Governo locale degli Stati Uniti d'America

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Governo locale degli Stati Uniti)
Mappa degli Stati Uniti, con evidenziate le contee dei vari stati (la Louisiana è divisa in parrocchie, l'Alaska in boroughs). Alaska ed Hawaii hanno una scala diversa. Le Isole Aleutine e alcune isole hawaiiane disabitate non rientrano nella mappa

Il governo locale degli Stati Uniti d'America è strutturato in forme di varia natura in accordo con la legislazione dei singoli stati della federazione. Ogni stato infatti ha una propria Costituzione che, pur nelle varie specificità, ricalca e rispetta comunque sempre la Costituzione degli Stati Uniti, che è alla base di tutto il sistema di governo statunitense.

Generalmente ogni cittadino statunitense deve sottostare a tre livelli di "governo locale": quello dello stato (1º livello amministrativo), quello della contea (2º livello amministrativo), e quello del comune (3º livello amministrativo). Ogni livello ha il suo sistema politico, soggetto alle limitazioni poste dai livelli superiori.

La molteplicità di forme di governo locali riflette la storia del Paese. Il governo federale fu creato dalle ex colonie britanniche che erano state fondate ciascuna separatamente dall'altra ed erano governate indipendentemente le une dalle altre. Tra queste colonie si trovavano città e contee con diversi livelli di sviluppo e, di conseguenza, con differenti bisogni amministrativi. La Convenzione Costituzionale decise così di mantenere un'ampia autonomia per gli stati e di non sostituire i diversi sistemi statali con un governo unitario. Con l'espandersi del paese, vennero annessi nuovi stati, il cui ordinamento fu modellato su quello delle entità statali preesistenti.

Stati[modifica | modifica wikitesto]

Lo Stato rappresenta il primo livello di amministrazione locale degli Stati Uniti. Non è azzardato affermare che i governi degli Stati hanno, sulla vita quotidiana dei cittadini statunitensi, un'influenza maggiore di quella delle autorità federali. Ogni Stato ha una Costituzione scritta, un suo sistema di governo e un suo codice di leggi. Ogni Costituzione statale prevede che la più alta autorità risiede nel popolo e pone certi principi a base del governo.

Le differenze tra le normative dei vari Stati possono essere notevoli, anche in materie importanti come proprietà, salute, istruzione e diritto penale. Tipiche competenze statali sono inoltre le comunicazioni interne, le norme che regolano le imprese e i servizi pubblici, gran parte degli illeciti penali, oppure le condizioni di lavoro all'interno dello stato. Il governo federale richiede che i vari stati adottino una forma di governo repubblicana e che non promulghino norme che siano in contrasto con la Costituzione o con le leggi federali, oppure con i trattati firmati dagli Stati Uniti.

Come il governo federale, i governi statali si compongono di tre rami: esecutivo, legislativo e giudiziario, che svolgono, in linea di massima, le stesse funzioni dei loro corrispondenti a livello federale. Il capo dell'esecutivo statale è il governatore, eletto a suffragio universale diretto, in genere per quattro anni (in certi stati, il mandato del governatore dura solo due anni). Tutti gli stati hanno un organo legislativo statale, che in tutti gli stati tranne uno è bicamerale, in cui la camera alta si chiama generalmente Senato e quella bassa Camera dei Rappresentanti, Camera dei Delegati, oppure Assemblea Generale. Fa eccezione il Nebraska, che ha un organo legislativo monocamerale. In molti stati, i senatori hanno un mandato di quattro anni e i membri della camera bassa di due.

Infine, ogni stato ha una Polizia di Stato (State police) e un suo sistema giudiziario che, in genere, parte da un livello inferiore, costituito dai tribunali di contea e arriva fino ad una corte suprema statale (le denominazioni delle corti variano). In certi stati i giudici vengono eletti, in altri sono nominati, come accade nel sistema federale.

Contee[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Contee degli Stati Uniti d'America.

