Edoardo Firpo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Edoardo Firpo (Genova, 20 aprile 1889Genova, 10 febbraio 1957) è stato un poeta italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Edoardo Firpo è stato un poeta dialettale in lingua genovese e anche un pittore del Novecento.

Come altri artisti coevi - quali Luigi Navone, Adolfo Lucarini, Edoardo De Albertis ed Eugenio Baroni - non fu mai incline ad assoggettarsi al sistema e alle pressioni del periodo storico - il primo Novecento - in cui trovò ad operare. Per procurarsi di che vivere lavorò come accordatore di pianoforti; fu grande nella poesia, ma della sua opera rimangono anche disegni e pastelli. Ha avuto una famiglia numerosa. Fu una persona schiva, ricurva e ha vissuto sempre nella semplicità. Ha condotto una vita molto riservata.

Fu un convinto oppositore del fascismo. Una lapide con una sua poesia in memoria dei partigiani è posta sulla chiesa dedicata a Sant'Antonino e situata poco distante dal cimitero monumentale di Staglieno.

Arrestato dalle truppe tedesche nel marzo del 1945, venne condannato alla deportazione; un mese dopo venne tuttavia rilasciato; sul periodo trascorso nel carcere nazifascista scrisse poi un diario.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • O grillo cantadö, All'insegna della Tarasca, Genova, 1931 (con una tavola fuori testo di Luciano Lombardo)
  • O fiore in to gotto, Emiliano degli Orfini, Genova, 1935, con introduzione di Eugenio Montale
  • A vea scoverta de l'America, Genova, Libreria Internazionale Di Stefano, 1946
  • Ciammo o martinpescòu, Edizioni Salvatore Sciascia, Caltanissetta, 1955
  • O grillo cantadö e altre poesie, a c. di M.Boselli, E.Giuseppetti, Giovanni e Guido Sechi, trad. dal genovese di G.Sechi, Einaudi, Torino, 1960
  • Çigae, edizioni Scheiwiller, Milano, 1968 (Poesie inedite o rare raccolte da V.E.Petrucci e Cesare Viazzi);
  • Bäsigo, I Libretti di Malaria, Pisa, 1972 (con una tavola fuori testo di Luciano Lombardo);
  • Tutta Zena ciù un caroggio, Il Melangolo, Genova, 1977 (che raccoglie, tra le poesie uscite su l'Unità, quelle più politiche e locali);
  • Tutte le poesie, a cura di Bruno Cicchetti ed Eligio Imarisio, Edizioni San Marco dei Giustiniani, Genova, 1978;
  • Diario, 2 voll., Consiglio Regionale della Liguria, Genova, s.d. (1979) (edizione integrale dei diari di Firpo dal 1918 al 1943 e di alcuni versi sparsi, a cura di Mario Boselli, Carlo Cormagi, Ettore Giuseppetti e Giovanni Sechi);
  • Firpo racconta Genova, a cura di Michele Dolcino e Attilio Mangini, Edizioni Pirella, Genova, 1981;
  • Poesie e Diari, Co.Edit.A.L. - Cooperativa Editoriale delle Autonomie Locali, Genova, 1982 (Audiolibro. Lina Volonghi, Sandro Bobbio ed Ettore Giuseppetti, leggono le poesie e brani di diario, con musiche di Musorgskij eseguite al pianoforte dal Maestro Tullio Macoggi);
  • Edoardo Firpo doppo a vitta, immagini e liriche, a cura di G.Bruno, B.Cicchetti ed E.Imarisio, Ecig, Genova, 1988.

Su Firpo si veda:

L'opera[modifica | modifica wikitesto]

Targa con i versi di Edoardo Firpo, nella piazzetta panoramica di Boccadasse a lui intitolata

L'ispirazione poetica di Firpo fu determinata prevalentemente dal paesaggio ligure. L'asprezza del dialetto genovese - che talvolta però Firpo italianizzò - non toglie musicalità alla sua poesia, ispirata, da una parte, a temi di genere decadentista-simbolista (A Lampara da U fiure intu gottu), e, dall'altra, riferiti a momenti significativi del suo vissuto (Boccadâze, dedicata al borgo marinaro di Boccadasse, dove una targa con il testo della poesia lo ricorda, e L'öchin, entrambe da Fiure in to gottu).

A parere di Eugenio Montale il tono tragico è assente dalla poesia di Firpo. Solo nell'ultima raccolta (del 1955) sono avvertibili toni cupi in riferimento all'angoscia dell'uomo davanti al mistero dei fenomeni naturali. In essi è possibile sentire una suggestione pascoliana, dove il mare, col veloce succedersi delle onde, può rappresentare il contenuto effimero della vita.

La poesia dei partigiani[modifica | modifica wikitesto]

Fra le poesie di Firpo molto care ai genovesi, soprattutto a quelli residenti nelle delegazioni periferiche, è da ricordare la già citata poesia Sant'Antonino.

Questo componimento è - a detta dei critici - una sintesi di poetica limpida e pacata che non abbandona, anzi sottolinea il pensiero di coloro che aderirono al movimento partigiano opponendosi al fascismo:

« Sant'Antonin.... sœnna cianin (suona pianino) / cianin...cianin (pianino pianino) / che nu s'addescian i Partigen (che non si sveglino i Partigiani»

Al pari di quelle di una madre in ansia, l'invocazione al santo - che assume qui il ruolo di guardiano dei caduti - sale alta e sincera:

« Lascia che dorman comme son morti (Lascia che dormano come sono morti) / cuu sacrifiziu da zuentu (col sacrificio della gioventù) / che no s'accorzan (affinché non s'accorgano) / che za se tenta (che si tenta) / de seppellili (di seppellirli) / sott'a rumenta (sotto la spazzatura»

Fino a questo punto il tono è quasi quello di una ninna nanna; subito dopo però, con pacatezza ma anche risolutezza, se dovesse accadere che fosse mancato loro di rispetto:

« Quand'arrivia (quando arriverà) / quellu mattin (quel mattino) / survia Staggen (sopra Staglieno) / ti cantiæ l'Innu (canterai l'Inno) / di Partigen (dei Partigiani»
Targa con la poesia presso la chiesa di Sant'Antonino

Sant'Antonino è una frazione di Staglieno, dove sorge il cimitero monumentale più grande d'Italia, e dove riposano i partigiani caduti sulla terra genovese. È questo luogo, localizzato proprio sopra al cimitero di Staglieno (survia Staggen) che canterà l'Inno dei Partigiani.

Questo poemetto - al di là del valore poetico - è importante anche per comprendere come, soprattutto nelle delegazioni operaie di Genova, la vecchia matrice solidaristica (vedi Storia del movimento partigiano a Genova), unì atei e credenti, in una comune lotta contro la barbarie nazifascista; aiuta in definitiva a comprendere come il senso del sacro fu comune, anche se visto sotto ottiche diverse (un esempio che verrà restituito appieno da Bartolomeo Ferrari, don Berto, cappellano della divisione Mingo).

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Al suo nome è intitolato l'Istituto Tecnico per il Turismo di Genova.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]