Chris Mordetsky

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chris Mordetzky
Fotografia di {{{nome}}}
Nome Christopher Todd Mordetzky
Ring name Chris Masters
Chris Mordetzky
Chris Moore
American Adonis
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Nascita Santa Monica
8 gennaio 1983
Altezza dichiarata 193 cm
Peso dichiarato 125 kg
Allenatore staff OVW
UPW Ultimate University
Debutto 2002
Progetto Wrestling

Christopher Todd Mordetzky (Santa Monica, 8 gennaio 1983) è un wrestler statunitense. Combatteva nella World Wrestling Entertainment con lo pseudonimo Chris Masters.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Mordetsky inizialmente partecipa a gare amatoriali di bodybuilding in California, per poi iniziare ad intraprendere la strada del wrestling nella Ultimate Pro Wrestling (UPW), federazione dove erano state scoperte future stelle della WWE come John Cena. Seguendo il percorso di Cena, anche Mordetsky viene messo sotto contratto dalla WWE, che lo fa prima allenare nella sua federazione satellite, ossia la Ohio Valley Wrestling (OVW).

WWE (2005-2007)[modifica | modifica sorgente]

Masterlock Challenge e feud con Shawn Michaels (2005-2006)[modifica | modifica sorgente]

Il gran passaggio in WWE avverrà ad inizio 2005, all'età di soli 22 anni. Col nome di The Masterpiece Chris Masters debutterà nella federazione durante l'edizione di Raw del 21 febbraio 2005 in un match contro Steven Richards, in cui gli romperà il naso con la sua Polish Hammer e successivamente lo sottomette con una variante della Full Nelson: la Masterlock. Nelle settimane successive batte anche dei lottatori locali. Decide poi di inventare la Masterlock Challenge, in pratica una scommessa: chi sarebbe uscito dalla finisher di Masters, ovvero la Masterlock, avrebbe vinto $1000 dollari, somma che sarebbe aumentata ogni settimana fino a quando qualcuno non sarebbe riuscito a vincere la sfida. Il capolavoro sfida molti fan o lottatori locali in questa sfida ma nessuno riuscirà a vincerla. Il 23 maggio ritorna sulle scene Steven Richards che sfida Chris Masters per vendicarsi. Masters lo sconfigge nuovamente. Inizia un feud con Val Venis e Sgt. Slaughter sfidandoli ad uscire alla Masterlock e batte anche Sgt. Slaughter in un match uno contro uno evadendo dalla Cobra Cluth scorrettamente con un Low Blow. In seguito batte nella MasterLock Challenge anche Rosey e Tajiri, quest'ultimo battuto anche in un match normale. Il 25 luglio fa coppia con Gene Snitsky e sconfigge Shelton Benjamin in un Handicap match ma la settimana dopo Shelton trova un partner, The Big Show, che in coppia con lui, sconfiggono Masters e Snitsky. L'8 agosto sfida Shelton in un match uno vs uno e a vincere è proprio il Capolavoro.

Inizia quindi una rivalità con The HeartBreak Kid Shawn Michaels. Nel primo match contro Michaels e Ric Flair Masters sottomette the Nature Boy, in questo match fa coppia con Carlito. Successivamente HBK partecipa alla Masterlock Challenge, anche Shawn è costretto a cedere alla Masterlock. Il 12 settembre perde per squalifica contro Ric Flair. Successivamente viene sconfitto da HBK in un match normale ad Unforgiven 2005, tra l'altro il primo Pay Per View della WWE a cui partecipa Masters. Il giorno dopo l'evento partecipa ad un match 4 vs 4 in squadra con Edge, Kurt Angle e Snitsky ma a vincere è il team composto da John Cena, Big Show, Matt Hardy e appunto HBK. Il 26 settembre fa di nuovo coppia con Carlito e sconfigge John Cena e Shawn Michaels in un Table Match. La settimana successiva sempre in coppia con Carlito perde contro Triple H e Ric Flair. Il 10 ottobre batte Tajiri. Dopo il feud con HBK il capolavoro inizia la rivalità contro Smackdown! nella sfida tra i due roster. Invade proprio il roster blu in più occasioni sia con Edge che con Carlito. A Taboo Tuesday in coppia con Gene Snitsky perde contro Rey Mysterio e Matt Hardy. Il 7 novembre in coppia con Kurt Angle sconfigge HBK e Cena con Daivari arbitro speciale. Partecipa anche al 5 vs 5 delle Survivor Series nel Team Raw insieme a Carlito, Shawn Michaels, Kane e Big Show ma a trionfare è il Team Smackdown! composto da Rey, JBL, Bobby Lashley, Randy Orton e il campione del mondo Batista.

Chris Masters durante un House Show

La Masterlock Challenge incomincia lentamente a sparire dalle edizioni settimanali di Raw, e Masters inizia ad ottenere i primi match titolati. Il 28 novembre 2005 ottiene la sua prima occasione di vincere il WWE Championship in un match a tre contro Kurt Angle e il campione John Cena, in cui quest'ultimo farà arrendere Masters con la sua STF, diventando il primo lottatore ad aver ceduto alla nuova finisher di Cena. Un altro match per il titolo del mondo verrà ottenuto da Masters tramite una vittoria su Viscera durante l'edizione di Raw del 12 dicembre 2005. La vittoria permetterà a Masters di lottare nell'Elimination Chamber per il titolo del mondo al pay-per-view New Year's Revolution dell'8 gennaio 2006. Il 19 dicembre perde contro il campione WWE John Cena. Il 2 gennaio batte Shelton Benjamin e la domenica dopo partecipa all'Elimination Chamber. Per l'ennesima volta Masters torna a casa con un nulla di fatto, e a quasi un anno dal debutto in WWE non ha ancora ottenuto una vittoria importante. Il 23 gennaio fa coppia con Edge ma perde contro Ric Flair e John Cena.

Storyline con Carlito e licenziamento (2006-2007)[modifica | modifica sorgente]

The Masterpiece decide quindi di stringere un'alleanza con Carlito Caribbean Cool. Il 30 gennaio in un'edizione di Raw hanno un match per i titoli di coppia contro Kane e Big Show ma a vincere sono i campioni. La settimana dopo batte Kane in un uno contro uno. Nelle settimane successive però perde con Rob Van Dam e Kane in due match normali. Il 13 marzo in squadra con Carlito e Triple H perde contro Kane, Big Show e John Cena. La settimana dopo perde contro Big Show per squalifica e nell'edizione successiva viene sfidato da The Big Show a sottometterlo nell'ormai famosa presa di sottomissione. Masters rifiuta la sfida. Masters e Carlito ottengono anche un match per i World Tag Team Championships a WrestleMania 22 contro i campioni Big Show e Kane, ma i due non riescono a portarsi le cinture a casa.

Questa ennesima sconfitta porterà i due ad una faida. Il 24 aprile fa squadra con Matt Striker e Shelton Benjamin ma a vincere è la squadra di Carlito composta, oltre al caraibico, da RVD e Charlie Haas. Il 30 aprile nel PPV Backlash 2006, Chris Masters perde con Carlito. Il giorno dopo fa ancora coppia con Shelton contro Carlito e RVD ma perde nuovamente. Nel mese di maggio avrà un'opportunità per il titolo Intercontinentale ma perde in un Fatal 4 Way contro Haas, Benjamin e il campione RVD, quest'ultimo vincitore del match. Nelle settimane successive fa squadra con HHH e Shelton ma perde un match in superiorità numerica contro John Cena e RVD e successivamente perderà anche nell'edizione di Raw, la settimana dopo, contro John Cena. Nei giorni seguenti Chris viene trovato positivo ad un test antidoping. Masters verrà sospeso dalla WWE e tornerà sul ring solo alcuni mesi dopo, precisamente il 6 agosto 2006 durante uno show della OVW.

Chris Masters esegue una Headlock su Shawn Michaels

Ritorna a Raw il 28 agosto contro Cena ma a vincere è il Marine di Boston. Masters aveva però perso gran parte della sua massa muscolare ed aveva un fisico più slanciato. Sebbene il suo fisico ritornerà quello di un tempo in pochi mesi. Masters al suo ritorno in WWE inizierà ad accumulare diverse sconfitte, specialmente contro Super Crazy. Il 16 ottobre Chris Masters avrà un'opportunità per il titolo Intercontinentale in un match a 4 contro Super Crazy, Shelton Benjamin e il campione Jeff Hardy, a vincere è quest'ultimo che mantiene il titolo. La settimana dopo torna alla vittoria in coppia con Shelton battendo Carlito e Jeff Hardy. Sconfiggerà anche Jerry Lawler sia in un match normale che nella MasterLock Challenge. Ma il 27 novembre Jerry Lawler riuscirà finalmente a battere il Capolavoro. Il 4 dicembre avrà l'ennesima opportunità di vincere il WWE Title contro John Cena ma non riuscirà a sfruttarla. Decide così di ricominciare la faida con Carlito e nel primo match in coppia con Viscera perderà contro il caraibico e Jerry Lawler. Il 18 dicembre sfiderà Carlito in un match uno contro uno che finirà in No-Contest. Nell'edizione di Natale Masters sfida e batte "Babbo Natale" nella MasterLock Challenge. Il primo gennaio farà coppia con Kenny e sconfiggerà Carlito e Ric Flair. Una vittoria prestigiosa avviene a New Year's Revolution 2007, dove sconfigge appunto il suo vecchio alleato/rivale Carlito. Il 22 gennaio perde con Super Crazy ma la settimana dopo si prende la rivincita in un Tag Team match in coppia con Kenny, sconfigge nuovamente Carlito e appunto Super Crazy. Il mese di febbraio inizia bene, fa squadra con il World's Greatest Tag Team e sconfigge il suo rivale Carlito che fece squadra con i Cryme Tyme. Il 15 febbraio fa un passo in dietro perdendo contro Jeff Hardy. Nelle settimane successive ripropone la Masterlock Challenge sconfiggendo Jim Duggan ma il 19 marzo, per la prima volta qualcuno riuscì ad uscire dalla Masterlock di Masters, ossia l'ECW Champion Bobby Lashley.

Il 16 aprile batte Super Crazy e avanza una richiesta per il titolo Intercontinentale di Santino Marella. Nel maggio seguente il capolavoro inizia quindi una rivalità con il neo campione Intercontinentale Santino Marella. Durante gli show settimanali di Raw Chris ha più opportunità per il titolo ma Santino lo batte per due volte, sempre nello stesso modo, grazie a dei Roll-Up. A fine maggio prende parte ad un Gauntlet match per determinare il Number 1 contender al titolo ECW. Nel match presero parte Umaga, Viscera, Shane McMahon e Bobby Lashely ma a vincere è quest'ultimo. A inizio giugno perde ancora contro Santino Marella in un match per il titolo Intercontinentale. Successivamente Masters si prende una piccola rivincita nella puntata del 28 maggio di Monday Night Raw sottomettendo Santino Marella durante la Masterlock Challenge.

Chris Masters scherza con un fan dell'esercito americano

In seguito alla Draft Lottery svoltasi nel corso della puntata di RAW dell'11 giugno 2007 Chris Masters è passato da RAW a SmackDown!. Fa il suo esordio nello show blu il 6 luglio sconfiggendo Jimmy Wang Yang ma la settimana dopo perde contro Matt Hardy. Il 20 luglio prende parte ad una Battle Royal per il World Heavyweight Title reso vacante quella sera da Edge. Masters non vince e il nuovo campione sarà The Great Khali. La settimana dopo fa coppia con MVP ma perde contro Matt Hardy e Ric Flair. Il 3 agosto subisce un'altra sconfitta per mano di Kane. La settimana dopo ripropone la Masterlock Challenge e sconfigge uno spettatore. Inizia una faida con Chuck Palumbo con risultati alterni. Il loro primo match va a favore di Palumbo e nella puntata del 31 agosto Masters lo sfida nella Mastelock Challenge ma finisce tutto con un nulla di fatto. Nel mese di ottobre ci saranno due incontri contro l'ex membro dell'FBI. Il primo vinto da Chuck Palumbo, il secondo vinto da Chris Masters. In questo mese Chris subisce un infortunio al gomito. L'8 novembre 2007 la federazione ha licenziato Mordetsky; la notizia è stata pubblicata sul sito ufficiale della WWE[1] e le motivazioni sono da ricondurre al reiterato ricorso da parte del wrestler alle sostanze dopanti.

