Deutsche Reichsbahn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Deutsche Reichsbahn
Logo
Stato Germania Germania
Altri stati Germania Germania
Germania Germania
Germania Est Germania Est
Fondazione 1923
Chiusura 1º gennaio 1994
Sede principale Berlino

La Deutsche Reichsbahn (acronimo DR) era una compagnia ferroviaria tedesca.

Fondata nel 1923 come compagnia statale dell'allora Repubblica di Weimar, divenne nel 1949, con la divisione della Germania, la compagnia statale della Repubblica Democratica Tedesca.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La nascita della DR risale al 1923, ai tempi della Repubblica di Weimar. L'originaria designazione DRG (Deutsche Reichsbahn-Gesellschaft, Compagnia delle Ferrovie Statali Tedesche), venne mutato in DR nel 1937, e mantenuto, nel dopoguerra, dalla zona di occupazione sovietica e dalla successiva (dal 1949) Repubblica Democratica.

Nella Repubblica Federale, invece, venne fondata la nuova Deutsche Bundesbahn (DB). Faceva eccezione la situazione di Berlino, dove l'intera rete, anche nei settori occidentali, era di competenza della DR.

In seguito alla riunificazione tedesca si è resa necessaria un'imponente opera di coordinamento fra le due reti. Infine, nel 1994, la DR è confluita, insieme alla DB, nella nuova Deutsche Bahn.

Organizzazione[modifica | modifica sorgente]

La DR era un'azienda statale, direttamente controllata dal Ministero dei Trasporti della Repubblica Democratica Tedesca (Ministerium für Verkehr der DDR).

Dal novembre 1959 al novembre 1989 il Ministro dei Trasporti occupava anche il posto di Generaldirektor della DR. La sede centrale si trovava a Berlino Est, al numero 33 di Voßstraße.

L'azienda era divisa in otto direzioni regionali, con sede a Berlino (Est), Cottbus, Dresda, Erfurt, Greifswald, Halle, Magdeburgo e Schwerin.

La Mitropa offriva i servizi di ristorazione, sia a bordo dei treni, sia nelle stazioni.

La DR era l'azienda che contava più lavoratori nella Repubblica Democratica Tedesca.

Servizi passeggeri[modifica | modifica sorgente]

La DR offriva un servizio molto economico e capillare, ma i treni erano sempre molto affollati e lenti, le linee spesso antiquate e prive di manutenzione. Inoltre, i convogli merci e militari (molto frequenti) avevano la precedenza su quelli passeggeri, peggiorando così la situazione. Eccezioni erano i treni rapidi (Städteexpress) e i servizi di S-Bahn. Questi ultimi vennero sviluppati, sull'esempio berlinese, nelle città di Dresda, Erfurt, Halle, Karl-Marx-Stadt (oggi Chemnitz), Lipsia, Magdeburgo e Rostock.

Treni passeggeri internazionali[modifica | modifica sorgente]

A causa della presenza della "cortina di ferro", i collegamenti internazionali erano rivolti principalmente ai paesi dell'Europa Orientale e la Scandinavia

  • Neptun (Berlino - Copenaghen) via Warnemünde-Gedsar
  • Vindobona (Berlino - Vienna)
  • Karlex/Karola (Berlino - Karlovy Vary)
  • Balt-Orient-Express (Berlino - Bucarest)
  • Saxonia (Lipsia-Keszthély)
  • Meridian (Malmö-Belgrado)
  • Istropolitan (Berlino-Bratislava)
  • Trakia (Lipsia-Varna)
  • Warnow (Warnemünde-Praga)
  • Favorit (Lipsia-Fonyod via Decin-Kolin-Olomuc)
  • Rujana (Binz-Bratislava)
  • Gedania Berlino-Gdynia
  • Ostsee-Expreß (Berlino-Copenaghen) via Warnemünde-Gedsar
  • Saßnitz-Expreß Berlino-Malmö
  • Berlinaren Berlino-Stoccolma

i servizi di prestigio sulle medie percorrenze erano espletati con complesso automotore VT 18.16, sull'esempio del VT 11.5 utilizzato dalla DB nei servizi TEE.[senza fonte] Altri collegamenti internazionali degni di nota, ma senza nome, erano

Interexpreß[modifica | modifica sorgente]

Era una rete di treni di qualità che collegavano le principali città del blocco sovietico, assimilabile, come tipologia di servizio, agli Eurocity nell'Europa occidentale. Gli IEx sono stati soppressi nel 1991 in seguito ai mutamenti politici avvenuti in Europa Orientale e la relativa apertura delle frontiere; come per gli Städteexpreß e i treni rapidi, alcuni nomi sono stati mantenuti dalle relazioni Eurocity/Intercity/Euronight sulle stesse tratte. Gli IEx operati dalle DR erano 5:

  • IEx 72/73 Metropol: Berlino-Budapest con vetture dirette da/per Bratislava e Vienna
  • IEx 74/75 Hungaria: Berlino-Budapest con vetture dirette da/per Malmö e Belgrado
  • IEx 76/77 Primator: Berlino- Praga
  • IEx 78/79 Progreß: Berlino-Praga
  • IEx 242/243 Berolina: Berlino-Varsavia-Brest con vetture dirette da/per Parigi

Städteexpreß[modifica | modifica sorgente]

I treni della categoria Städteexpreß erano i treni in servizio domestico più veloci e prestigiosi e collegavano Berlino con le principali città. Introdotti nell'autunno del 1976, erano caratterizzati da una livrea dedicata arancio (cassa)-beige (fascia dei finestrini). Ogni treno aveva in composizione vetture di 1ª e 2ª classe (in proporzioni quasi identiche) e una vettura ristorante-buffet gestita dalla compagnia Mitropa. Le locomotive, diesel o elettriche, alle quali erano affidati questi treni erano le più veloci del parco DR: la diesel 132 Ljudmila e la elettrica 243. Tutti i treni Städteexpreß avevano un nome che li faceva uscire dall'anonimato.

  • Elstertal Gera - Berlino
  • Stoltera Rostock - Berlino
  • Petermännchen Schwerin - Berlino
  • Börde Magdeburgo - Berlino
  • Rennsteig Meiningen - Berlino
  • Elbflorenz Dresda - Berlino
  • Sachsenring Zwickau - Berlino
  • Fichtelberg Karl-Marx-Stadt (oggi Chemnitz) - Berlino
  • Lipsia Berlino - Lipsia
  • Berlin-Expreß Berlino - Dresda
  • Berliner Bär Berlino - Erfurt
  • Thomaner Berlino - Lipsia

I servizi Städteexpreß sono terminati nel 1990 e il materiale rotabili è stato impiegato per treni espressi (D-zug) mantenendo però la livrea originale

La S-Bahn di Berlino Ovest[modifica | modifica sorgente]

Le DR gestirono la S-Bahn di Berlino anche nei settori occidentali della città.

In seguito all'erezione del Muro, il 3 agosto 1961, molti Berlinesi dell'Ovest iniziarono un'opera di boicottaggio della S-Bahn per danneggiare economicamente le autorità orientali.

Dopo lo sciopero degli impiegati delle DR di Berlino Ovest nel 1980, il servizio fu fortemente ridotto, e sospeso su gran parte della rete. Nel 1984, in seguito ad un accordo, la gestione della S-Bahn di Berlino Ovest passò alla BVG, che la mantenne fino al 1994. Da quella data l'intera S-Bahn berlinese è gestita da un'apposita società (S-Bahn Berlin GmbH), controllata dalla Deutsche Bahn.

Livree[modifica | modifica sorgente]

Dal 1950 al 1969 le locomotive da manovra diesel erano rosso orientale, le locomotive elettriche verde abete, come le carrozze passeggeri. Le vetture ristorante e i vagoni letto erano in livrea rossa con filetti oro.

Dal 1970 al 1990 le locomotive diesel ed elettriche da linea, erano rosso orientale mentre quelle da manovra erano arancio. Le vetture passeggeri ordinarie erano verde (cassa) beige (fascia dei finestrini) capriolo (tetto), mentre il materiale Städteexpreß (incluse le vetture buffet) erano arancio (cassa)-beige (fascia dei finestrini) capriolo (tetto). Le vetture ristorante e i vagoni letto mantennero la livrea rossa con filetti arancio o oro.

Elettrificazione[modifica | modifica sorgente]

Nei primi anni del dopoguerra, le poche linee già elettrificate della DR vennero deelettrificate, per inviare gli impianti in Unione Sovietica come riparazioni di guerra. Solo dal 1955 fu possibile la rielettrificazione di alcune linee, a partire dalle zone di Lipsia e Halle, dove il traffico era più intenso.

Negli anni sessanta e settanta, però, l'opera di elettrificazione procedette a rilento, perché la trazione Diesel era più conveniente, grazie ai combustibili venduti dall'Unione Sovietica alla RDT a prezzi molto convenienti. Negli anni ottanta, invece, venuta a cessare questa vendita a prezzi vantaggiosi, l'opera di elettrificazione procedette con maggiore rapidità, fino a toccare, nel 1984, l'allora stazione centrale di Berlino-Lichtenberg.

L'ultima locomotiva a vapore fu dismessa il 28 maggio 1988.

Direttori Generali[modifica | modifica sorgente]

  • Willi Besener (1946-1949)
  • Willi Kreikemeyer (1949-1950)
  • Erwin Kramer (1950-1970)
  • Otto Arndt (1970-1989)
  • Herbert Keddi (1989-1990)
  • Hans Klemm (1990-1991)

Pioniereisenbahnen[modifica | modifica sorgente]

Le ferrovie dei pionieri, comuni in tutti il mondo socialista, avevano lo scopo di indirizzare i bambini agli studi tecnici nel campo delle ferrovie e dei trasporti. Queste ferrovie erano gestite dai bambini particolarmente meritevoli a scuola e dai giovani pionieri, mentre la guida dei treni era affidata al personale delle DR; lo scartamento era differente: 600 mm (Berlino, Bernburg, Cottbus, Gera, Halle (Saale), Görlitz, Plauen, Karl-Marx-Stadt-Chemnitz), 500 mm (Vatterode) 381 mm (Dresda e Lipsia). La trazione era diesel o vapore. Dal 1990, in seguito ai profondi mutamenti politici nella Germania Democratica, sono state trasformate in ferrovie da parco, perdendo ogni connotazione ideologico-formativa.

Parco rotabili di trazione prima dell'unificazione con le DB[modifica | modifica sorgente]

I veicoli di trazione delle Deutsche Reichsbahn sono indicati in accordo con il sistema di numerazione adottato il 1 luglio 1970.

Dopo la riunificazione tedesca, avvenuta nel 1990, le locomotive, automotrici ed elettomotrici delle DR furono inserite, previa rinumerazione, nel sistema di classificazione delle ferrovie della Germania Ovest Deutsche Bundesbahn (DB) in vigore dal 1 gennaio 1968, in preparazione della fusione delle due imprese ferroviarie diventata poi effettiva il 1 gennaio 1994.

Locomotive a vapore[modifica | modifica sorgente]

NOTA: Fra le convenzioni in uso presso le DR la numerazione xx.6xxx era assegnata alle locomotive provenienti dalle precedenti imprese private.

