Frederick Jackson Turner

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Frederick Jackson Turner (Portage, 14 novembre 1861San Marino, 14 marzo 1932) è stato uno storico statunitense, noto soprattutto per l'opera The Significance of the Frontier in American History ("Il significato della frontiera nella storia americana"), nella quale è esposta la "tesi della frontiera".

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Portage (Wisconsin) e figlio di Andrew Jackson Turner e Mary Olivia Hanford Turner, Frederick Jackson Turner si laureò all'Università del Wisconsin (ora University del Wisconsin–Madison) nel 1884, dove era un membro della Confraternita Phi Kappa Psi. Ha ottenuto il suo dottorato in storia alla Johns Hopkins University nel 1890 con una tesi sul commercio di pellicce nel Wisconsin. Come professore di storia a Wisconsin (1890–1910) e Harvard (1911–1924), Turner trascinò numerosi discepoli, che dominarono programmi di storia americana attraverso il paese. La sua enfasi sull'importanza della frontiera nel formare il carattere americano influenzò l'interpretazione trovata in migliaia di storie di studiosi. Il suo modello di sezionalismo come composto di forze sociali, come l'etnicità e la proprietà di terre, diede agli storici gli strumenti per usare la storia sociale come la fondazione di tutti gli sviluppi politici, economici e sociali nella storia americana. Nella American Historical Association, Turner collaborò con J. Franklin Jameson su importanti progetti.

Controllo di autorità VIAF: 59201523 LCCN: n80010489