Haakon I di Norvegia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Hákon il Buono
Hákon il Buono, di Peter Nicolai Arbo
Regno 934-961
Regina celibe
Casa reale dinastia Bellachioma
Padre Harald Bellachioma
Madre Tora Mosterstong
Figli Tora
Data di nascita c. 920
Luogo di nascita Håkonshella, Hordaland
Data di morte 961
Luogo di morte Håkonshella, Hordaland
Luogo di sepoltura Seim, Hordaland

Haakon I Haraldsson, in norvegese antico Hákon Aðalsteinsfóstri, in norvegese Håkon Adalsteinsfostre (920 circa – 961), soprannominato il Buono, fu il terzo re di Norvegia e il figlio più giovane di Harald Bellachioma.

Haakon ebbe il sostegno del re Athelstan d'Inghilterra, come previsto da un trattato di pace firmato da suo padre. Il re inglese lo condusse verso la conversione alla religione cristiana e, alla notizia della morte di suo padre (Harald Bellachhioma), inviò navi e uomini per sostenere Haakon contro il suo fratellastro Eirik il Sanguinario, che si era proclamato re. Al suo arrivo in Norvegia, Haakon ottenne il supporto dei proprietari terrieri promettendo loro di togliere i diritti di tassazione, richiesto da Harald, sulle proprietà ereditate.

Eirik si ritirò e da allora in avanti concentrò i suoi sforzi sull'arcipelago britannico, dove morì in battaglia con suo figlio Haeric. Gli altri figli di Eirik si allearono con i Danesi, ma furono comunque sconfitti da Haakon, che agì con successo in ogni campo, eccetto il suo tentativo di introdurre il Cristianesimo nel regno, che gli fece perdere molti consensi. Fu ferito mortalmente durante la battaglia di Fitjar nel 961, in cui cercava la vittoria finale sui figli di Eirik. Alla sua morte, il poeta di corte, Eyvindr Skáldaspillir, tralasciando la sua fede cristiana, compose un poema, Hákonarmál, in cui narrò l'ingresso del re nel Valhalla.

La corona passò a Harald II, il terzo figlio di Eirik, che condusse la Norvegia verso lunghi e tormentati anni di guerre, terminati con l'invasione danese guidata da Harald Blåtand.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Re di Norvegia Successore
Erik il Sanguinario 934–961 Harald Pellegrigia