Doraemon: Nobita no shin makai daibōken ~7-nin no mahō tsukai~

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Doraemon: Nobita no shin makai daibōken ~7-nin no mahō tsukai~
Doraemon Film 2007.jpg
Titolo originale 映画ドラえもん のび太の新魔界大冒険 〜7人の魔法使い〜
Lingua originale Giapponese
Paese di produzione Giappone
Anno 2007
Durata 112 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere animazione
Regia Yukiyo Teramoto
Soggetto Fujiko Fujio
Sceneggiatura Yuichi Shinbo
Produttore Daisuke Yoshikawa, Kumi Ogura, Takumi Fujimori, Tatsuji Yamazaki
Casa di produzione Shin Ei Animation, Shogakukan, TV Asahi
Art director Makoto Dobashi
Animatori Shizue Kaneko
Fotografia Masahiro Kumagai
Montaggio Hajime Okayasu
Musiche Kan Sawada
Doppiatori originali

Doraemon: Nobita no shin makai daibōken ~7-nin no mahō tsukai~ (映画ドラえもん のび太の新魔界大冒険 〜7人の魔法使い〜?), anche conosciuto come DORAEMON THE MAGIC 2007, è il ventiseittesimo film d'animazione di Doraemon. Il film è stato distribuito nelle sale giapponesi il 10 marzo 2007. Il film è un remake del film del 1984 Doraemon: Nobita no makai daibōken.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Stressato dalla moltitudine di problemi che deve affrontare ogni giorno a scuola ed a casa, Nobita immagina come migliorerebbe la propria vita se fosse in grado di utilizzare la magia. Conseguentemente il ragazzino chiede a Doraemon di utilizzare il suo gadget per le realtà alternative di mostrargli come sarebbe il mondo, se la magia esistesse davvero. In questa affascinante realtà alternativa, Nobita ed i suoi amici scoprono che un pianeta demoniaco si sta avvicinando alla Terra e minaccia le vite degli esseri umani. Doraemon, Nobita ed i loro amici devono ritrovare un magico libro su cui è contenuta la formula magica che può salvare la Terra dalla collisione.

Colonna sonora[modifica | modifica sorgente]

Sigla di apertura
Sigla di chiusura

Videogioco[modifica | modifica sorgente]

Contemporaneamente al film, è uscito sul mercato un videogioco per Nintendo DS intitolato Doraemon: Nobita no shin makai daibōken DS vagamente ispirato al film.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]