Cattedrale di Notre-Dame (Lussemburgo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cattedrale di Nostra Signora
Esterno
Esterno
Stato Lussemburgo Lussemburgo
Località Blason ville lu Luxembourg-ville.svgLussemburgo
Religione Cattolica
Titolare Maria
Diocesi Arcidiocesi di Lussemburgo
Stile architettonico Tardo gotico
Inizio costruzione 1613
Completamento 1938
Sito web Sito ufficiale della cattedrale

La cattedrale di Nostra Signora (Lussemburghese: kathedral Notre-Dame, francese: cathédrale Notre-Dame, tedesco: Kathedrale unserer lieben Frau) è la cattedrale cattolica di Lussemburgo.

Storia e architettura[modifica | modifica wikitesto]

L'interno
La cantoria barocca di Daniel Muller da Freiberg.

La chiesa venne eretta dai Gesuiti, che stabilitisi in città nel 1594, divennero potenti con l'apertura di un collegio nel 1603 e decisero l'erezione di un grande edificio religioso. La chiesa venne eretta in stile tardo gotico, con influssi rinascimentali su progetti del gesuita Jean Du Blocq, mentre la direzione dei lavori fu affidata a Ulrich Job da Lucerna. La prima pietra fu posta il 7 maggio 1613 dal rettore del collegio, François Aldenard. Dopo otto anni di lavori la chiesa era terminata e il 17 ottobre 1621 venne solennemente consacrata dal vescovo ausiliare di Treviri Georg von Helffenstein[1] e dedicata all'Immacolata Concezione. Negli anni seguenti seguirono continui lavori di abbellimento e ammodernamento, e videro soprattutto la creazione dei prezioso mobilio barocco, fra cui emergono i confessionali e la grande tribuna della cantoria, quest'ultima, riccamente scolpita, è opera di Daniel Muller da Freiberg.

Nel 1773 la Compagnia di Gesù viene soppressa da papa Clemente XIV; la loro chiesa di Lussemburgo viene, nel 1778, elevata a parrocchiale e intitolata ai Santi Nicola e Teresa. Nel 1794 la parrocchiale accoglie la statua miracolosa della Madonna Consolatrice degli afflitti, che si trovava in una cappella fuori le mura e divenuta patrona del Lussemburgo. Tuttavia già nel 1801, cambia dedica, e viene intitolata a San Pietro, ritornerà alla Madonna nel 1848.

In seguito all'indipendenza del Granducato di Lussemburgo del 1867, la parrocchiale viene elevata a cattedrale il 27 settembre 1870 da Papa Pio IX; e un secolo più tardi, nel 1988, diviene arcidiocesi.

Nuovi, imponenti, lavori di ampliamento furono affidati all'architetto Hubert Schumacher tra il 1935 e il 1938. Inoltre il coro venne rifatto nel 1962-63. Alla fine della ristrutturazione la cattedrale venne di nuovo consacrata l'8 dicembre 1963, giorno dell'Immacolata Concezione.

Una cripta costruita nel sottosuolo, e dedicata a San Pietro, svolge la funzione di necropoli dei Granduchi del Lussemburgo. L'altare della cripta è opera dello scultore Claus Cito.

Personaggi sepolti[modifica | modifica wikitesto]

Nella cripta sono inumati numerosi membri della famiglia ducale del Lussemburgo:

Due altri Granduchi di Lussemburgo, Adolfo di Lussemburgo e Guglielmo IV di Lussemburgo, on furono sepolti qui, ma nella Schlosskirche di Weilburg, in Germania.

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Note e referenze[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Sito ufficiale della Cattedrale

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]