Classificazione DR Classificazione o tipo d'origine Rodiggio Sottoclasse Note
fino al 1970 dal 1970
Locomotive con tender per treni Espressi
01.0–2 01.2 Einheitslok 2’C1’ S 36.20
01.5 01.0, 01.1 Rekolok 2’C1’ S 36.20
03.0–2 03.2 Einheitslok 2’C1’ S 36.18
03.0–2 03.2 Rekolok 2’C1’ S 36.18
03.10 Einheitslok 2’C1’ S 36.18
03.10 03.0, 03.1 Rekolok 2’C1’ S 36.18
07.10 Ricostruzione della SNCF 231-E 2'C1' S 36.18 Esemplare unico
08.10 Ricostruzione della SNCF 241-A 2’D1’ S 47.19 Esemplare unico
17.10–12 Prussian S 10.1 2’C S 35.17
18.0 Saxon XVIII H 2’C1’ S 36.17
18 201 02 0201 Neubaulok 2’C1’ S 36.20 Esemplare unico
18 314 02 0314 Rekolok 2’C1’ S 36.19 Esemplare unico
19.0 Saxon XX HV 1’D1’ S 46.17
19.0 04.0 Rekolok 1’D1’ S 46.18
Locomotive con tender per treni passeggeri
22 39 Rekolok 1’D1’ P 46.18
23 Einheitslok 1’C1’ P 35.18
23 35.2 Rekolok 1’C1’ P 35.18
23.10 35.1 Neubaulok 1’C1’ P 35.18
24 37 Einheitslok 1’C P 34.15
25 Neubaulok 1’D P 45.17 Esemplare unico, ricostruita come 25 1002
25.10 Neubaulok 1’D P 45.18
36.0–4 Prussian P 4.2 2’B P 24.15
38.2 38.5 Saxon XII H2 2’C P 35.15
38.10–40 38.1–4 Prussian P 8 2’C P 35.17
39 Prussian P 10 1’D1’ P 46.19 Rekolok classificata BR 22
Locomotive con tender per treni merci
41 41 Einheitslok 1’D1’ G 46.18, G 46.20
41 41 Rekolok 1’D1’ G 46.18
42 Kriegslokomotive 1’E G 56.17
43 Einheitslok 1’E G 56.20
44 44.0
44.1–2
44.9
Einheitslok 1’E G 56.20 Alimentazione a gasolio

Alimentazione a getto di carbone polverizzato
H 45 Rebuild from Einheitslok 45 1’E1’ G 57.20 bzw. G 57.18 Esemplare unico, cannibalizzata a favore della 18 201
50 50.10–31 Einheitslok 1'E G 56.15
50.35–37 50.35–37 Rekolok 1'E G 56.15
50.40 50.4 Neubaulok 1’E G 56.15
50.50 50.0 Rekolok alimentazione a gasolio 1’E G 56.15
52 52.10–77 Kriegslok 1’E G 56.15
52.80 52.80 Rekolok 1’E G 56.15
52 52.90 DR rebuild 1’E G 56.15 Alimentazione a getto di carbone polverizzato
55.0–6 Prussian G 7.1 D G 44.13
55.7–8 Prussian G 7.2 D G 44.13
55.16–22 Prussian G 8 D G 44.14
55.25–56 Prussian G 8.1 D G 44.17
56.1 Prussian G 8.3 1’D G 45.17
56.2–8 Prussian G 8.1 with carrying axle
Mecklenburg G 8.1 with carrying axle
1’D G 45.17
56.20–29 56.20–29 Prussian G 8.2
Oldenburg G 8.2
1’D G 45.17
57.10–35 57.13–32 Prussian G 10 E G 55.15
58.2–5, 10–21 58.11–13
58.14
-
58.10–21
Baden G 12
Saxon XIII H (variant 1919)
Württemberg G 12
Prussian G 12
1’E G 56.17
58.30 58.30 Rekolok
Prussian G 12
1’E G 56.17
Locotender per treni passeggeri
60 ex Lübeck-Büchener Eisenbahn 1’B1’ St 24.18, St 24.19
61 Einheitslok 2’C3’ St 38.18 Esemplare unico 61 002 ricostruita come 18 201
62 62 Einheitslok 2’C2’ Pt 37.20
64 64 Einheitslok 1’C1’ Pt 35.15
65.10 65 Neubaulok 1’D2’ Pt 47.18
70.1 Baden I g 1B Pt 23.15 Esemplare unico 70 125
71.3 Saxon IV T 1’B1’ Pt 24.16
72.0–3 Prussian T 5.2 2’B Pt 24.17 Esemplare unico 72 001, ex Eutin-Lübecker Eisenbahn-Gesellschaft
74.0–3 Prussian T 11 1’C Pt 34.16
74.4–13 Prussian T 12 1’C Pt 34.18
75.0-3 Baden VI b 1’C1’ Pt 34.15
75.4, 10–11 Baden VI c 1’C1’ Pt 34.16
75.5 75.5 Saxon XIV HT 1’C1’ Pt 34.17
77.1 Palatine Pt 3/6,
Bavarian Pt 3/6
1’C2’ Pt 36.16 Esemplare unico
78.0–5 78 Prussian T 18,
Württemberg T 18
2'C2' Pt 37.17
79 Ricostruzione della SNCF 242 TA 2’D2’ Pt 48.16 Esemplare unico
Locotender per treni merci
80 Einheitslok C Gt 33.17
83.10 83 Neubaulok 1’D2’ Gt 55.18
84 Einheitslok 1’E1’ Gt 57.20
86 86 Einheitslok 1’D1’ Gt 46.15 Nota anche come ÜK (Übergangskriegslok)
89.0 Einheitslok C Gt 33.16
89.2 Saxon V T C Gt 33.14
89.2 Saxon V T C Gt 33.14 Ultima serie a passo accorciato
89.6 Bavarian D II.II C Gt 33.15
89.7 Bavarian R 3/3 C Gt 33.15
89.8 Bavarian R 3/3 C Gt 33.16 Replica DRG
89.62 Prussian T 3 C G 33.10 T3 con tender
89.64 Prussian T 7 C Gt 33.12 Esemplare unico 89 6401
89.70–75 89 Prussian T 3 C Gt 33.10, Gt 33.11, Gt 33.12
90 Prussian T 9.1 1’C Gt 34.14
91.3–18 Prussian T 9.3 1’C Gt 34.15
91.19, 64 Mecklenburg T 4 1'C Gt 34.11, Gt 34.12, Gt 34.13
91.20 Württemberg T 9 1’C Gt 34.15
92.2–3 Baden X b.1-7 D Gt 44.15, Gt 44.16
92.4 Prussian T 13.1 D Gt 44.15, Gt 44.16
92.5–10 Prussian T 13, Oldenburg T 13 D Gt 44.15, Gt 44.16
93.0–4 93.8 Prussian T 14 D Gt 46.16
93.5–12 93 Prussian T 14.1
Württemberg T 14
D Gt 46.17
94.2–4 Prussian T 16 E Gt 55.15
94.5–17 94 Prussian T 16.1 E Gt 55.17
94.20–21 94 Saxon XI HT E Gt 55.16
95.0 Prussian T 20 1’E1’ Gt 57.19
95.66 HBE Tierklasse 1’E1’ Gt 57.16
96 Bavarian Gt 2x4/4 D’D Gt 88.15, Gt 88.16
98 98 vari Locomotive per linee locali e raccordi
Locomotive a vapore a scartamento ridotto
99 99 vari

Locomotive Diesel e automotori[modifica | modifica sorgente]

Classificazione DR Classificazione DB Rodiggio Trasmissione Note
fino al 1970 dal 1970 dal 1992
100.0 B Meccanica
100.1–7 310 B Meccanica
Köf 00.8–9 310 B Idraulica
V 15 101.1–3 311 B Idraulica
101.5–7 311 B Idraulica Rimotorizzata
V 23 102.0 312 B Idraulica
102.1 312 B Idraulica
V 36 103 C Idraulica
105 345 D Idraulica Sviluppo della BR 106
V 60 106 346 D Idraulica
(105/106) 347 D Idraulica A scartamento largo, in esercizio presso la stazione di Mukran
V 75 107 Bo’Bo’ Elettrica
108 298 B’B’ Idrodinamica
V 100 110 201 B’B’ Idraulica
111 293 B’B’ Idraulica
112 202 B’B’ Idraulica
114 204 B’B’ Idraulica
115 B’B’ Idraulica For a short time the correct class was BR 114
V 180 118.0–1, 5 228.0–1, 5 B’B’ Idraulica Some with rebuild motor 118.5 from 118.0
V 180 118.2–4, 6–8 228.2–4, 6-8 C’C’ Idraulica Some with rebuild motor 118.6–8 from 118.2–4
119 219 C’C’ Idraulica Frontale scambiato con la 116
V 200 120 220 Co’Co’ Elettrica
(V 300) 130 230 Co’Co’ Elettrica
131 231 Co’Co’ Elettrica
132 232 Co’Co’ Elettrica
142 242 Co’Co’ Elettrica
Köf 6001, 6003 199.0* 399.0 C Idraulica 199 001 (100 901), 199 002 (100 902), scartamento 750 mm
Kö 6002 C Meccanica scartamento 750 mm
Kö 6004 C Meccanica scartamento 750 mm
Kö 6005 B Meccanica Ns 3, scartamento 750 mm
Kö 6501, 6502 199.0* B Meccanica Ns 3, 100 903 (199 003I, 199 991), 100 904 (199 004I, 199 992), scartamento 1000 mm
199.0* C Meccanica 199 005 e 006 (100 905 & 100 906), scartamento 1000 mm
199.0* C Meccanica 199 007, 008, scartamento 750 mm
199.0* 399.1 B Meccanica 199 003II, 004II, 010–012, Kö II cambiato scartamento, 1000 mm gauge
199.1* C Meccanica 199 101, 102, scartamento 600 mm
199.1* C Meccanica 199 103, scartamento 600 mm
Kb 040. B Meccanica Kb 0401–0409, scartamento 600 mm
V 30 C 199.3* 399.1 C Idraulica (103 901) scartamento 1000 mm
199.8 299.8 C’C’ Idraulica scartamento 1000 mm
V 36K B’B’ Idraulica scartamento 750 mm
* La classificatione 199 fu introdotta a partire dal 1973.

Automotrici Diesel[modifica | modifica sorgente]

Classificazione DR Classificazione DB Rodiggio Trasmissione Note
fino al 1970 dal 1970 dal 1992
VT 2.09 171 771 1A Meccanica Railbus
VT 2.09.01 172.0 772.0 1A Meccanica Railbus
VT 2.09.02 172.1 772.1 1A Meccanica Railbus
772.3 1A Idromeccanica Ricostruita da una carrozza pilota
VT 4.12 173 (1A)(A1) Meccanica Tipo Bautzen
VT 18.16 175 675 B’2’+…+2’B’ Idraulica Tipo Görlitz
VT 12.14 181 (1 B)2’+…+2’(B1) Meccanica Tipo Ganz
SVT 137.2+8 182 electric Tipo DRG Köln
SVT 137 183 div. Tipo DRG Hamburg and Leipzig
VT 137.2 184 div. Tipo "DRG Ruhr"
VT 137.5 185 Some were (1A)(A1) div. Alcune di esse automotrici private
VT 135 186 Some were 1A div. Alcune di esse automotrici private
VT 133.5/VT 137.5 187 div. Meccanica Automotrici private a scartamento ridotto,
e. g. NWE T 3, GHE T 1, FKB T 1 and 2
ORT 135.7 188.0 708.0 A1 Meccanica Automotrice di servizio per ispezione linea aerea
VT 137.7 188.1 723.1 2’Bo’ Electric Automotrice di servizio per misure radio
ORT 137.7 188.2 708.2 (1A)2’ Meccanica Automotrice di servizio per ispezione linea aerea
188.3 708.3 B’2’ Idraulica Automotrice di servizio per ispezione linea aerea

Locomotive elettriche[modifica | modifica sorgente]

Ad eccezione del gruppo BR 251 tutte le locomotive erano azionate a 15 kV/16,7 Hz~.

Classificazione DR Classificazione DR Rodiggio Note
fino al 1970 dal 1970 dal 1992
E 04 204 1’Co1’
E 05 1’Co1’
E 11 211 109 Bo’Bo’
212 112 Bo’Bo’
E 17 1’Do1’
E 18 218 1’Do1’
E 21 2’Do1’
230 180 Bo’Bo’ Locomotive bitensione (15 kV, 16,7 Hz~ / 3 kV=) per servizi internazionali con la Cecoslovacchia, analoghe alle ČSD 372
E 42 242 142 Bo’Bo’
243 143 Bo’Bo’
E 44 244 Bo’Bo’
250 155 Co’Co’
E 251 251 171 Co'Co' 25 kV, 50 Hz~ (per servizio sulla "Rübeland Bahn")
252 156 Co’Co’
E 94 254 Co’Co’
E 77 (1’B)(B1’)
E 95 (255) 1’Co+Co 1’ Mai rinumerate
E 191 B’B’ 600 V=; 1.000 mm (per la linea a scartamento ridotto Klingenthal–Sachsenberg-Georgenthal)

Automotrici elettriche[modifica | modifica sorgente]

Classificazione
Motrici Rimorchiate pilota Rimorchiate DB class
fino al 1969 dal 1970 fino al 1969 dal 1970 fino al 1969 dal 1970 dal 1992 Note
ET 25 285
ET 25.2 285.2
ET 125 276.0 EB 125 276 476/876 Per la S-Bahn di Berlino
ET 165 275 ES 165 275 EB 165 275 475/875 Per la S-Bahn di Berlino
ET 166 276.0 EB 166 276 476/876 Per la S-Bahn di Berlino
ET 167 277 EB 167 277 477/877 Per la S-Bahn di Berlino
ET 168 278 ES 168 278 478/878 Per la S-Bahn di Berlino
ET 169 EB 169 Per la S-Bahn di Berlino
ET 170.0 278.2 Treno sperimentale per la S-Bahn di Berlino
270 270 485/885 Per la S-Bahn di Berlino
480 Per la S-Bahn di Berlino, ordinate dalla BVG, immesse in servizio dalle DR
ET 188.5 279 EB 188.5 279.0 479/879 "Buckower Kleinbahn"
ET 188.5 EB 188.5 "Schleizer Kleinbahn"
ET 188.5 Elettromotrice per trasporto bagagli sulla "Schleizer Kleinbahn"
ET 188.5 279.2 "Oberweißbacher Bergbahn"
ET 188.7 279.2 479.2 "Oberweißbacher Bergbahn"
280 2 prototipi per le linee S-Bahn della Germania Est
ET 197 21/22 EB 197 Per la ferrovia a scartamento ridotto "Klingenthal"
ET 198 01/02 EB 198 01/02 Per la ferrovia a scartamento ridotto "Klingenthal"
ET 198 03/04 EB 198 03/04 Per la ferrovia a scartamento ridotto "Klingenthal"
ET 198 05/06 EB 198 05/06 Per la ferrovia a scartamento ridotto "Klingenthal"

Veicoli ad accumulatori[modifica | modifica sorgente]

Classificazione
fino al 1969 dal 1970 Remarks
AT 585–592, 613/614 In servizio nell'area di Gotha

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (DE) AA.VV. Eisenbahn in der DDR. Sconto bei GeraMond verlag 2006 GmBH

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]