Circuiti indipendenti (2007-2009)[modifica | modifica sorgente]

Il 20 dicembre 2007 Mordetsky ha fatto la sua prima apparizione su un ring dopo il licenziamento dalla WWE, usando lo pseudonimo Chris Moore; nell'occasione, ha vinto un match contro Ryuji Yanagisawa durante lo show Genome2: Inoki Fighting Xmas della Inoki Genome Federation (IGF) a Tokyo. Mordetsky sarà impegnato nel tour spagnolo della Nu-Wrestling Evolution (NWE).

Ritorno in WWE (2009-2011)[modifica | modifica sorgente]

Cambi di roster e vari feud (2009-2010)[modifica | modifica sorgente]

Chris Masters contro MVP nel Tribute to the Troops

Mordetsky ritorna in WWE il 27 luglio 2009 con la gimmick di Chris Masters e affronta MVP in un "Beat the Clock challenge" match per determinare lo sfidante di Randy Orton a Summerslam, ma l'incontro termina con un doppio count-out. Il 6 agosto a Supertars Masters sconfigge Santino Marella e pochi giorni dopo a Raw ci sarà il remacth tra il capolavoro e MVP ma a vincere è quest'ultimo. Due settimane dopo riappare a Supertars perdendo contro Mark Henry per Count-Out. Nelle settimane successive apparirà spesso a Superstars con risultati alterni, sconfiggerà Santino Marella ma perderà contro Evan Bourne e Primo. Riappare a Raw il 28 settembre in coppia con Chavo Guerrero sconfiggendo Santino Marella e Hornswoggle. Nelle settimane successive subirà varie sconfitte, la prima il match contro Mark Henry e MVP in coppia con Chavo. Due settimane dopo prende parte ad un match 5 contro 5 in squadra con Chavo, Primo, MVP ed Evan Bourne ma Chris Masters perde nuovamente, ad aggiudicarsi la vittoria è la squadra di Big Show, Mark Henry, Kofi Kingston, Cody Rhodes e Jack Swagger. Scomparirà dalle scene per un mese ma rientrerà per prendere parte ad un match 3 contro 3 in trio con Chavo e Swagger ma perderà contro MVP, Mark Henry e R-Truth. Durante la puntata di Raw del 7/12/09 Masters effettua un turn face salvando Eve e Hornswoggle da Chavo Guerrero, bloccandolo nella Masterlock. Nella puntata del 21/12/09, sconfigge Carlito, e viene ricompensato con un bacio da Eve Torres. Masters in questo periodo verrà accompagnato spesso da Eve durante i suoi match. Il 31 dicembre a Superstars perderà contro Carlito e Swagger in coppia con MVP. Il 2010 inizia male per Chris, il 7 gennaio sarà a Superstars accompagnato da Eve in un incontro contro Ted DiBiase ma perderà il match. La settimana dopo sempre a Superstars batterà il suo vecchio partner Carlito e pochi giorni dopo a Raw viene messo contro Randy Orton, dopo un'ottima prova viene schienato da The Viper dopo la sua RKO. Il 28 gennaio si qualificherà alla Royal Rumble in un'edizione di Superstars battendo Primo e Chavo Guerrero in un match a tre sottomettendo il messicano con la Masterlock. Partecipa quindi alla Royal Rumble dove entra con il numero 20 ma viene eliminato dopo meno di un minuto da The Big Show. Scompare per un po' dai ring della WWE salvo tornare il 25 febbraio a Superstars in coppia con Santino Marella contro Jack Swagger e William Regal. A Vincere furono però quest'ultimi.

Chris Masters passa al roster di SmackDown il 27 aprile 2010 con la Supplemental Draft e nel suo primo match sconfigge Chavo Guerrero. Un mese dopo a Superstars Chris ripropone la Master Lock challenge dove sconfigge Caylen Croft e subito dopo sfida anche Trent Barretta ma appena prima di chiuderlo nella sua presa viene attaccato da Croft che nel frattempo si era ripreso. Successivamente combatte contro Dolph Ziggler per due volte, perdendo tutti e due i match, a SmackDown. Masters in questo periodo appare spesso nelle puntate di Superstars ma perde in molti match contro Caylen Croft, Chavo Guerrero, Drew McIntyre e Jack Swagger. Nella puntata di Smackdown! del 6 agosto 2010 disputa un Six Men Tag Team Match insieme a MVP e a JTG contro la SES ma il suo team perde. Viene usato sempre più come un jobber fino a quando termina la sua Losing Streak il 9 settembre vincendo in coppia con Kofi Kingston contro Dolph Ziggler e Chavo Guerrero.

Nella puntata di Smackdown! del 24 settembre perde un match contro il World Champion Kane. Successivamente il Capolavoro torna alla vittoria con una convincente sfida contro Vance Archer, accompagnato da Curt Hawkins, sottomettendolo nella MasterLock causando involontariamente anche lo split tra Archer e Hawkins dato che durante il match Vance atterra Hawkins nel tentativo di colpire Masters. Successivamente insieme ad MVP sfida, sempre a Superstars, gli allora campioni di coppia Drew McIntyre e "Dashing" Cody Rhodes ma a trionfare sono proprio quest'ultimi. La settimana successiva Masters perde ancora contro the Chosen One. Nell'ottobre 2010 intraprende una rivalità con Tyler Reks. Il loro primo match è un uno contro uno a Superstars e a vincere è però Tyler Reks; la settimana successiva, nel medesimo show, Masters perde nuovamente contro Reks. Nella puntata di Raw del 15 novembre dedicata alle vecchie glorie viene annunciato l'unico match 5 vs 5 Traditional Survivor Series match nell'omonimo PPV e Chris appare come componente del team Mysterio insieme a Big Show, Kofi Kingston, MVP e ovviamente il capitano Rey. Nella puntata di SmackDown! successiva a Raw Chris Masters viene messo contro Jack Swagger, uno degli sfidanti alle Survivor Series, ma a vincere è l'All American American. Nel Main Event parteciperà anche nella Battle Royal 5 vs 5 dove a trionfare e proprio il suo team anche se the Masterpiece viene eliminato a circa metà gara da Del Rio poco dopo aver eliminato il suo rivale Tyler Reks. A Survivor Series il Team Mysterio (Rey Mysterio, Big Show, Kofi Kingston, MVP e Chris Masters) sconfigge il Team Del Rio (Alberto Del Rio, Cody Rhodes, Drew McIntyre, Jack Swagger e Tyler Reks).

WWE NXT Pro; Feud con Tyler Reks (2010-2011)[modifica | modifica sorgente]

