Arcidiocesi di Lussemburgo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Arcidiocesi di Lussemburgo
Archidioecesis Luxemburgensis
Chiesa latina
Luxembourg Cathedrale Notre-Dame.jpg
Arcivescovo Jean-Claude Hollerich, S.J.
Arcivescovi emeriti Fernand Franck
Sacerdoti 205 di cui 148 secolari e 57 regolari
2.004 battezzati per sacerdote
Religiosi 68 uomini, 371 donne
Diaconi 6 permanenti
Abitanti 537.000
Battezzati 411.000 (76,5% del totale)
Superficie 2.586 km² in Lussemburgo
Parrocchie 275 (14 vicariati)
Erezione 2 giugno 1840
Rito romano
Cattedrale Nostra Signora
Indirizzo B.P. 419, 4 Rue Genistre, L-2014 Lussemburgo
Sito web www.cathol.lu
Dati dall'Annuario Pontificio 2014 * *
Chiesa cattolica in Lussemburgo
Il complesso dell'abbazia dei Santi Maurizio e Mauro di Clervaux, edificata tra il 1909 ed il 1910.
La tomba di San Villibrordo, conservata all'interno della chiesa dell'abbazia di Echternach.

L'arcidiocesi di Lussemburgo (in latino: Archidioecesis Luxemburgensis) è una sede della Chiesa cattolica immediatamente soggetta alla Santa Sede. Nel 2013 contava 411.000 battezzati su 537.000 abitanti. È attualmente retta dall'arcivescovo Jean-Claude Hollerich, S.I.

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

L'arcidiocesi comprende l'intero Granducato del Lussemburgo.

Sede arcivescovile è la città di Lussemburgo, dove si trova la cattedrale di Nostra Signora. Nel territorio si trovano anche l'ex abbazia nullius dei Santi Maurizio e Mauro a Clervaux, e l'abbazia di Echternach, la cui chiesa ha il rango di basilica minore.

Il territorio si estende su 2.586 km² ed è suddiviso in 275 parrocchie, raggruppate in 5 regioni pastorali[1] e 14 decanati[2]: Bettembourg, Clervaux, Diekirch, Echternach, Esch-sur-Alzette, Grevenmacher, Koerich, Lussemburgo Est, Lussemburgo Ovest, Mersch, Ospern, Remich, Vianden e Wiltz.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fino alla rivoluzione francese, dal punto di vista ecclesiastico il territorio del Granducato era parte della diocesi di Liegi a nord, e dell'arcidiocesi di Treviri a sud. Con la bolla Qui Christi Domini del 29 novembre 1801, con la quale papa Pio VII riorganizzava le circoscrizioni ecclesiastiche cattoliche della Prima Repubblica francese, il territorio del Lussemburgo entrò a far parte della diocesi di Metz. Nel 1823, gran parte del suo territorio fu annesso a quello della diocesi di Namur.

Con il raggiungimento dell'indipendenza statale, anche la Chiesa lussemburghese fu resa autonoma da quella belga e tedesca e il 2 giugno 1840 venne eretto il vicariato apostolico di Lussemburgo per effetto del breve Universi Dominici Gregis di papa Gregorio XVI, ricavandone il territorio dalle diocesi di Liegi e di Namur.

Il 27 settembre 1870 il vicariato apostolico fu elevato a diocesi con il breve In hac Beati Petri di papa Pio IX.

Il 4 agosto 1937 cedette una porzione di territorio a vantaggio dell'erezione dell'abbazia territoriale dei Santi Maurizio e Mauro di Clervaux, che fu tuttavia soppressa nel 1946 ed il suo territorio reintegrato in quella della diocesi lussemburghese.

La diocesi è stata elevata al rango di arcidiocesi il 23 aprile 1988 con la bolla Sicut homines di papa Giovanni Paolo II.

Cronotassi degli arcivescovi[modifica | modifica wikitesto]

  • Johann Theodor van der Noot † (25 dicembre 1833 - 8 novembre 1841 dimesso)
  • Johann Theodor Laurent † (1º dicembre 1841 - 10 luglio 1856 dimesso)
  • Nikolaus Adames † (7 maggio 1848 - 27 ottobre 1883 dimesso)
  • Johannes Joseph Koppers † (28 settembre 1883 - 29 novembre 1918 deceduto)
  • Petrus Nommesch † (8 marzo 1920 - 9 ottobre 1935 deceduto)
  • Joseph Laurent Philippe, S.C.I. † (9 settembre 1935 succeduto - 21 ottobre 1956 deceduto)
  • Léon Lommel † (21 ottobre 1956 succeduto - 13 febbraio 1971 ritirato)
  • Jean Hengen † (13 febbraio 1971 succeduto - 21 dicembre 1990 ritirato)
  • Fernand Franck (21 dicembre 1990 - 12 luglio 2011 ritirato)
  • Jean-Claude Hollerich, S.I., dal 12 luglio 2011

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

L'arcidiocesi al termine dell'anno 2013 su una popolazione di 537.000 persone contava 411.000 battezzati, corrispondenti al 76,5% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1950 289.500 291.000 99,5 601 501 100 481 220 1.800 267
1969 315.475 335.113 94,1 524 437 87 602 135 1.708 240
1980 344.100 362.211 95,0 457 359 98 752 132 1.251 274
1990 356.155 374.900 95,0 352 269 83 1.011 2 109 964 274
1999 372.800 423.700 88,0 286 205 81 1.303 7 99 706 275
2000 377.700 429.200 88,0 283 206 77 1.334 92 686 275
2001 378.000 435.700 86,8 279 207 72 1.354 7 85 650 275
2002 380.000 441.300 86,1 268 196 72 1.417 7 85 619 275
2003 382.000 441.300 86,6 255 187 68 1.498 7 81 595 275
2004 388.000 448.300 86,5 248 180 68 1.564 7 80 566 275
2013 411.000 537.000 76,5 205 148 57 2.004 6 68 371 275

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elenco dal sito web dell'arcidiocesi.
  2. ^ Elenco dal sito web dell'arcidiocesi.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN144495280 · LCCN: (ENn2010070911 · GND: (DE4124704-8