La contea rappresenta il secondo livello amministrativo locale degli Stati Uniti. Le contee sono suddivisioni territoriali dello Stato e dipendono direttamente da questo. Tutti gli stati presentano una completa suddivisione del proprio territorio secondo contee, ad eccezione dell’Alaska, divisa in Borough e Census Area, e della Louisiana, divisa in parrocchie. In quest’ultimo caso, per altro, la differenza può dirsi solo formale, mentre nel primo va notato che la suddivisione del territorio dell’Alaska, per gran parte disabitato, non risulta ancora completata.

Le funzioni di una contea possono variare enormemente da stato a stato. E in certi casi all’interno di uno stesso stato possono esserci tipologie diverse di contee. Un esempio limite è rappresentato dai cinque distretti (boroughs) in cui è divisa la città di New York che sono altrettante contee, determinando così un’inversione gerarchica tra il terzo livello amministrativo (quello comunale) ed il secondo. Più frequenti sono i casi come quello della Contea di Arlington, in Virginia, separata da Washington dal fiume Potomac, che, priva di amministrazioni comunali al suo interno, è governata da un'amministrazione unitaria di contea. Questi casi, tipici di grandi città che hanno saturato il territorio della propria contea trasformando la stessa in un’unica area metropolitana, definiscono il modello della cosiddetta consolidated city-county.

In gran parte delle contee statunitensi, un centro urbano svolge le funzioni di capoluogo, in cui si riunisce la commissione di contea. Nelle contee più piccole, la commissione viene eletta in un unico collegio, che comprende tutto il territorio. Nelle maggiori, i commissari (o supervisori) rappresentano i vari distretti. La commissione impone i tributi, assegna i fondi, fissa lo stipendio ai dipendenti dell'ente, sovrintende alle elezioni, cura la costruzione e il mantenimento di strade e ponti, amministra i programmi di welfare nazionali, statali e di contea. In qualche stato del New England, le contee non hanno funzioni di governo e sono unicamente divisioni del territorio utili per lo più per fini statistici.

Comuni[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Comuni degli Stati Uniti d'America.

Il terzo livello amministrativo locale degli Stati Uniti è quello comunale. Da paese soprattutto rurale, gli Stati Uniti sono diventati altamente urbanizzati: oggi circa l'ottanta per cento della popolazione vive nelle città o in zone suburbane. Le questioni relative al governo delle città sono quindi centrali. Le amministrazioni cittadine forniscono alla popolazione la maggior parte dei servizi indispensabili alla vita di ogni giorno, dalla polizia ai vigili del fuoco, passando per i trasporti, le regole di sanità, le scuole e l'edilizia.

Lo statuto dei comuni è competenza dei singoli stati, che determinano i poteri dei vari governi cittadini, ma sotto molti aspetti le città sono indipendenti dalle autorità statali. Per le grandi città in particolare, la cooperazione tra ente municipale e le organizzazioni federali e statali è essenziale per il funzionamento dei servizi pubblici.

Nella maggior parte degli stati le amministrazioni comunali hanno giurisdizione strettamente limitata all'area urbana e nelle sole località che hanno lo status di incorporated places, che rispondono allo status di city, town o village. Conseguentemente le aree extraurbane e le località minori, aventi status di unincorporated places, sono sotto il governo diretto della contea.

I governi comunali variano parecchio all'interno della nazione. Praticamente tutti hanno una qualche forma di consiglio comunale eletto dai cittadini ed un organo esecutivo, assistito da diversi capi dipartimento, che sovraintende alle attività amministrative.

In generale, le tipologie di governo cittadino sono tre: il mayor-council, il council-manager e quello incentrato sulla Commissione cittadina. Molte città hanno sviluppato una combinazione tra le varie tipologie.

