Foulques de Villaret

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Raffigurazione immaginaria di Foulques de Villaret

Foulques de Villaret, detto anche Folco del Vilaret o Fulk de Villaret (... – 1º settembre 1327), nativo della Linguadoca-Rossiglione, in Francia, è stato Gran Maestro dell'Ordine degli Ospitalieri, succedendo allo zio paterno Guillaume de Villaret nel 1305.

Suo zio aveva influito notevolmente nella sua carriera nell'Ordine. Egli venne nominato Ammiraglio nel 1299, e Gran Comandante due anni dopo. Dal 1303 divenne Luogotenente del Gran Maestro, e avanzò quindi al grado di Gran Maestro alla morte dello zio.

Sotto il suo comando, l'ordine sferrò attacchi di successo nel tentativo di conquistare Rodi, (1308 e fine del 1309). Vennero conquistate anche altre isole dell'area (Kastellórizo, Bodrum) e l'ordine si trasferì definitivamente a Rodi, dove rimase per i successivi due secoli.

Secondo la tradizione Fulcone di Villoret, fratello d’armi cristiane di Amedeo V di Savoia, verso il 1312, viaggiando a bordo di una galea da Rodi alla Francia, in cerca di aiuti, sarebbe stato sorpreso da una furiosa tempesta sul Golfo Ligure, che fece affondare la nave con tutto il suo carico e le armi.

Fulcone ed il suo seguito riuscirono miracolosamente a salvarsi, raggiungendo a nuoto la Spiaggia del Giunchetto, insenatura sita tra Ospedaletti e Bordighera nel Ponente Ligure: per riconoscenza al Santo Patrono per lo scampato pericolo, il Gran Maestro decise allora di erigere sul posto una Chiesa dedicata a San Giovanni di Gerusalemme, patrono dei Cavalieri del suo ordine.

Accanto alla nuova Chiesa sarebbe quindi sorto un pio albergo, un hospitium, ossia un luogo destinato al ristoro e al riparo dei viandanti e dei pellegrini che si recavano a Roma e che andavano ai luoghi Santi di Gerusalemme, mentre successivamente i cavalieri raggiunsero la collina dove, nel già esistente abitato di Colla, eressero una Chiesa dedicata a San Sebastiano (1319) e un altro pio albergo.

In riconoscenza dell’opera svolta dai suddetti cavalieri, il paese situato sulla collina avrebbe quindi assunto il nome di “Colle dei Rodi” ed il borgo sottostante, in virtù dei due hospitia, sarebbe stato chiamato Hospitaletti poi modificato nel nome attuale di “Ospedaletti”.

Ad ogni modo, malgrado i benefici che l'ordine trasse dalla soppressione dei Cavalieri Templari (i beni e i compiti dei Templari vennero affidati agli Ospitalieri dal Papa nel 1312), le campagne del de Villaret nell'espansione territoriale dell'ordine avevano indebitato pesantemente l'organizzazione. I debiti, cosa ancora più grave, non poterono essere saldati sino al 1330. De Villaret sembrava che ad ogni modo avesse difficoltà a farsi ben volere e venne quasi alienato dall'ordine.

Nel 1317, l'ordine tentò un colpo di Stato per rovesciare il Gran Maestro, il quale a detta delle cronache, si comportava in modo dispotico ed autoritario. Un gruppo scelto di cavalieri, si recò nella sua residenza di Rodini per assassinarlo, ma il suo Ciambellano lo aiutò nella fuga. Egli si recò quindi al castello degli Ospitalieri di Lindos, dove venne assediato dal suo stesso ordine. Nel frattempo, i cavalieri avevano eletto a Gran Maestro Maurice de Pagnac, e avevano scritto al Papa Giovanni XXII nel luglio di quell'anno per giustificare le loro azioni.

Il Papa, convocò entrambi i gran maestri alla sua corte di Avignone per rivedere la disputa. Nel frattempo, Fra' Giraud de Pins amministrò l'ordine in nome del Papa. Il Pontefice riammise il de Villaret, ma solo qualora egli avesse dato le proprie dimissioni ufficiali da Gran Maestro. Fra' Hélion de Villeneuve venne nominato nuovo Gran Maestro dell'ordine il 18 giugno 1319, dal momento che Pagnac era morto nel frattempo. Il Papa nominò il de Villaret, Priore di Capua a vita, il 29 giugno di quell'anno, ma dopo nuovi contrasti locali, venne trasferito al Priorato di Roma nel 1325. Anche qui si ravvisarono dei contrasti e il Papa decise di mandarlo in pensione con un compenso annuo. Egli ritornò nella sua patria nativa, e visse come Fratello dell'Ordine nella casa della sorella, a Teyran, presso Montpellier. Qui morì il 1º settembre 1327, e venne sepolto nella Chiesa dei Templari di Montpellier.

Mecenate[modifica | modifica wikitesto]

Rostaing Berenguier dedicherà per intero a Folco de Viralet, suo grande mecenate, la canzone Tot enaisi con es del balasicz[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Paul Meyer, Les derniers troubadours de la Provence, pp. 90 e segg. URL consultato il 21 marzo 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luttrell, Anthony. "Notes on Foulques de Villaret, Master of the Hospital 1305-1319", in: The Hospitallers of Rhodes and the Mediterranean World (Aldershot 1992).
Predecessore Gran Maestro dei Cavalieri Ospitalieri Successore Blason Ordre Malte 3D.svg
Guillaume de Villaret 1305-1319 Maurice de Pagnac I
Maurice de Pagnac 1319 Helion de Villeneuve II
Predecessore Gran Priore di Roma del Sovrano Militare Ordine di Malta Successore Bandiera del Sovrano Militare Ordine di Malta.png
Filippo di Gragnana 1325 - 1326 Giovanni de Rivara de Rivugliasco