Richard Serra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fulcrum, 1987, una scultura d'acciaio alta 16,76 metri nei pressi della Liverpool Street Station, a Londra
Premio Premio Imperiale 1994

Richard Serra (San Francisco, 2 novembre 1939) è uno scultore minimalista e videoartista statunitense, conosciuto per il fatto di creare opere d'arte con fogli di metallo. Ha fatto parte del movimento artistico del Process Art.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Serra ha studiato letteratura inglese all'Università di Berkeley e, in seguito, all'Università di Santa Barbara, tra il 1957 e il 1961. Ha studiato poi belle arti all'Università Yale tra il 1961 e il 1964. Durante il periodo sulla costa occidentale, contribuì al proprio mantenimento lavorando in una acciaieria, il che avrebbe avuto grande importanza sul suo lavoro successivo. La sua prima esposizione individuale avviene a Roma nel 1966, mentre la prima esposizione in una contesto urbano di una sua opera permanente avviene a Kassel nel 1977. Serra vive vicino a New York e in Nova Scotia.

È fratello di un famoso avvocato di San Francisco, Tony Serra.

Le opere[modifica | modifica wikitesto]

Bramme nel distretto della Ruhr, 1998, Essen
Sea Level (parte sud ovest), Zeewolde, Paesi Bassi

Serra è stato uno dei primi artisti a vedere un suo lavoro artistico pubblico rifiutato fisicamente dal pubblico. Nel 1981, Serra installò l'opera Tilted Arc, un arco leggermente curvato, alto 3,50 metri, in acciaio dolce a Federal Plaza, nella città di New York. Ci furono delle controversie sin dal primo giorno di installazione dell'opera. Un'assemblea pubblica del 1985 terminò con una votazione che prevedeva il trasferimento dell'opera, ma Serra protestò, sostenendo che l'opera era ideata per quel determinato sito e non poteva essere spostata altrove. Alla fine, il 15 marzo, l'opera fu smantellata da operai inviati dal governo federale e rottamata. Questi avvenimenti furono descritti in un libro satirico di William Gaddis, A Frolic of His Own.

Nel 2003 Richard Serra espose un'opera, denominata Naples, a Piazza del Plebiscito, a Napoli[1][2]. Quest'ultima rappresenta una spirale, composta, come sempre, in fogli d'acciaio. Oggi è conservata al Museo Guggenheim di Bilbao.

Un'altra famosa opera di Serra è la enorme scultura Snake, tre sinuosi fogli d'acciaio che creano un percorso curvilineo, opera permanentemente installata nella galleria più grande del Guggenheim di Bilbao. Nel 2005, il museo in questione espose altre opere di Serra.

Il rapporto con la Spagna, comunque, non è stato sempre idilliaco. Nel 2005 il Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía di Madrid annunciò che un'opera di 38 tonnellate era andata perduta[3].

Nella primavera del 2005, Serra tornò a San Francisco per installare il suo primo lavoro in spazi pubblici in quella città: due lame d'acciaio di circa 15,24 metri (50 piedi) e del peso di 160 tonnellate, nel principale spazio all'aperto dell'Università di San Francisco. Nella stessa città, nel 2000, aveva installato l'opera Charlie Brown, una scultura di circa 18,28 metri, nel quartier generale di una società. Per favorirne l'ossidazione, inizialmente degli spruzzatori furono puntati sulla struttura.

Nel 2006, alla Whitney Biennial, Serra mostrò un disegno raffigurante un prigioniero di Abu Ghraib con il titolo "Stop Bush".

Richard Serra nei musei italiani[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine delle Arti e delle Lettere di Spagna - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine delle Arti e delle Lettere di Spagna
— 12 dicembre 2008[4]
Premio Principe delle Asturie per l'arte - nastrino per uniforme ordinaria Premio Principe delle Asturie per l'arte
— 2010

Galleria[modifica | modifica wikitesto]


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La notizia dal sito Press Release
  2. ^ Un'immagine dell'opera
  3. ^ La notizia dal sito della BBC
  4. ^ Bollettino Ufficiale di Stato

Controllo di autorità VIAF: 84633265 LCCN: n78026204