Celastraceae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Celastraceae
Celastrus orbiculatus.jpg
Celastrus orbiculatus
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Rosidae
Ordine Celastrales
Famiglia Celastraceae
R.Br. 1814
Classificazione APG
Regno Plantae
(clade) Angiospermae
(clade) Mesangiospermae
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Rosidi
(clade) Eurosidi I
(o Fabidi)
Ordine Celastrales
Serie tipo
Celastrus
L., 1753
Sinonimi
  • Canotiaceae
  • Chingithamnaceae
  • Euonymaceae
  • Goupiaceae
  • Lophopyxidaceae
  • Siphonodontaceae
Sottofamiglie[1]
Infiorescenza di Gymnosporia senegalensis

Celastraceae R.Br. 1814[2] è una famiglia di piante rampicanti, cespugli e alberi dell'ordine Celastrales.

La famiglia comprende circa 100 generi per un totale di circa 1 300 specie. Tra queste vi è in particolare il celastro, cespuglio a crescita rapida molto utilizzato per la realizzazione di siepi.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Le Celastraceae sono piante arboree, arbustive o rampicanti, a volte pubescenti, glabre o quasi glabre[3].

Sono piante monoiche, poligamodioiche o dioiche[3].

Le foglie possono essere alterne, opposte e verticillate, semplici, intere, crinate e seghettate, con cristalli di ossalato di calcio[3]. Le stipole sono persistenti, caduche o assenti[3].

Le infiorescenze sono ascellari o in nodi floreali accompagnati da foglie non sviluppate, cimose, tirsoidi, racemose o fascicolate; le brattee sono presenti, erose, con fiori actinomorfi[3]. I sepali sono 4 o 5, liberi o uniti alla base, embricati, talvolta persistenti[3]. I petali sono 4 o 5, liberi o embricati[3]. Gli stami sono presenti in ugual numero delle parti del perianzio[3]. I filamenti sono liberi e spuntano da sotto o al margine del disco; essi sono alternipetali o alternisepali[3].

Le antere sono tetrasporangiate e ditecate oppure bisporangiate, con deiscenza longitudinale, comunemente introrse o laterali (extrorse e a volte quasi terminali in Euonymus). L'ovario può essere superiore, semisuperiore o, più raramente, semiinferiore, con 2–5 carpelli e con pari numero di loculi (a volte può essere abortito un loculo). Lo stilo è terminale, in generale con 2-5 lobi. Gli ovuli sono solitamente 1, 2 o 3, 2–6 in Canotia, numerosi in Goupia, eretti, raramente penduli, con placenta ascellare[3].

Il frutto può essere una capsula, una samara, una bacca o una drupa. I semi hanno arilli piccoli[3].

Le Celastraceae possono produrre guttaperca (politerpeni), dulcitolo, alcaloidi e composti digitalici (Evonoside, Evobioside, Evomonoside).

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

La maggior parte dei generi cresce nelle aree tropicali. Solamente Celastrus, Euonymus e Maytenus sono diffusi anche nelle aree a clima temperato.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

La famiglia Celastraceae è suddivisa nelle 5 sottofamiglie e nei generi seguenti[4][5][6][7]:

  • Parnassioideae: 2 generi, per un totale di 51 specie:
    • Parnassia L., con 50 specie presenti nell'Olartico
    • Lepuropetalon Elliott (Syn.: Cryptopetalum Hook. & Arn.), genere monotipico che include la sola specie:
      • Lepuropetalon spathulatum

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Celastraceae R. Br., nom. cons. in Germplasm Resources Information Network, United States Department of Agriculture, 17 gennaio 2003. URL consultato il 16 aprile 2009.
  2. ^ Robert Brown, Voy. Terra Austral., 2: 554, 1814 [19 luglio 1814]
  3. ^ a b c d e f g h i j k Celastraceae in Tropicos.org. Missouri Botanical Garden: Flora de Nicaragua. URL consultato il 17 febbraio 2010.
  4. ^ Celastraceae - ITIS
  5. ^ Celastraceae - The Plant List
  6. ^ Celastraceae - IPNI
  7. ^ Celastraceae - Crescent Bloom

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica