Edward Ruscha

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Edward Ruscha (Omaha, 16 dicembre 1937) è un pittore e fotografo statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Edward Ruscha è nato in una famiglia cattolica a Omaha in Nebraska. Sin da ragazzo mostrò interesse per l'arte. Visse per 15 anni ad Oklahoma City e poi si trasferi a Los Angeles dove studiò dal 1956 al 1960 presso il Chouinard Art Institute (ora conosciuto come il California Institute of the Arts). Dopo la laurea, iniziò a lavorare come impaginatore per l'agenzia pubblicitaria Carson-Roberts di Los Angeles

Agli inizi del 1960 egli era già noto per i suoi dipinti, collage e fotografie, e per la sua adesione al gruppo Ferus Gallery, che comprendeva anche altri artisti come: John Altoon, John McCracken, Robert Irwin, Larry Bell, Ken Price ed Edward Kienholz. Dal 1965 al 1969 ha lavorato come impaginatore per la rivista "Artforum" sotto lo pseudonimo di "Eddie Russia". Nel 1969 ha insegnato presso la UCLA come visiting professor. Nel 1973 fece la sua prima personale alla galleria di Leo Castelli a New York. Fu anche un grande un amico del chitarrista Mason Williams ed il famoso muralista Kent Twitchell nel 1978 dipinse un murales in suo onore intitolato il monumento di Ed Ruscha.

Nel 2006 è stato nominato fiduciario del Museo di Arte Contemporanea (MoCA) a Los Angeles insieme a Susan Gersh e David Johnson.

Pop art[modifica | modifica sorgente]

Nel 1962 il lavoro di Ruscha è stato incluso, insieme a Roy Lichtenstein, Andy Warhol, Robert Dowd, Phillip Hefferton, Joe Goode, Jim Dine, e Wayne Thiebaud, nella storica mosta New Painting of Common Objects (Nuova Pittura di oggetti comuni), curata da Walter Hopps al Museo d'Arte di Pasadena. Questa mostra è storicamente considerata una delle prime manifestazioni di "Pop art" in America.

Lavori[modifica | modifica sorgente]

Tutti i suoi lavori,sono spesso collegati con il movimento della Pop art.
Ancora studente rimase colpito dai lavori di Jasper Johns che contribuirono a spostare i suoi interessi dalla grafica alla pittura. Fu anche influenzato da Arthur Dove e Marcel Duchamp. In un tour nel 1961 in Europa ebbe modo di apprezzare anche i lavori di Robert Rauschenberg. Alcuni critici sostengonono che nelle sue opere sia rinvenibile anche l'influenza di Edward Hopper. In ogni caso è Ruscha stesso ad offrire una sua definizione di arte: "L'arte deve essere qualcosa che ti fa grattare la testa".
Anche se Ruscha lo nega nelle interviste, il vernacolo di Los Angeles e i paesaggi del sud della California sono stati fonti di ispirazione tematica e stilistica per gran parte dei suoi lavori, molte sue opere lo testimoniano inequivocabilmente.
Le sue opere evidenziano anche un interesse per la cultura popolare e per la grafica commerciale che continuerà ad influenzare il suo operato. Parole e frasi sono ricorrenti nei suoi dipinti, la ricerca lo ha spinto anche all'uso di un'ampia gamma di materiali tra i quali polvere da sparo, sangue, succhi di frutta e verdura, grasso e macchie d'erba. Dal 1980 ha inoltre iniziato a comporre opere che contenevano motivi di luce dai titoli bizzarri che venivano proiettate in stanze vuote.

Libri[modifica | modifica sorgente]

Ruscha ha anche pubblicato i seguenti libri fotografici:

  • Twentysix Gasoline Stations, 1962
  • Various Small Fires, 1964
  • Some Los Angeles Apartments, 1965
  • Every Building on the Sunset Strip, 1966
  • Thirtyfour Parking Lots, 1967
  • Royal Road Test, 1967
  • Business Cards, 1968
  • Nine Swimming Pools and a Broken Glass, 1968
  • Crackers, 1969
  • Real Estate Opportunities, 1970
  • Babycakes, 1970
  • A Few Palm Trees, 1971
  • Records, 1971
  • Dutch Details, 1971
  • Colored People, 1972

Note[modifica | modifica sorgente]


Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 54182318 LCCN: n50022260