Leo Castelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Leo Castelli (Trieste, 4 settembre 1907New York, 21 agosto 1999) è stato un collezionista d'arte e mercante d'arte statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Il suo vero nome era Leo Krauss e quando nacque Trieste faceva parte dell'Impero austro-ungarico. La città era un crocevia di etnie e di culture da quella tedesca, alla italiana, alla slava ed alla ebraica. Lo stesso padre di Leo - Ernesto Krauss, banchiere di origine ungherese - era ebreo, come la moglie Bianca Castelli, dalla quale Leo prese in seguito il cognome. Emigrò negli anni trenta a Parigi dove aprì una Galleria.

Parigi in quegli anni era il faro culturale di tutto il mondo. Nel 1941, in seguito all'invasione tedesca della Francia ed alle leggi razziali, si trasferì a New York. All'inizio espose artisti europei come Wassily Kandinsky, ma ben presto la «Leo Castelli Gallery» al numero 420 di West Broadway divenne famosa per gli artisti americani dell'espressionismo astratto come Jackson Pollock, Willem de Kooning, Robert Rauschenberg, Jasper Johns e Cy Twombly. Negli anni sessanta e settanta ebbe a contratto artisti come Frank Stella, Lee Bontecou, James Rosenquist, Roy Lichtenstein, Andy Warhol, Robert Morris, Donald Judd, e Dan Flavin. Anche negli anni ottanta fece mostre di importanti artisti contemporanei come Richard Serra. Negli anni novanta conobbe e seguì in alcuni suoi progetti l'architetto scultore Silvana De Stefano.

Leo Castelli è stato sposato a Ileana Schapira anche lei gallerista ed insieme hanno scoperto i più importanti artisti del XX secolo.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Calvin Tomkins, Vite d'avanguardia. John Cage, Leo Castelli, Christo, Merce Cunningham, Johnson Philip, Andy Warhol, Genova, Costa & Nolan, 1983. ISBN 88-7648-013-7.
  • Leo Castelli, ricordi triestini, interviste di Paolo Rumiz e Luciano Santin, s.l., Biblioteca Cominiana, 1995, pubblocato in occasione della mostra "Leo Castelli, a life for art";
  • Da Rauschenberg a Warhol, da Flavin a Judd, 20 artisti a New York negli anni Sessanta, omaggio a Leo Castelli, testi di Calvin Tomkins, Piero Dorazio, Milano, Skira, 1996;
  • Alan Jones, Leo Castelli, l'italiano che inventò l'arte in America, introduzione di Gillo Dorfles, Roma, Castelvecchi, 2007;

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 34561693 LCCN: n83056316