Idrialite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Idrialite
Idrialite-64250.jpg
Classificazione Strunz (ed. 10) 10.BA.20[1]
Formula chimica C22H14[2][1][3][4]
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallino trimetrico
Sistema cristallino ortorombico[2]
Classe di simmetria  
Parametri di cella a=8,07, b=6,42, c=27,75, V=1437,71[1][3]
Gruppo puntuale  
Gruppo spaziale  
Proprietà fisiche
Densità 1,236 (misurata), 1,29 (calcolata)[3] g/cm³
Durezza (Mohs) [1][3]
Sfaldatura perfetta[3] secondo {001}
Frattura concoide[3]
Colore giallo-verdastro[1][3], bruno chiaro[3], incolore[3], giallastro[4], verde, grigio, bruno scuro
Lucentezza vitrea, adamantina[1][3]
Opacità traslucida
Striscio bianco
Diffusione assai rara
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce - Minerale

L'idrialite è un composto organico di carbonio e idrogeno. Il nome deriva dalla località di Idria, in Slovenia.[3] Descritto per la prima volta dal mineralogista e chimico francese Jean Baptiste André Dumas (1800-1884), nel 1832.[2][1]

Verosimilmente si tratta di 2,9-dimetil-benzofenantrene o di 2-metil-3,4-benzofenantrene[5][4].

Sinonimi[modifica | modifica wikitesto]

La curtisite è stata inizialmente classificata come minerale a se ma, in un secondo tempo, si è constatato che differiva dalla idrialite soltanto per l'abbondanza relativa delle molecole che la costituiscono.[6][3][4]

Altri sinonimi del minerale sono:

  • Idrialino o idrialina
  • Picene[3]
  • cinabro infiammabile[7]

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

Cristalli tabulari. Si presenta in cristalli, aggregati granulari e massivi[4], noduli, impregnazioni con cinabro.

Origine e giacitura[modifica | modifica wikitesto]

Ha origine primaria di tipo idrotermale e secondaria di tipo postvulcanico. Ha paragenesi con evenkite, cinabro, calcite, marcasite e calcedonio.

Si trova nelle miniere di mercurio mista a cinabro ed argilla[3], ma anche con pirite e gesso.[7] o altre sostanze organiche o ad altri minerali di mercurio.

Caratteri fisico-chimici[modifica | modifica wikitesto]

È luminescente: in ultravioletto di colore blu chiaro nei campioni di Idria e giallo-verdastra o verde chiara nei campioni di Dubník e Skaggs Springs.
Inoltre mostra fluorescenza:

  • ai raggi ultravioletti corti[3]:
    • blu, arancio, giallo, grigio-bianco
  • ai raggi ultravioletti lunghi[3]:
    • blu arancio, giallo-bianco

È solubile in H2SO4 con formazione di una soluzione blu verdastra. Fonde tra 260 e 360 °C.

Composizione[3]:

Località di ritrovamento[modifica | modifica wikitesto]

È stata trovata a Idria, in Slovenia[1][4]; a Merník, Ordejov e Dubník, in Slovacchia; e infine a Skaggs Springs, ed a Sonoma Co.[4] in California.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h (EN) Idrialite mineral information and data. URL consultato l'8 aprile 2013.
  2. ^ a b c (EN) Takuya Echigo, Kimata Mitsuyoshi, Maruoka Teruyuki, Shimizu Masahiro, Nishida Norimasa, The crystal structure, origin, and formation of idrialite (C22H14): Inferences from the microbeam and bulk analyses in American Mineralogist, vol. 94, 2009, pp. 1325-1332. URL consultato l'8 aprile 2013.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u (EN) Scheda del minerale su Webmineral.
  4. ^ a b c d e f g Carlo Maria Gramaccioli, Idrialite in "Come collezionare i minerali dalla A alla Z, vol. 3°, pag. 788, Peruzzo Editore (1988), Milano
  5. ^ (EN) Mchael Fleischer, New mineral names in American Mineralogist, vol. 55, 1970, pp. 1067-1073. URL consultato l'8 aprile 2013.
  6. ^ R. V. Gaines, Skinner, H. C. W. , Foord E. E., Mason B., Rosenzweig, A., Dana’s New Mineralogy: the System of Mineralogy of James Dwight Dana and Edward Salisbury Dana, 8ª ed., New York, Wiley, 1997, p. 1011.
  7. ^ a b Definizione su Worldlingo

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia