Gilberto Rodríguez Orejuela

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gilberto Rodríguez Orejuela

Gilberto Rodríguez Orejuela, noto anche come El Ajedrecista ("lo scacchista") (Cali, 31 gennaio 1939), è un trafficante di droga colombiano, ha fondato e guidato il cartello di Cali, del sud della Colombia.

Secondo alcune stime, al culmine del suo potere, il cartello di Cali controllava l'80% delle esportazioni di cocaina dalla Colombia verso gli Stati Uniti. Gilberto Rodríguez Orejuela fondò il cartello agli inizi degli anni settanta con suo fratello, Miguel Rodríguez Orejuela, e insieme a José Santacruz Londoño e Hélmer "Pacho" Herrera. Era soprannominato El Ajedrecista per la sua abilità nel non farsi catturare dai cartelli rivali o dalle forze di polizia. Ha avuto, in passato, la reputazione di essere un boss sanguinario, oltre che un rispettato ed intelligente uomo d'affari.

Dopo la morte del boss del cartello rivale, Pablo Escobar del cartello di Medellín, Gilberto Rodríguez Orejuela e suo fratello Miguel Rodríguez Orejuela furono catturati a Cali nel 1995, durante l'amministrazione del presidente Ernesto Samper Pizano, il quale fu accusato in passato di essere stato corrotto da membri dello stesso cartello. L'altro fondatore del cartello, José Santacruz Londoño, fu ucciso nel corso di una sparatoria dalle forze di polizia, l'anno dopo. Il presidente in questo periodo dichiarò poi guerra aperta ai narcotrafficanti colombiani e numerosi furono gli arresti e sequestri dei beni. Gilberto fu proprio uno dei primi boss ad essere arrestati, seguito poi dai principali elementi di tutti gli altri cartelli colombiani.

Gilberto Rodríguez fu condannato a quindici anni di prigione, ridotti poi a sette per buona condotta e per aver confessato molti dei suoi crimini legati al cartello. Fu temporaneamente liberato ai primi di novembre del 2002, a causa della controversa disposizione del giudice Pedro José Suárez, secondo il quale la riduzione di pena dell'imputato poteva essere applicata tramite l'habeas corpus. Dopo quattro mesi, Gilberto Rodríguez fu ricatturato dalle autorità colombiane a Cali, nel marzo del 2004, con l'accusa di aver esportato 150 chilogrammi di cocaina negli Stati Uniti nel 1990. Siccome questo crimine non era stato da lui precedentemente confessato, fu, quindi, ri-arrestato di nuovo.

Le autorità USA lo accusarono di aver continuato a dirigere, in quel periodo di detenzione nelle carceri colombiane, la sua attività di traffico internazionale. Il boss fu, quindi, estradato negli Stati Uniti il 3 dicembre 2004 (seguito poi da suo fratello il 5 marzo 2005). In seguito le dichiarazioni dell'avvocato federale Marcos Daniel Jiménez, dopo l'arrivo del boss negli USA, furono tese a dimostrare che il boss era imputabile di diversi capi d'accusa per reati precedenti alla sua collaborazione con la giustizia colombiana.

Queste dichiarazioni portarono alla reazione delle autorità colombiane, in particolare della corte suprema, secondo la quale gli USA non possono processare Rodríguez per i crimini commessi prima del 1997, come prevedono i termini della sua estradizione. Queste controversie legali sono tuttora in corso. Gilberto è rappresentato dall'avvocato David Oscar Markus, che ha richiesto che i termini dell'estradizione siano rispettati in pieno dalle autorità americane.