Il 30 novembre 2010 viene annunciato che Chris Masters sarà il pro del rookie Byron Saxton nella quarta stagione di NXT. Nella puntata successiva di SmackDown! del 3 dicembre Chris viene sconfitto da Cody Rhodes. Appare nella prima stagionale della quarta stagione di NXT annunciando il suo rookie definendolo un "non Capolavoro...ma quasi". In questa puntata i due non combatteranno ma Byron si cimenterà in una prova perdendola. Nella puntata di SmackDown! successiva Masters ripropone la ormai famosa "Masterlock Challenge" sfidando Cody Rhodes. Inizialmente il figlio dell'American Dream si rifiuta ma Chris lo colpisce ripetutamente al volto facendolo inviperire e, mentre Cody si stava specchiando, il Capolavoro lo imprigiona nella Masterlock facendolo svenire e vincendo la sfida. Nella seconda puntata di NXT Chris Masters fa coppia con Byron Saxton in un match di coppia contro Ted DiBiase e il suo rookie Brodus Clay ma perdono l'incontro per colpa di Saxton quando si prende il cambio senza il consenso di Masters e viene schienato dopo la Dream Street di Ted. Masters non tenta neanche di interrompere lo schienamento come "lezione" per Byron che a fine match viene comunque consolato dal suo Pro. Nella stessa settimana a Smackdown! viene sconfitto da Cody Rhodes. Pochi giorni dopo a NXT combatte nel Main Event in trio con il suo rookie Byron Saxton e la campionessa delle Divas Natalya sconfiggendo Ted DiBiase, Maryse e il rookie Brodus Clay. La puntata successiva di NXT si apre con una Battle Royal tra tutti i Pros e chi avrebbe vinto avrebbe potuto scambiare il suo rookie con qualunque altro ma a vincere è stato Dolph Ziggler eliminando per ultimp proprio il capolavoro. Dolph sceglie Byron Saxton, rookie di Masters che si deve prendere il protetto di Ziggler, Jacob Novak che però verrà eliminato dal voto dei fan a fine serata. In seguito perde a WWE Superstars contro Tyler Reks, ma la settimana successiva sempre a WWE Superstars sconfigge Curt Hawkins.

Chris Masters

Nella puntata successiva di WWE Superstars del 13 gennaio Masters fa coppia con JTG e sconfigge la squadra formata da Curt Hawkins e Chavo Guerrero sottomettendo quest'ultimo nella sua celebre finisher. La settimana successiva Masters realizza una bella doppietta, a NXT si prende una piccola rivincita sul suo ex Rookie Byron Saxton sconfiggendolo grazie alla MasterLock, e pochi giorni dopo sconfiggerà nuovamente Curt Hawkins in quel di Supertars. Il 30 gennaio partecipa all'annuale Royal Rumble Match entrando con il numero 14 ma sfortunatamente capita in momento critico visto che il Nexus stava dominando l'incontro infatti proprio il loro leader CM Punk lo elimina con l'aiuto dei suoi alleati. Due giorni dopo a NXT sconfigge nuovamente Byron Saxton. Nella puntata di SmackDown! dell'11 febbraio, Masters viene sconfitto da Drew McIntyre. Masters però si riscatta la settimana successiva a WWE Superstars sconfiggendo per la prima volta Tyler Reks sottomettendolo nella Masterlock dopo una convincente prestazione. Masters nelle due sfide precedenti con Reks non aveva mai vinto. Sette giorni dopo il Capolavoro bissa il successo della settimana precedente sottomettendo nuovamente Reks nella Masterlock. Il 3 marzo, sempre nello show di Supertars, Chris sottomette Curt Hawkins vincendo il match agilmente ma a fine incontro Il Capolavoro viene attaccato da Tyler Reks che lo colpisce con il Rekkoning Day. Nella puntata successiva a Superstars Chris viene messo ancora una volta contro Tyler Reks, il Capolavoro riesce a sottomettere Reks portandosi sul 3 a 0. Nella puntata di Smackdown del 18 marzo perde contro Jack Swagger. A fine match subisce anche un Ankle Lock da Michael Cole. Nella puntata di Superstars del 22 marzo Tyler Reks richiede ed ottiene un'ulteriore sfida con Il Capolavoro. Dopo un match molto combattuto, Chris riesce a sottomettere Reks nella MasterLock per la quarta volta consecutiva. Nella puntata precedente a WrestleMania XXVII Chris viene sconfitto da Cody Rhodes.

