passività che aveva rovinato la maggior parte della sua adolescenza e giovinezza nella vecchia patria.

Figlie[modifica | modifica wikitesto]

  • Jing-Mei "June" Woo
Jing-Mei non ha mai capito appieno la madre e sembra non avere una direzione precisa nella vita. Durante l'infanzia, la madre di solito le diceva che avrebbe potuto essere qualsiasi cosa volesse, tuttavia desiderava che la figlia fosse particolarmente dotata, o che diventasse una star bambina in grado di stupire il mondo, come Ginny Tiu (che si vede brevemente in televisione) o la sua rivale di sempre Waverly, figlia di Lindo Jong. All'inizio del romanzo, June viene scelta per prendere il posto della madre al tavolo del Joy Luck Club, dopo la morte per aneurisma della donna. Quando si giunge alla fine della storia, June sta ancora cercando di affrontare la morte della madre, ma decide di fare un viaggio in Cina per trovare le sue due sorellastre, che la madre fu forzata ad abbandonare durante un attacco giapponese.
  • Rose Hsu Jordan
Rose è una donna in qualche modo passiva, ma anche perfezionista. Un'esperienza della sua infanzia la perseguita: mentre era stata incaricata di sorvegliare il fratellino Bing, quest'ultimo annega ed il suo corpo non viene mai ritrovato. Cresciuta, Rose sposa un medico, Ted Jordan, che sebbene sia realmente innamorato di lei, in qualche modo vuole trovare un modo per opporsi all'irragionevole razzismo di sua madre. Dopo un'accusa per negligenza, Ted ha una crisi di mezza età e decide di lasciare Rose. È in questo momento che Rose si confida con la madre, An-mei, che così le racconta le proprie esperienze durante l'infanzia. Quando Ted torna da Rose con i documenti per il divorzio, la donna trova finalmente la propria sicurezza e gli dice che non può buttarla fuori dalla sua vita in questo modo, paragonando se stessa al giardino di lui, un tempo amato e curatissimo ed adesso maltenuto e pieno di erbacce. Dopo aver trovato un buon avvocato, Rose combatte per avere il possesso della casa, ed infine vince la causa.
  • Waverly Jong
Waverly è una donna indipendente ed intelligente, ma non sopporta le critiche costanti della madre. Entrata appieno nella vita adulta, si scopre imprigionata nella sua inconscia paura di deludere proprio la madre. Durante l'infanzia Waverly e June erano in qualche modo rivali; le loro madri le paragonavano costantemente l'una all'altra, discutendo sui loro sviluppi e talenti. Da ragazzina, Waverly era una dotata campionessa di scacchi, ma lasciò il suo hobby dopo essersi resa conto che sua madre usava le sue vincite per mettersi in mostra e prendersene il merito. Da adulta, Waverly ha una figlia di nome Shoshana, avuta dal suo primo matrimonio, ma durante il periodo della storia è fidanzata con un altro uomo, Rich.
  • Lena St. Clair
Durante l'infanzia, Lena diventa la traduttrice della madre che parla solo cinese. Come suo padre Clifford, la ragazzina traduce le parole di Ying-ying moderandole e facendole sembrare più gentili di quanto in realtà la donna voglia. Ying-ying ha insegnato a Lena a stare attenta alle conseguenze di tutto ciò che fa, fino al punto che la ragazza ora vede il pessimismo e la negatività in qualsiasi cosa richieda un po' di rischio. Il marito di Lena, Harold, è anche il suo capo, che si prende il merito delle idee finanziare e progettuali della donna. Egli richiede una certa "uguaglianza" economica nel loro matrimonio, sebbene Lena sia una sua sottoposta ed abbia quindi un salario molto minore. Dopo molte insistenze, egli riesce ad ottenere la divisione di tutte le spese casalinghe, adducendo la scusa che in questo modo anche il loro amore può essere uguale. Lena, tuttavia, si sente frustrata ed impotente.

Tavola dei contenuti[modifica | modifica wikitesto]

Il titolo dei capitoli è seguito dal nome del narratore, che parla dalla propria prospettiva.

Piume provenienti da una distanza di mille Li[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Joy Luck Club, Jing-mei "June" Woo
  • La cicatrice, An-Mei Hsu
  • La candela rossa, Lindo Jong
  • La signora della luna, Ying-Ying St. Clair

Le ventisei porte maligne[modifica | modifica wikitesto]

  • Le regole del gioco, Waverly Jong
  • Le voci dalla parete, Lena St. Clair
  • Metà e metà, Rose Hsu Jordan
  • Due generi di figlie, Jing-mei "June" Woo

Versione americana[modifica | modifica wikitesto]

  • Il marito del riso, Lena St. Clair
  • Quattro direzioni, Waverly Jong
  • Senza legno, Rose Hsu Jordan
  • La migliore qualità, Jing-mei "June" Woo

La regina madre dei cieli occidentali[modifica | modifica wikitesto]

  • Le gazze ladre, An-mei Hsu
  • In attesa tra gli alberi, Ying-Ying St. Clair
  • Doppia faccia, Lindo Jong
  • Un paio di biglietti, Jing-mei "June" Woo

Critiche[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene questo romanzo di Amy Tan sia stato ampiamente lodato dalla critica, un autore cinese americano di nome Frank Chin l'ha accusato di perpetuare degli stereotipi razzisti[1][2][3]. Tuttavia, il regista cinese americano Wayne Wang è stato tanto impressionato dalla storia che ne ha creato un film, Il circolo della fortuna e della felicità[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Venite tutti voi scrittori asiatico americani del vero e del falso
  2. ^ Il circolo della fortuna e della felicità
  3. ^ Recensione: Il circolo della fortuna e della felicità
  4. ^ Immagini asiatiche sotto i riflettori del cinema - Il circolo della fortuna e della felicità, Turner Classic Movies. URL consultato il 3 luglio 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]