Felicita Frai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fiori alpestri e anforetta, 1965 (Fondazione Cariplo)

Felicita Frai, all'anagrafe Felice Frai [1] (Praga, 20 ottobre 1909Milano, 14 aprile 2010), è stata una pittrice ceca naturalizzata italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Praga sotto l'Imperatore d'Austria Francesco Giuseppe. Interrotti gli sudi universitari nella città natale, si trasferisce in Italia nel 1930, prima a Trieste e poi a Ferrara. Qui è allieva di Achille Funi con il quale studia la tecnica dell’affresco e collabora nel 1936 alla decorazione Il mito di Ferrara nella sala dell'Arengo (già Sala della Consulta) del Palazzo Municipale di Ferrara. Nel 1937 collabora con Funi agli affreschi della Chiesa di San Francesco Nuovo a Tripoli in Libia.

Nel 1938 debutta all’Esposizione Internazionale Biennale d’Arte di Venezia, tornandovi anche nel 1948.

Negli anni Quaranta si trasferisce a Milano, dove frequenta lo studio di Giorgio De Chirico e partecipa a tutte le edizioni della Triennale dal 1945 al 1954. Si dedica alla pittura di figura e alla natura morta ma anche all’incisione e all’illustrazione di libri quali Viaggio attraverso lo specchio (1947) di Lewis Carroll e L'albero del riccio (1948) di Antonio Gramsci.

Nel 2001 la pittrice italianizzata ha ottenuto l'Ambrogino d'oro[1].


È scomparsa nel 2010 all'età di 100 anni[1].

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Felicita Frai si è espressa con l'olio, la tempera, l'acquarello, l'incisione e la litografia. L'artista ha dipinto, soprattutto, l'immagine femminile in infinite variazioni, oltre ai suoi coloratissimi e bellissimi fiori.

Opere nei musei[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • FERRATA Giansiro, MANZINI Gianna, MONTALE Eugenio, VALSECCHI Marco, Felicita Frai, Silvania editoriale d’arte, Milano 1973, pp. 131.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c [1] Repubblica.it

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]