Kieu Chinh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Kiều Chinh, nata Nguyễn Thị Chinh (scrittura vietnamita: Kiều Chinh; Hanoi, 1939), è un'attrice vietnamita naturalizzata statunitense conosciuta soprattutto per il ruolo di Suyuan Woo interpretato nel film statunitense del 1993 Il circolo della fortuna e della felicità.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Kieu Chinh ha dato avvio alla sua carriera nel nativo Vietnam, recitando nel film Hoi Chuong Thien Mu (Le campane del tempio Thien Mu, 1957), che la portò presto a diventare una delle personalità del mondo dello spettacolo più conosciute in patria.

Negli anni '60 iniziò ad apparire anche in alcune produzioni statunitensi, quali A Yank in Viet-Nam (1964) e Operation C.I.A. (1965), affiancata in quest'ultimo da Burt Reynolds. Tra la fine del decennio e l'inizio di quello successivo, l'attrice si dedicò anche alla produzione di un'epopea di guerra intitolata Nguoi Tinh Khong Chan Dung (Amanti senza faccia, 1970), che sarebbe stata rimasterizzata e trasmessa al Vietnamese International Film Festival del 2003, negli Stati Uniti.

Nel 1975, mentre Kieu Chinh era a Singapore per delle riprese, i comunisti del Vietnam del nord invasero Saigon. L'attrice fu costretta a lasciare la sua patria e trasferirsi negli Stati Uniti, dove ebbe la possibilità di riprendere la propria carriera a partire dal 1977, quando recitò in un episodio della serie televisiva M*A*S*H intitolato In Love and War, scritto da Alan Alda e basato vagamente sulla storia della sua vita.

In seguito, Chinh recitò in lungometraggi e film TV, quali The Children of An Lac, Hamburger Hill: collina 937 (1987), Riot (1997), Catfish in Black Bean Sauce (1999) e Face (2002).

Dal 1989 al 1991, ha recitato nel ruolo ricorrente di Trieu Au nella serie televisiva statunitense China Beach, ambientata durante la guerra in Vietnam e trasmessa sul canale televisivo ABC.

Il suo ruolo più conosciuto è stato quello della defunta Suyuan Woo, che appare attraverso dei flashback e dei racconti delle altre protagoniste nel film del 1993 di Wayne Wang Il circolo della fortuna e della felicità. Nel 2005 recitò in Journey from the Fall, un lungometraggio epico indipendente vietnamita, che racconta la storia di una famiglia nel periodo immediatamente successivo alla caduta di Saigon, ai campi di rieducazione ed all'esperienza dei boat people, oltre che le difficoltà di stabilirsi da immigrati negli Stati Uniti.

Kieu Chinh è anche attiva in opere filantropiche. Insieme al giornalista Terry Anderson, ha creato la Fondazione per i Bambini del Vietnam, che si è occupata di costruire scuole in Vietnam che sono attualmente frequentate da più di 12.000 studenti.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Hoi Chuong Thien Mu - 1957
  • A Yank in Viet-Nam - 1964
  • Operation C.I.A. - 1965
  • The Evil Within - 1970
  • Nguoi Tinh Khong Chan Dung - 1970
  • The 100,000 Ruble Rumble - 1976
  • Switch - 1976
  • Cover Girls - 1977
  • The Hostage Heart - 1977
  • In Love and War - 1977
  • M*A*S*H - 1977
  • The Lucifer Complex - 1978
  • The Children of An Lac - 1987
  • Hamburger Hill: collina 937 - 1987
  • China Beach - 1989/1991
  • Il circolo della fortuna e della felicità - 1993
  • Riot - 1997
  • Catfish in Black Bean Sauce - 1999
  • Face - 2002
  • Journey from the Fall - 2005
  • Trade of Innocents, regia di Christopher Bessette (2012)

Riconoscimenti e premi[modifica | modifica wikitesto]

Al Vietnamese International Film Festival del 2003, Kieu Chinh ricevette un Premio alla Carriera. Nello stesso anno, vinse il premio Speciale per la Recitazione al Women's Film Festival di Torino. Tre anni dopo, nel 2006, ricevette un secondo Premio alla Carriera al San Diego Asian Film Festival.

Nel 1996 il regista Patrick Perez coadiuvato dal canale Fox KTTV diresse un documentario sulla sua vita, intitolato Kieu Chinh: A Journey Home, che vinse anche un Emmy award nello stesso anno.

Nel 2009, l'attrice fu nominata "Donna dell'Anno" grazie al lavoro svolto in ambito cinematografico e comunitario, premiata dal senatore di stato Lou Correa.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 33652164