George Dangerfield

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

George Dangerfield (Newbury, 28 ottobre 1904Santa Barbara, 27 dicembre 1986) è stato un giornalista e storico inglese, redattore letterario di Vanity Fair dal 1933 al 1935. Nel 1953 vinse il Premio Pulitzer per la storia grazie al suo The Era of Good Feelings[1].

È principalmente noto per il suo libro The Strange Death of Liberal England (1935), uno studio del rapido declino del Partito Liberale nel Regno Unito negli anni dal 1910 al 1914.

Vita[modifica | modifica sorgente]

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Bengal Mutiny: The Story of the Sepoy Rebellion (1933)
  • The Strange Death of Liberal England (1935) [2]
  • Victoria's Heir: The Education of a Prince (1941)
  • The Era of Good Feelings (1952) [3]
  • Chancellor Robert R. Livingston of New York 1746-1813 (1960)
  • The Awakening of American Nationalism 1815-1828 (1965) [4]
  • The Damnable Question: A Study of Anglo-Irish Relations (1976) [5]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ The Pulitzer Prizes - 1953 Winners
  2. ^ ISBN 9780804729307
  3. ^ ISBN 978-0929587141
  4. ^ ISBN 978-0881338232
  5. ^ ISBN 978-0704332522

Controllo di autorità VIAF: 91314457 LCCN: n50038474