Giovanni Antonio Scalfarotto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giovanni Antonio Scalfarotto o Scalfurotto (Venezia, 1700 circa – Venezia, 1764) è stato un architetto italiano.

San Simeon Profeta.JPG

La sua attività si svolse a Venezia e la sua opera come quella di altri architetti del settecento veneziano (Giorgio Massari, Andrea Tirali), è stata ritenuta anticipatrice del neoclassicismo[1]. In effetti a Venezia, grazia alla perdurante influenza palladiana, non era venuta mai meno un classicismo tendente al rigore ad alla semplicità.

Fu maestro del nipote Tommaso Temanza e del giovane Giovan Battista Piranesi che gli conserverà per tutta la vita una profonda riconoscenza. Era inoltre genero di Andrea Tirali.

La sua opera più importante fu la chiesa di San Simeon Piccolo, ovvero Santi Simeone e Giuda, completata nel 1738. L'edificio presenta un'insolita pianta circolare con cupola e pronao che riprende il modello del Pantheon[2][3].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Giuseppe De Logu, Architettura Italiana del Seicento e del Settecento,1993
  2. ^ Wittkower Rudolf, Arte e architettura in Italia (1600-1750), 1993
  3. ^ Scalfaròtto, Giovanni Antonio - Treccani