Franco Frigo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Franco Frigo
Frigo, Franco-9384.jpg

Presidente della Regione del Veneto
Durata mandato 1992 –
1993
Predecessore Gianfranco Cremonese
Successore Giuseppe Pupillo

Presidente della Provincia di Padova
Durata mandato 1985 –
1990
Predecessore Candido Tecchio
Successore Renzo Sacco

Dati generali
Partito politico Partito Democratico
Alma mater Università degli Studi di Padova

Franco Frigo (Cittadella, 13 agosto 1950) è un politico italiano, sesto Presidente della Regione Veneto, attualmente eurodeputato al Parlamento Europeo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce in una famiglia contadina veneta, si laurea in ingegneria a Padova nel 1974 e in architettura a Venezia nel 1983. Nel 1974 apre uno Studio Tecnico di Ingegneria e Architettura ancora operante a Cittadella. Nel 1976 si sposa. Ha tre figlie.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Si iscrive giovanissimo alla Democrazia Cristiana diventa Assessore al Comune di Cittadella tra il 1975 ed il 1985. Nel 1985 viene eletto prima consigliere provinciale e poi Presidente della Provincia di Padova, alla cui guida rimane fino al 1990.

Nello stesso 1990 è eletto Consigliere regionale. Nel 1992 diventa Presidente della Regione Veneto e rimane alla guida della Giunta Regionale fino al 1993 appoggiata anche esternamente da Lega e PDS

Ritorna in Consiglio Regionale del Veneto nel 2000 eletto nella lista a sostegno di Massimo Cacciari Presidente che a livello regionale sperimenta quella che sarà la nascita del partito Democrazia è Libertà - La Margherita . Nel 2005 viene riconfermato nella lista unitaria Uniti nell'Ulivo risultando il candidato più votato dell'opposizione con 22.337 voti di preferenza[1].

Tra i fondatori del Partito Democratico in Veneto sostiene nel 2007 la candidatura di Enrico Letta a Segretario del Partito alle Elezioni primarie del Partito Democratico del 2007. Il risultato di Letta in Veneto è tra i migliori in Italia.

Si candida alle elezioni europee del 2009 nel collegio Nordest, ottenendo 56.102 preferenze (di cui 20.843 in Provincia di Padova e 13.473 in Provincia di Vicenza) risultando sesto nella lista del Partito Democratico.

Nel 2011 diventa presidente del Maap (Mercato agroalimentare di Padova) , il primo mercato italiano per export.

Nel maggio 2013, in seguito all'elezione a Presidenti del Friuli-Venezia Giulia di Debora Serracchiani subentra in Parlamento

Franco Frigo
Monogramma del Parlamento Europeo
Unione europea
Parlamento europeo
Data nascita 13 agosto 1950
Partito Partito Democratico
Legislatura VII
Gruppo Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici
Incarichi parlamentari
Membro della Commissioni "Trasporti e Turismo" e "Libertà civili, giustizia e affari interni"

Europeo, in cui è parte delle Commissioni "Trasporti e Turismo" e "Libertà civili, giustizia e affari interni".

Nel 2014 si ricandida alle Elezioni europee con il PD nella circoscrizione del Nord-Est ma con 56.023 preferenze non viene rieletto.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ::: Ministero dell'Interno ::: Archivio Storico delle Elezioni - Regionali del 3 aprile 2005
  2. ^ Europee 2014, i candidati del Pd nel collegio Nord Ovest - "Europee 2014, i candidati del Pd nel collegio Nord Ovest"

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente della Regione Veneto Successore Veneto-Stemma.png
Gianfranco Cremonese 1992 - 1993 Giuseppe Pupillo