Ritorno a Raw e Rilascio (2011)[modifica | modifica sorgente]

A WrestleMania XXVII il Capolavoro partecipa all'annuale 22 Men Battle Royal a telecamere spente vinta però da The Great Khali. Chris appare anche durante lo show duettando "We Will Rock You" con Yoshi Tatsu davanti a Theodore Long e Snoop Dogg. Il 14 aprile, a WWE Superstars sconfigge Curt Hawkins. Il giorno dopo a SmackDown! partecipa a una 20 Man Battle Royal per determinare il primo sfidante al titolo del mondo reso vacante dopo il ritiro di Edge. Arriva tra gli ultimi 6 ma viene eliminato da Wade Barrett, la Battle Royal se l'aggiudicherà Christian. La settimana dopo sempre nello show blu viene sconfitto, dopo un match molto combattuto, da Drew McIntyre. Il 26 aprile a Raw partecipa ad una SmackDown! vs Raw Battle Royal per determinare quale roster avrebbe avuto la prima scelta al Draft. Chris viene eliminato tra gli ultimi da Mark Henry ma SmackDown, il suo roster vince comunque l'incontro. Poche ore dopo viene draftato nello show rosso. Chris ricompare sul ring nella puntata di Superstars del 12 maggio, dove riesce a sconfiggere Drew McIntyre con una magnifica prestazione. Il 9 giugno sconfigge JTG a Superstars. Il 30 giugno, sempre a Superstars, sconfigge di nuovo JTG. Nella puntata di WWE Superstars del 28 luglio perde un match di coppia insieme a Santino Marella contro i WWE Tag Team Champions David Otunga e Michael McGillicutty. Il suo ultimo match in WWE è un incontro a Superstars che lo vede uscire sconfitto per mano di Jack Swagger. Durante la giornata del 5 agosto 2011, la WWE tramite il suo sito ufficiale ha annunciato il licenziamento del wrestler Chris Masters.

Circuito indipendente (2011-presente)[modifica | modifica sorgente]

Chris Masters nel 2013

Neanche un giorno dal suo addio alla federazione di Stamford Chris viene ingaggiato in Portogallo dalla World Stars of Wrestling per un tour mondiale che partirà dal Portogallo il 19 agosto 2011. Il 20 agosto in Portogallo sconfigge Joe E.Legend sottomettendolo nella Masterlock. Il 28 gennaio 2012 prende parte al primo show della Ring Ka King, nuova federazione indiana gestita dalla TNA, dove lancia l'Adonis'Challange, che consiste nel sottomettere qualche spettatore alla sua Master Lock. Il 10 marzo sconfigge Barood. Il 31 marzo Mahabali Veera spezza la sua masterlock, ma Masters la riapplica sottomettendolo. I due poi si affrontano in un match che vede Masters uscire sconfitto. Ad aprile sconfigge Roscoe Jackson (Trevor Murdoch). In seguito Master diventa wrestler della Nu-Wrestling Evolution. Nel 2012 viene annunciato per l'evento "The revolution of Rome" della nuova federazione italiana la RWF(Rome wrestling federation). Durante quell'evento sconfigge Super Nova e diventa il primo RWF Heavyweight Championship.

Vita Personale[modifica | modifica sorgente]

Mordetsky ha rivelato che i suoi idoli nel wrestling sono Ultimate Warrior e Shawn Michaels.

John Cena ha rivelato che Masters è il lottatore più forte fisicamente che lui abbia mai affrontato. Anche se il capolavoro non ha mai battuto John nel ring.

Chris è un grande amico di Randy Orton, Rob Van Dam e Carlito con il quale ha fatto più volte coppia nella WWE.

Mordetsky è sposato con Vesela Marinova.

Sospensioni per doping[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi World Wrestling Entertainment#Il Wellness Program.

Nell'agosto 2007 Chris Mordetsky è stato sospeso per trenta giorni dalla WWE perché il suo nome è stato trovato nel database clienti della Signature Pharmacy, società sotto inchiesta per aver venduto senza regolare ricetta medicinali e sostanze dopanti.[2] Mordetsky è stato sospeso una seconda volta il 2 novembre 2007, questa volta per sessanta giorni.[3]

Nel Wrestling[modifica | modifica sorgente]

Chris Masters esegue la MasterLock su Renè Dupreè
Mosse finali[modifica | modifica sorgente]
Mosse caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Soprannomi[modifica | modifica sorgente]

