Helen of Troy - Il destino di un amore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Helen of Troy - Il destino di un amore
Titolo originale Helen of Troy
Paese Stati Uniti d'America, Malta, Grecia
Anno 2003
Formato miniserie TV
Genere mitologico, storico, drammatico, avventura
Puntate 2
Durata 175 minuti
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 16:9
Colore colore
Audio stereo
Crediti
Regia John Kent Harrison
Soggetto Omero (Iliade)
Sceneggiatura Ronni Kern
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Fotografia Edward J. Pei
Montaggio Michael D. Ornstein
Musiche Joel Goldsmith
Scenografia James Allen
Costumi Van Broughton Ramsey
Produttore Ted Kurdyla
Produttore esecutivo Adam Shapiro
Casa di produzione Fuel Entertainment
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Dal 20 aprile 2003
Al 21 aprile 2003
Rete televisiva USA Network
Prima TV in italiano (gratuita)
Dal 30 maggio 2004
Al 31 maggio 2004
Rete televisiva Italia 1

Helen of Troy - Il destino di un amore (Helen of Troy) è una miniserie televisiva in due puntate co-prodotta da Stati Uniti, Malta e Grecia nel 2003, e diretta da John Kent Harrison. Ispirata al poema epico L'Iliade, racconta la vicenda di Elena di Troia, interpretata da Sienna Guillory.

Trasmessa negli Stati Uniti il 20 e 21 aprile 2003 sulla rete USA Network,[1] in Italia è andata in onda in prima serata su Italia 1 il 30 e 31 maggio 2004.[2]

Trama[modifica | modifica sorgente]

La miniserie ripercorre la vita della fanciulla dal rapimento da parte di Teseo alla fine della guerra di Troia, dove prende la decisione di tornare a Sparta insieme a Menelao, dopo la fuga con Paride, la sua morte e la caduta di Troia.

Differenze con L'Iliade[modifica | modifica sorgente]

  • Achille nel film si mostra come una persona priva d'amore e assettato di vendetta, nell'Iliade viene visto come un nobile e forte guerriero. Anche la descrizione tra il film e il poema cambia: Nel primo si presenta come un uomo robusto senza capelli mentre nel libro viene descritto come un uomo non molto robusto con i capelli d'oro e gli occhi verdi.
  • Nel film non appaiono mai né Enea né Patroclo personaggi principali del poema.
  • Tindaro nel poema ha sempre amato Elena, nel film la odia per la morte del figlio e la dona di sua spontanea volontà ai pretendenti.
  • Il giuramento dei pretendenti di Elena è diverso rispetto all'Iliade: Nel poema i pretendenti sacrificano una capra e giurano con il sangue, mentre nel film giurano senza alcun sacrificio.
  • Nel poema Menelao non era al palazzo quando Elena fuggì con Paride, mentre nel film c'era.
  • I tempi del film sono errati: Elena non rimane così poco tempo a Sparta ma bensì dieci anni. La guerra di Troia nel film scoppia due mesi dopo la loro fuga, mentre nel poema avviene molti mesi dopo. Prima che Ulisse e Menelao si incontrino con Priamo passano alcuni mesi.
  • Ifigenia (secondo alcuni miti) non era la figlia di Agamennone e Clitennestra ma bensì della stessa Elena. Nel film inoltre quando ella muore appare soltanto come una bambina che non sa ancora scrivere mentre nel poema è una ragazza di quattordici anni
  • Cassandra nel poema non venne mai imprigionata per le sue profezie ma venne soltanto inascoltata.
  • Agamennone nel film viene ucciso da Clitennestra a Troia, nel poema le vicende sono ben diverse: Agamennone fa di Cassandra la sua schiava è la porta a Micene. Clitennestra insieme ad Egisto tenterà un colpo di stato contro il marito per la morte della figlia. Nella lotta non muore solo Agamennone ma anche Cassandra.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) "TV Review: 'Helen of Troy' Offers New Diversion on Easter", Post-Gazette TV Editor, 20 aprile 2003. URL consultato il 1 aprile 2014.
  2. ^ "I programmi di oggi - 30 maggio 2004", La Stampa, 30 maggio 2004. URL consultato il 1 aprile 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]