Nel sistema del "Mayor-Council", la forma più antica e tradizionale, vi è un sindaco eletto a capo dell'esecutivo locale ed un Consiglio, pure eletto, che esercita il potere legislativo. Il sindaco nomina i direttori dei vari dipartimenti cittadini e gli altri dirigenti, a volte con l'approvazione del Consiglio, ha potere di veto sulle ordinanze e sugli atti normativi e spesso è pure responsabile di predisporre il bilancio. Il Consiglio approva le ordinanze, impone tributi e ripartisce il denaro tra i vari dipartimenti cittadini.

Nel sistema "Council-Manager", di origine più recente, si è pensato di affidare gran parte delle funzioni esecutive, compresi i servizi di polizia, ad una persona con esperienza gestionale, il cosiddetto city manager. Questo sistema, che viene adottato da sempre più città, prevede la presenza di un piccolo Consiglio eletto, che emana le ordinanze cittadine e determina la politica del comune e mette sotto contratto un professionista, a cui affida l'applicazione delle decisioni politiche. Il manager redige il bilancio e supervisiona gran parte dei dipartimenti cittadini, fin quando il Consiglio è soddisfatto del suo operato.

Nel sistema basato sulla Commissione le funzioni esecutive e legislative sono svolte da uno stesso organo collegiale, di solito composto da tre o più persone, elette da tutta la cittadinanza. È tipico di realtà non troppo grandi e può o meno prevedere la figura di un presidente della commissione, non necessariamente chiamato "sindaco".

Altre forme di governo locale[modifica | modifica wikitesto]

I livelli di governo federale, statale e locale appena descritti non esauriscono l'intera gamma delle amministrazioni statunitensi. L'Ufficio del Censimento (dipendente dal Ministero del Commercio) nel 2002 ha identificato ben 87.576 unità di governo locale negli Stati Uniti[1], comprese contee, comuni, township, distretti scolastici e distretti con altre funzioni speciali.

Nel tempo queste unità di governo sono andate via via aumentando ed hanno assunto funzioni sempre più ampie. Nel periodo coloniale, anche nelle città maggiori, il numero di poliziotti e pompieri era ridotto e i governi locali provvedevano a poco più che a illuminare e tenere pulite le vie. Il cittadino provvedeva da sé a proteggere le sue proprietà (se ne aveva) e a far fronte alle necessità della sua famiglia.

Un'accresciuta richiesta di servizi e di comuni esigenze e bisogni ha coinvolto sempre di più i livelli amministrativi più prossimi ai cittadini. Così anche nelle città minori, polizia, pompieri, assistenza pubblica e salute sono entrate a vario titolo nelle competenze dei governi locali. Di qui lo sviluppo intricato delle competenze pubbliche a vari livelli.

Eccezioni nell'ordinamento[modifica | modifica wikitesto]

Nazioni indiane[modifica | modifica wikitesto]

Una storica sentenza della Corte Suprema nota come il "Caso Worcester contro Georgia" (1832)[2] ha stabilito che le comunità indiane sono considerate "Nazioni interne" (domestic dependent nations) con una propria sovranità, soggetta all'autorità federale, ma sottratta all'influenza dei governi statali. Centinaia di leggi, sentenze e "ordini esecutivi" (executive orders) hanno influenzato i rapporti tra stati e autorità indiane, ma hanno tenuto ben distinte le due entità. Gli indiani hanno sistemi di governo che variano, dal consiglio, investito di tutti gli affari tribali, a larghe e complesse burocrazie, con diverse autorità investite delle distinte funzioni. Le comunità sono libere di determinare il proprio sistema di governo e investire dell'autorità decisionale un consiglio oppure presidenti eletti o capi religiosi. La cittadinanza indiana (con gli annessi diritti di voto) è generalmente ristretta agli individui che appartengono alla comunità per discendenza, ma le nazioni indiane sono libere di scegliere i criteri con cui definire la cittadinanza stessa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.census.gov/prod/2003pubs/gc021x1.pdf2002 Census of Governments; Volume 1, No. 1, Government Organization. U.S. Census Bureau.
  2. ^ US Supreme Court Center, volume 31:WORCESTER V. GEORGIA, 31 U. S. 515 (1832)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]