  • "The Living, Breathing Statue"
  • "The Roman General"
  • "The Masterpiece"

Theme Entrance[modifica | modifica sorgente]

  • Overdrive by Jim Johnston

WWE Brand Extension[modifica | modifica sorgente]

  • Febbraio 2005 - Giugno 2007: Raw
  • Giugno 2007 - Novembre 2007: Smackdown!
  • Luglio 2009 - Aprile 2010: Raw
  • Aprile 2010 - Aprile 2011: Smackdown!
  • Aprile 2011 - Luglio 2011: Raw

Faction[modifica | modifica sorgente]

  • Febbraio 2005 - Novembre 2007: Heel
  • Luglio 2009 - Dicembre 2009: Heel
  • Dicembre 2009 - Agosto 2011: Face

Manager[modifica | modifica sorgente]

Alleanze[modifica | modifica sorgente]

Rivalità[modifica | modifica sorgente]

Condotta in PPV WWE[modifica | modifica sorgente]

2005

  • Unforgiven - Shawn Michaels def. Chris Masters
  • Taboo Tuesday - SmackDown Vs. Raw Tag Team match - Rey Mysterio & Matt Hardy def. Chris Masters & Gene Snitsky
  • Survivor Series - SD! Vs. Raw Traditional Survivor Series 5 on 5 Tag Team Elimination Match: Team Smackdown!(Rey, Batista, Randy Orton, JBL & Bobby Lashley) def. Team Raw (Shawn Michaels, Kane, Big Show, Chris Masters & Carlito)
  • SumerSlam - Chris Masters vs diablo. sconfitta

2006

  • New Year's Revolution - Elimination Chamber for the WWE Title - John Cena def. Kurt Angle, Chris Masters, Kane, HBK & Carlito. Masters eliminato per quarto da Carlito
  • Royal Rumble - Royal Rumble match - Maters entrato con il numero 19. Rimasto sul ring per 07:01 minuti. Eliminato da Carlito
  • Wrestlemania 22 - Tag Team match per i World Tag Team Titles - Kane e Big Show (Campioni) def. Carlito & Chris Masters
  • Backlash - Carlito def. Chris Masters

2007

  • New Year's Revolution - Chris Masters def. Carlito
  • Royal Rumble - Royal Rumble match - Masters entrato con il numero 17. Rimane sul ring per 03:32 minuti. Eliminato da Rob Van Dam

2010

  • Royal Rumble - Masters entrato con il numero 20. Rimane sul ring per 29 secondi. Eliminato da Big Show
  • Survivor Series - Traditional Survivor Series 5 on 5 Elimination match - Team Mysterio(Rey, Big Show, Chris Masters, Kofi Kingston & MVP) def. Team Del Rio(Alberto Del Rio, Jack Swagger, Drew McIntyre, Cody Rhodes & Tyler Reks)

2011

  • Royal Rumble - Masters entrato con il numero 14. Rimane sul ring per 1 minuto e 58 secondi. Eliminato da CM Punk.

Titoli e riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Rome Wrestling Federation

  • RWF Heavyweight Championship (1)

Vendetta Pro Wrestling

  • Vendetta Pro Heavyweight Championship (1)

World League Wrestling

  • WLW Heavyweight Championship (1)

Ohio Valley Wrestling

Pro Wrestling Illustrated

  • 165° tra i 500 migliori wrestler singoli nella PWI 500 (2011)
  • 205° tra i 500 migliori wrestler singoli nella PWI 500 (2012)
  • 280° tra i 500 migliori wrestler singoli nella PWI 500 (2013)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Chris Masters released, WWE.com, 8 novembre 2007. URL consultato il 9 novembre 2007.
  2. ^ Daniel Pena, Orton Appears At 9/1 Raw House Show, Other Signature Pharmacy Clients Don't, rajah.com, 2 settembre 2007. URL consultato il 2 settembre 2007.
  3. ^ World Wrestling Entertainment Suspends Two Performers, WWE.com, 2 novembre 2007. URL consultato il 3 novembre 2007.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

wrestling Portale Wrestling: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di wrestling